Storie di amore e morte

nessivillamodVenerdì 22 novembre alla Feltrinelli di Como si respirava un clima di intensa partecipazione. Un folto pubblico ha ascoltato le parole illuminate di Vittorio Nessi. Nell’ambito delle iniziative della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, l’avvocata Grazia Villa ha guidato con calore l’incontro di presentazione di Strani amori. Amore e morte in corte d’assise [Robin edizioni, 2013, 266 pagg., 12,75 euro] scritto dal giudice comasco.

Il libro è un lungo racconto composto da storie di amore e morte tenute insieme dalla figura del pubblico ministero Ferretti che indaga i tanti risvolti dell’esistenza umana nei diversi protagonisti dei processi penali. Il processo viene visto come momento di conoscenza che fa emergere sentimenti ancestrali e che trasforma le persone.

Grazia Villa ha dialogato con l’autore sottolineando la grande poeticità del linguaggio impiegato nel raccontare tragedie umane. La lettura di alcuni passaggi del libro ha svelato una scrittura raffinata ricca di riferimenti e citazioni letterarie.

Soprattutto è stato messo in luce il coraggio di Vittorio Nessi nell’elaborare un punto di vista maschile, che parte da sé e che non si sottrae all’appartenenza di genere. L’autore ha affermato che il femminicidio fa emergere l’incapacità culturale di elaborare i  cambiamenti sociali degli ultimi quarant’anni nei rapporti tra generi. Il protagonista del libro commenta così una delle tante tragedie descritte: «Ancora una volta l’indipendenza di una donna aveva evocato la debolezza del maschio scatenando la violenta reazione dell’impotenza». [Adriana Mascoli, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: