Giorno: 4 Marzo 2014

Europee/ Giuliana Sgrena candidata a Como

sgrena-01Saranno comunicati ufficialmente mercoledì 5 marzo [Presto on line il servizio della nostra Barbara Battaglia sulla conferenza stampa di presentazione delle liste] i candidati e le candidate della lista L’altra Europa con Tsipras. Tra loro, nella Circoscrizione elettorale della quale fa parte anche la provincia di Como, ci sarà Giuliana Sgrena. La candidatura della giornalista de il manifesto, saggista,  da sempre impegnata per la Pace e Diritti ed esponente della presidenza nazionale di Sel,  è stata fortemente sostenuta anche con una raccolta di firme tra le attiviste e gli attivisti lariani della lista L’altra Europa con Tsipras. La fase forse più delicata dell’avventura  del nuovo progetto che unisce le sinistre politiche e sociali italiane con l’ambizione di andare anche  oltre esse inizierà dal 6 marzo con la raccolta delle firme (150mila) per la presentazione della lista. Già pronto un vademecum su come procedere. Presto su ecoinformazioni tutte le informazioni sui banchetti organizzati da Como per Tsipras.

Amleto Luraghi è stato rieletto segretario dei pensionati Cgil

amletoIl direttivo Spi provinciale lo ha rieletto per il secondo mandato

«Il 6 marzo di 70 anni fa, in piena occupazione nazista, gli operai di alcune fabbriche comasche scendevano in sciopero – ha detto Luraghi nella relazione introduttiva – Ho ricordato questo avvenimento perché non dobbiamo dimenticare che è nell’opposizione al fascismo che si risollevò la coscienza politica del paese». Dire che la spesa previdenziale costa troppo, significa affermare che gli anziani sono un peso per la società: «In realtà, la stragrande maggioranza delle pensioni ha importi bassi; in provincia di Como, meno del 15% supera i 1500 euro, 25% va dai 500 ai 1000 e il 41% sta tra i 100 e i 500».
Il nostro territorio diventa più “anziano”: «In provincia ci sono oltre 35 mila persone che hanno più di 80 anni e, nel 2020, saranno circa 47 mila: la prevenzione e la qualità del vivere dovranno diventare il principale impegno delle politiche sanitarie».
Il negoziato sociale con i comuni è un punto essenziale delle attività del sindacato pensionati: «I circa 40 verbali d’accordo che ogni anno sigilliamo con le amministrazioni significano che per noi, al centro delle politiche sociali, c’è il sostegno alla domiciliarità e i servizi di assistenza sociale. Allo stesso modo, il confronto con l’Asl e i Piani di Zona deve diventare un altro punto essenziale d’iniziativa».
«La scelta d’attivare degli sportelli sociali – conclude Luraghi – non vuole sostituirsi alla risposta che deve venire dalle istituzioni ma vuole servire a rendere esigibili diritti e aiutare le persone nell’espressione dei propri bisogni. Sugli aspetti della protezione e promozione sociale, il principale interlocutore e alleato è l’Auser». [aq, ecoinformazioni]

 

 

Concorsi per piazza Roma e piazza Volta

ztl-2-2Due bandi promossi dal Comune di Como in collaborazione con l’Ordine degli architetti.

 

«Saranno banditi entro il mese di marzo i concorsi di progettazione per il futuro delle aree di piazza Roma-piazza Grimoldi-via Pretorio e di piazza Volta-via Grassi-via Garibaldi – assicura Palazzo Cernezzi –. Al vincitore sarà poi affidato l’incarico di sviluppare i successivi livelli di progettazione, definitiva ed esecutiva».

«Il bando sarà pubblicato da marzo a maggio (la pubblicazione sarà di due mesi) – precisa un comunicato –; entro giugno si procederà con l’esame dei progetti e a seguire con l’affidamento dell’incarico al vincitore che dovrà predisporre i progetti definitivi ed esecutivi che saranno poi messi in gara».

«Abbiamo scelto la strada del concorso – afferma l’assessora alla Mobilità e all’arredo urbano Daniela Gerosa – perché vogliamo aprire alla consultazione il futuro di questi spazi». «Lo ritengo un importante segnale di apertura – aggiunge l’assessore all’Urbanistica Lorenzo Spallino –. Il concorso apre a forme di collaborazione con la città e alle ricchezze professionali che questa esprime». [md, ecoinformazioni]

Parcheggi giallo-blu

parcheggi giallobluQuesta la proposta della lista civica Per Como per: «Garantire la sosta dei residenti, senza penalizzare le attività economiche».

 

Mentre Palazzo Cernezzi sta affrontando la sua mozione sui parcheggi in convalle attorno alla città murata Per Como lancia un nuova proposta: «In piazza Roma, in attesa di definire esattamente come riqualificarla, perché non dare la possibilità di giorno di parcheggiare a tutti? Oggi è sotto gli occhi di tutti la piazza spesso desolatamente vuota e inutilizzata. Come fare?»

Con i posteggi giallo-blu, chiariscono gli esponenti della lista civica di opposizione, che «avrebbero lo scopo di garantire la sosta dei residenti, senza penalizzare le attività economiche».

Come funzionerebbero? «La sosta dalle ore 20 alle 9 (o come eventualmente deciso) verrebbe riservata esclusivamente a residenti, dimoranti e attività alberghiere della Ztl, quindi il parcheggio sarebbe giallo, mentre di giorno gli spazi diventerebbero blu a disposizione di tutti». Così come accade già a Verona. [md, ecoinformazioni]

Confermato il Bando calore

8 COMOCOMUNEMentre continuava la protesta anti Ztl, con la nuova manifestazione organizzata da Rapinese e dal Comitato Como di tutti in pieno svolgimento, il Consiglio comunale del 3 marzo ha dibattuto su un altro tema piuttosto discusso: il Bando calore per gli edifici pubblici, a cui è stata dedicata gran parte della seduta.

Minuto di silenzio e Ztl

Ovviamente gli echi dei “fischietti” sono arrivati anche nell’aula di Palazzo Cernezzi, visto che il corteo ha sostato per diversi minuti proprio sotto le finestre del Consiglio Comunale. La rumorosa protesta ha così “disturbato” il minuto di silenzio per lo sciopero generale del marzo del ’44, mentre ancora sul tema della Ztl si sono registrati gran parte degli interventi preliminari. Marco Butti, Gruppo Misto, ha attaccato nuovamente la Giunta, a cominciare dall’ormai famoso richiamo del Sindaco al “resistere, resistere, resistere”: «Come si fa a paragonare Tangentopoli con le proteste degli ultimi giorni? Dal sindaco un segno di scarso rispetto, il problema Ztl deve essere affrontato più seriamente».

Critiche appoggiate da altri esponenti della minoranza, come Anna Veronelli, che ha “parlato” di «non c’è peggior sordo di chi non vuole stare ad ascoltare», ed Enrico Cenetiempo del Nuovo Centrodestra, che ha invitato l’amministrazione a «non sottovalutare i segnali che vengono dalla piazza».

La replica della maggioranza è stata affidata allo stesso Lucini, che ha smentito il suo ricorso alla celebre esortazione del magistrato Francesco Saverio Borelli, definendo il tutto come «una polemica montata sul nulla, non ha usato quella frase, e non capisco perché continuare ad insisterci. Sulla Ztl non si torna indietro».

Bando Calore: la mozione di Ceruti

Concluso l’ennesimo “match” sulla futura Zona a traffico limitato, il Consiglio è passato ad esaminare l’unico altro punto all’ordine del giorno, l’eventuale revoca del bando per l’affidamento dei servizi termici degli edifici comunali, al centro di una mozione di revoca del consigliere 5 Stelle Luca Ceruti.

«Il Bando, così com’è strutturato, è di fatto superato nei tempi e nei modi- ha esordito l’esponente pentastellato- appare infatti inconciliabile con la partecipazione di Como al progetto dell’Anci per l’efficientamento energetico, mancando totalmente un riferimento a questo obiettivo». Inoltre il Comune rischierebbe di trovarsi «legato ad un contratto capestro dalla durata molto lunga, ben nove anni, con costi esorbitanti alla luce delle attuali difficoltà economiche».

La soluzione, ha concluso Ceruti, sarebbe di revocare il contratto, «comunque il comune ha ancora tempo per dire no, procedendo in seguito a convocare una nuova gara d’appalto. Magari il tutto potrebbe essere trattato in una seduta aperta a tutta la cittadinanza, visti i propositi di trasparenza che quest’amministrazione porta avanti». Proposte condivise da buona parte dell’opposizione, da Rapinese e Ada Mantovani, tornati dalla protesta in Piazza Roma, a Laura Bordoli e Diego Peverelli della Lega Nord, d’accordo soprattutto sul discutere il tema di fronte alla cittadinanza.

Dubbi invece dalla maggioranza, a cominciare dal capogruppo democratico Legnani, che si è definito «perplesso sull’opportunità di una simile operazione, proprio per un discorso di trasparenza, essendo la gara in corso soggetta a precise norme di comportamento per la pubblica amministrazione». Più che ad assemblea aperta, ha rilanciato in conclusione l’esponente Dem, si potrebbe «pensare ad un convegno ad hoc sul tema, sarebbe di sicuro più utile».

Esaurita la discussione, si è così proceduto alla votazione finale: compatta maggioranza per il no alla mozione, mentre nella minoranza spicca il voto contrario di Anna Veronelli (non astenuta come scritto precedentemente Ndr). La proposta è stata così respinta [Luca Frosini, ecoinformazioni]

NOTA: Si allega il documento illustrando il quale l’assessore all’Ambiente Bruno Magatti ha risposto punto su punto alle critiche mosse sulla questione Bando calore. Leggi il documento.

 

 

Gerardo Larghi segretario generale Cisl dei Laghi

cisl dei laghiCon l’80 per cento dei consensi del Consiglio generale di venerdì 28 febbraio prende il posto di Carmela Tascone.

 

«Alla guida del sindacato cislino affiancheranno Larghi, Roberto Pagano nel ruolo di segretario generale aggiunto, Gloria Paolini, Leonardo Palmisano e Sergio Moia gli altri componenti della segreteria – spiega una nota della Cisl dei Laghi – che comprende le province di Como e Varese, si colloca al quarto posto nella graduatoria nazionale delle Unioni territoriali per numero di iscritti».

«I due territori seppur caratterizzati da una medesima vocazione manifatturiera, presentano tuttavia due realtà industriali con caratteristiche marcatamente diverse – prosegue la nota –. Como, infatti, è contrassegnata dalla corposa presenza di imprese piccole e piccolissime, mentre a Varese, per converso, sussistono ancora grandi poli industriali come ad esempio quello che gravita su Malpensa. Punto in comune della nuova aggregazione territoriale è costituito dalla consistente presenza di lavoratori frontalieri».

«Un dato centrale per la nuova Cisl dei Laghi – dichiara il neosegretario – è rappresentata dalle politiche famigliari e da tutto ciò che ruota attorno ad esse; gli strumenti che intenderemo sviluppare sono la politica contrattuale, in particolare quella decentrata sul territorio ed in azienda, e un sistema di al cui centro ci siano le famiglie e i loro bisogni ed interessi». [md, ecoinformazioni]

9 marzo/ Aperitivo, mercatino autoproduzioni e vintage, mostra illustrazione

090314qualcosabolleinpentolaDjset Massi Lanciasassi, domenica 9 marzo alle 19 al Teatro San Teodoro in via Corbetta 7 a Cantù, iniziativa per raccolta fondi e diffusione del progetto di riqualificazione del Parco Argenti, organizza Qualcosa bolle in pentola. Per informazioni qualcosabolleinpentola-como@blogspot.it.

Interrogazione sul Tilo,

logo_tiloGaffuri: «Vagoni chiusi per mancanza di personale, pendolari stretti come sardine e continui malori. La Giunta intervenga»

«Negli ultimi giorni abbiamo ricevuto numerose segnalazioni da parte dei pendolari della linea Milano-Como San Giovanni che lamentano la chiusura di diversi vagoni del treno. In molti ci hanno raccontato di treni stracolmi con gente stipata e di alcuni casi di malori dovuti alle cattive condizioni di viaggio – afferma il consigliere regionale lombardo del Pd Luca Gaffuri in una nota del 3 marzo –. Il problema era stato già segnalato a Trenord dal comitato pendolari per l’azienda era tutto rientrato, per i pendolari no visto che i treni continuano a viaggiare con carrozze inaccessibili all’utenza. Vorremmo conoscere dall’assessore regionale Del Tenno nel dettaglio i motivi di questo disservizio e in che modo la Regione intende risolverlo. A breve presenterò un’interrogazione ad hoc». [md, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: