Giorno: 7 Aprile 2014

L’altra Europa/ Argiris Panagopoulos, Anna Giuriato e Daniela Padoan

tsipras «Noi siamo l’alternativa, e proprio per questo non possiamo dare respiro a chi sta impoverendo il Paese e il continente. Dobbiamo inchiodarli ai loro errori». E’ un fiume in piena Argiris Panagopoulos, candidato per l’Altra Europa e ospite, insieme alle colleghe di lista Anna Giuriato e Daniela Padoan, della serata d’approfondimento organizzata dal comitato comasco e tenutasi venerdì 4 aprile presso la Cascina Maseè.
I tre candidati, introdotti da Bruno Saladino e con Panagopoulos in collegamento via Skype dalla Palermo visitata recentemente dallo stesso Tsipras, si sono concentrati, di fronte ad una quarantina di persone, sulle ragioni alla base della lista, a cominciare dall’analisi della situazione continentale e del prezzo che la terra d’origine di Argiris, la Grecia, sta pagando sull’altare del rigore economico e dell’austerity.
Un paese, la Grecia, che ha dato origine alla civiltà occidentale, e che all’attuale UE ha “donato” gran parte delle sue istituzioni e degli ideali fondativi, tra l’altro esplicitamente richiamati nel suo testo costituzionale. Eredità che però non ha salvato le terre elleniche da un crollo economico, politico e sociale quasi simbolico, potenzialmente profetico per tutti i suoi vicini mediterranei, Italia in testa.
«Quello che il Nord Europa- ha richiamato la Padoan, riprendendo l’introduzione di Saladino- sta facendo ai danni del Sud si può riassumere in un termine: darwinismo sociale». Parola che può indicare la convinzione che sia la Forza, finanziaria e politica, a determinare i rapporti tra gli Stati, e che non può che condannare quelli più deboli, come la Grecia, alla sopraffazione e alla marginalizzazione, mere terre di conquista per soggetti transnazionali dagli interessi non propri limpidi. “Perversioni”, quest’ultime, presenti nell’inconscio di una data mentalità, oggi dominante nel Vecchio Mondo.
I risultati? La miseria, antico e debellato spauracchio, nuovamente alle porte dell’Unione, un Paese suo membro colpito nel profondo, «uguale all’Argentina post default del 2001», devastato da povertà e disperazione.
Orizzonte cupissimo quindi, ma a cui si può reagire. Come? Con un’altra Europa, e con un’altra politica. «Come assessore in un piccolo comune lombardo- ha testimoniato la Giuriato- so bene cosa significhi avere risorse sempre più scarse e non riuscire a garantire servizi essenziali. Diventa quindi necessario costruire l’alternativa, partendo magari da iniziative come la carovana a sostegno delle donne greche a cui ho recentemente partecipato». Alternativa richiamata poi anche da Argiris, che dalla Sicilia ha ripercorso le tappe che hanno portato alla candidatura di Tsipras, e agli obiettivi che la lista si è posta: «Alexis è riuscito a costruire in pochi anni un soggetto politico fortissimo, quella Syriza primo partito greco in tutti i sondaggi- ha ricordato l’esponente ellenico- e da qui siamo voluti ripartire anche in Italia». Italia che, al di là delle difficoltà delle forze nazionali di Sinistra, rappresenta per Panogopoulos un banco di prova fondamentale nella corsa al Parlamento di Bruxelles, grazie a spazi politici sempre più ampi. «Il PD ha completamente rinunciato ad un identità progressista, con un vuoto del genere le possibilità per noi sono enormi».
Qualche risultato è già stato ottenuto, ha notato Argiris: «Sel e Rifondazione, che in altre circostanze non avrebbero mai partecipato ad un lista unitario, hanno invece deciso di sostenere il nostro simbolo». Una prova di grande maturità, che, ha concluso il candidato, «è un ottico viatico per la lista, c’è grande ottimismo ed entusiasmo».
Prossimo appuntamento per l’Altra Europa, mentre è in via di conclusione la raccolta firme, sarà l’incontro con Domenico Finiguerra in CNA, lunedì 7 aprile. [Luca Frosini, eco informazioni]

9 aprile/ Quale futuro per l’Ue vogliono i giovani

elezioni europee 2014Chiamati a partecipare per la prima volta alle elezioni del Parlamento europeo?, incontro con alcune classi delle scuole superiori di Como, mercoledì 9 aprile alle 10.30 alla Sede territoriale di Como della Regione Lombardia in via Einaudi 1, in collegamento con l’auditorio Giorgio Gaber di Palazzo Pirelli a Milano.

 

«Il dibattito affronteràtemi quali l’esistenza di un popolo europeo, le competenze dell’Ue, il processo incompiuto di costruzione europea e altro – spiega la presentazione –.Se ne parla con Paola Mariani, professore associato di diritto internazionale e diritto dell’Ue – Università L. Bocconi, Fabrizio Spada, direttore Rappresentanza regionale di Milano della Commissione europea, e Bruno Marasà, direttore Ufficio di informazione a Milano del Parlamento europeo. Modera Dario Colombo di Europarlamento24».

«L’iniziativa è organizzata da Europe Direct Lombardia, in collaborazione con la Commissione europea, il Parlamento Europeo e Aiccre – conclude la nota –.Le domande e i contributi dei giovani cittadini sul futuro dell’Ue saranno portati all’attenzione delle autorità di Governo nazionali e della Commissione europea prima delle elezioni europee».

Per informazioni tel. 031.320308, e-mail punto_europa_como@regione.lombardia.it. [md, ecoinformazioni]

Polizia locale: Comando parziale con Monza

sede polizia locale comoAlessandro Casale sarà a Como dal 7 aprile al 31 agosto part-time.

 

«L’amministrazione comunale di Como e Monza hanno stipulato un comando parziale per il dottor Alessandro Casale, con durata dal 7 aprile e fino alla conclusione delle procedure del concorso per la nomina del comandante della Polizia Locale – annuncia Palazzo Cernezzi sulla vicenda della sostituzione del capo della polizia locale –. La data limite del comando è stata, in ogni caso, fissata al 31 agosto. La ripartizione della spesa sarà calcolata con una previsione a carico di Como del 17% dell’orario contrattuale».

«In base al contratto dirigenziale e come previsto dalla convenzione stipulata, il dottor Casale dovrà in ogni caso assicurare la propria presenza sulla base delle esigenze di servizio – conclude la nota –. Nessun emolumento aggiuntivo sulla retribuzione fissa sarà corrisposto al dottor Casale in ragione del suddetto incarico. Per la parte variabile (indennità di risultato) a consuntivo saranno comunicati i relativi emolumenti al Comune di Monza, previa valutazione delle prestazioni dirigenziali che sarà fatta l’anno prossimo». [md, ecoinfornazioni]

Deserto il bando per la mostra

luigi cavadiniPalazzo Cernezzi spiazzato: «Stiamo valutando le possibilità e le strade da percorrere – dichiara Cavadini – Quanto prima avremo le indicazioni necessarie per valutare il da farsi».

 

«Il bando per l’affidamento della gestione della mostra è andato deserto – afferma in un comunicato l’assessore alla Cultura del Comune di Como Luigi Cavadini, andato deserto il bando per l’affidamento del servizio di gestione della mostra a Villa Olmo –. Gli uffici stanno già valutando tutte le possibilità e le strade da percorrere e quanto prima avremo le indicazioni necessarie per valutare il da farsi». [md, ecoinformazioni]

I venerdì della storia

I venerdì della storiaQuattro appuntamenti 11 e 25 aprile, 2 e 9 maggio alle 21 al Liceo scientifico Enrico Fermi e al Teatro San Teodoro di Cantù, «con l’intento di approfondire vicende della storia contemporanea italiana», organizzati da Liceo Fermi, Coordinamento comasco per la Pace, Centro studi schiavi di Hitler e Comune di Cantù.

 

«Venerdì 11 aprile, al Liceo Fermi [in via Giovanni XXIII] – spiega la presentazione –, si parlerà di Vicende e memorie del confine orientale, con Roberto Spazzali, docente presso l’Università degli studi di Trieste che, con le sue pubblicazioni, ha contribuito a rimuovere l’oblio e l’omertà sulla storia di Venezia Giulia, Istria, Dalmazia.

Il 25 aprile al Teatro San Teodoro [via Corbetta 7], si terrà il concerto dei Barabàn, Venti5 d’Aprile, musica per la festa della Liberazione, uno spettacolo moderno e di straordinaria efficacia. Una vera e propria lezione di storia in musica che racconta, attraverso canzoni e melodie di rara bellezza, appassionate testimonianze e immagini di grande forza evocativa, cosa fu la Resistenza.

Venerdì 2 maggio, al Liceo Fermi, interverrà Miguel Gotor, docente di Storia moderna all’Università di Torino e attualmente senatore della Repubblica. Parlando de L’Italia degli anni 70 tra speranze e tempeste, affronterà il passato recente della Repubblica, con il sogno di un mondo nuovo e le lotte di potere, le vicende inquietanti, le tragedie».

«Questa prima edizione – termina lo scritto – si concluderà il 9 maggio, al Teatro San Teodoro, dove si parlerà della Prima guerra mondiale ma con l’obiettivo puntato lontano dal fronte, per cercare di capire le trasformazioni portate dalla guerra al nostro territorio e alla popolazione. Il Piave mormorava, vita quotidiana, guerra e spagnola tra il 14 e il 18, è il titolo. Interverranno Valter Merazzi, del Centro studi schiavi di Hitler e Carlo Antonio Barberini del Centro Filippo Buonarroti».

Per informazioni tel. 338.4683196. [md, ecoinformazioni]

13 aprile/ Pranzo sociale Anpi Uggiate Trevano – Sezione Rado Zuccon

anpi uggiate trevanoDomenica 13 aprile alle 12.30 a Valmorea nel salone dell’asilo di Casanova Lanza, in via C. Battisti, con il Canzoniere popolare della Brianza e «gli altri amici musicisti che si vorranno unire a noi per cantare canti della tradizione popolare e della Resistenza».

 

Menù: antipasto di falafel con insalata (vegetariano), crespelle ai funghi e trevisana con gorgonzola, cosciotto di prosciutto arrosto con contorno dolci vari, vino. Offerta libera a partire da 15 euro (sconti per bambini fino a 10 anni). Prenotazioni tel. 340.3718660, e-mail anpi.uggiate@gmail.com, informazioni Internet www.facebook.com/anpi.uggiate. [md, ecoinformazioni]

13 Aprile/ circoli Arci/ Gita sociale a Valli Unite

gruppovallipiccoloArci Terra e Libertà, Arci Guernica, Arci Xanadù ed ecoinformazioni promuovono per domenica 13 aprile, una gita di primavera per i soci e le socie Arci, alla cooperativa agricola Valli Unite di Costa Vescovato in provincia di Alessandria. Il programma prevede al costo unitario di 40 euro, il viaggio andata e ritorno in bus (con ritrovo alle ore 8 al parcheggio delle piscine di Muggiò), una degustazione in cantina, la visita alla cooperativa ed il pranzo (il menù è consultabile cliccando qui); il rientro a Como è previsto per le 20. Per prenotare contattare il comitato provinciale Arci:  como@arci, 328 6461062.

www.aclicomo.it

acliLe Acli di Como hanno un nuovo sito. All’indirizzo  http://www.aclicomo.it/ con una grafica sobria, caratterizzata da un’ampia vetrina a immagini mobili che apre la pagina principale, il nuovo strumento telematico  presenta la carta d’identità e la storia dell’associazione e i soggetti che ne costituiscono la rete divisi in associazioni e imprese sociali. C’è poi la sezione dei servizi e quella delle reti delle quali  le Acli comasche costituiscono importante nodo. Lo spazio telematico che ospiterà anche video si apre con il ricordo di Camillo Monti, il presidente recentemente scomparso del sodalizio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: