Nuova raccolta rifiuti a Como dal 3 giugno

rifiutiNella seconda metà di marzo partirà la campagna di comunicazione. Sacco nero, sacco viola e campane del vetro saranno presto sostituiti.

Si comincerà con una lettera del sindaco di Como, Mario Lucini, e dell’assessore all’Ecologia e ambiente, Bruno Magatti, a tutti cittadini (e in più lingue) per informare ufficialmente dell’avvio del nuovo servizio con l’elenco delle serate informative organizzate per spiegare i nuovi sistemi di raccolta e le modalità per la distribuzione dei nuovi contenitori.

«In che cosa consiste il miglioramento? – spiegano da Palazzo Cernezzi – Le frazioni saranno cinque: organica; carta/ cartone/ tetrapack; vetro e barattoli/ lattine; plastica; frazione secca indifferenziata. Spariranno le campane del vetro dalle strade, dove oggi molte persone si sentono legittimate ad abbandonare ogni tipo di rifiuto».

«Per la frazione organica (avanzi di cibo, scarti di frutta e verdura) saranno consegnati alle famiglie bidoncini di colore marrone da 10 litri e sacchetti biodegradabili – precisa il comunicato –; per carta/ cartone/ tetrapak i bidoncini di colore blu avranno una capienza di 40 litri; per il vetro e i barattoli/ lattine in alluminio bidoncini di colore verde da 30 litri; la plastica finirà in appositi sacchetti semitrasparenti di colore giallo; sacchetti trasparenti, infine, per la frazione secca indifferenziata (ossia tutto ciò che non è riciclabile). Oltre ai bidoncini, ad ogni famiglia saranno assegnati 100 sacchi trasparenti da 100 litri per la frazione secca residua (indifferenziato), 50 sacchi gialli semitrasparenti da 100 litri per gli imballaggi in plastica, 100 sacchi biodegradabili da 10 litri per la raccolta della frazione organica (umido)».

«Già i primi segnali di novità sono apparsi in città: l’utilizzo di piccole spazzatrici nel centro storico, la posa di nuovi cestini e gli automezzi utilizzati, a basso impatto ambientale a metano ed Euro 5 – sottolineano da via Vittorio Emanuele II –. Con l’avvio della nuova raccolta verrà incrementato del 25 per cento il personale addetto alla pulizia del suolo, verrà attivato il lavaggio stradale, sarà automatizzato, con la posa di una sbarra, l’accesso alla nuova piattaforma ecologica di via Stazzi, da poco autorizzata dal Consiglio comunale; lo stesso accesso sarà regolato tramite tessere personali».

«Siamo finalmente partiti. Gli uffici stanno chiudendo gli ultimi dettagli ma la macchina è in moto – dichiara Magatti –. Nelle prossime settimane i cittadini riceveranno una lettera, in cui si chiarisce il percorso. Le persone assistite dall’assessorato alle Politiche sociali riceveranno direttamente dal nostro personale i bidoncini e per predisporre una consegna porta a porta agli anziani sono in corso contatti con alcune associazioni di volontariato. In questa, che sarà una vera e propria rivoluzione, coinvolgeremo naturalmente anche i bambini, i primi a sgridare gli adulti, con una campagna informativa che sarà promossa nelle scuole, in collaborazione con l’assessorato alle Politiche educative, rappresentato da Silvia Magni». [md, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: