Giorno: 4 Giugno 2014

7 e 8 giugno/ Palestina di Mondi scomodi con Egidia Beretta e Gilad Atzmon

cena palestineseCena palestinese, sabato 7 giugno dalle 19 al Parco del Bersagliere, via per Como 27, a Cantù per Mondi scomodi 2 giorni tra identità e contaminazione, con la partecipazione di Down Verso, Comunità palestinese di Lombardia, Assopace Palestina. Mondi scomodi è un festival che nasce dal desiderio di raccontare attraverso i sapori, le voci e i ritmi, due culture, quella palestinese e rom-sinti, oggetto fin troppo spesso di facili stereotipie e fragili generalizzazioni, strumento inevitabile dell’appiattimento di ogni aspetto culturalmente “scomodo”. Il tema è dunque la “scomodità”, che deve essere affrontata criticamente nell’esigenza di individuare i valori e temi di culture diverse e nel tentativo di instaurare un dialogo costruttivo. Tra identità e contaminazione: questa è la sfida che ci si pone nel tentativo di congiungere, pur mantenendo le specificità culturali, i palestinesi di Gaza e West Bank e i Rom delle comunità milanesi, con noi italiani non a fare da spettatori, ma attori partecipi di questo scambio.

All’iniziativa parteciperà anche Sereen, una giovane palestinese del 1987 della Valle del Giordano. Di particolare rilievo, oltre alla presenza di Egidia Beretta l’intervento di Gilad Atzmon, un sassofonista e compositore jazz noto a livello internazionale che parteciperà anche al concerto. Atzmon, membro dei Blockheads e leader della Orient House Ensemble da lui stesso fondata, è autore di  A guide to the perplexed e  di My one and only love, pubblicati, così come i suoi scritti politico culturali,  in diverse lingue. Nato in Israele, vive e lavora a Londra. Nella serata sarà presentato  il suo libro  L’errante chi? che per Evelyn Hecht-Galinski è «il libro di chi vuole capire le differenze tra ebraismo, ebraicità e sionismo, perché si troverà tra le mani un magistrale testo filosofico scritto da un individuo eclettico, un brillante artista e musicista jazz e autentico amante della giustizia. Esponendo i fatti in modo convincente, appassionato e provocatorio».  Un testo importante di un autore che taluni hanno giudicato antisemita, ma gli organizzatori della serata escludono assolutamente tale ipotesi di lettura della sua opera.

Programma del 7 giugno

Alle 17.30, Spettacolo per bambini L’uomo d’acqua dolce di Axel;

Alle 19, Cena palestinese (18 euro) su prenotazione (chiamare dalle 18.30 alle 22 tel. 339.1656598, 338.1724845) e ristorante alla carta;

Alle 21, Incontro con Egidia Beretta, I ragazzi del progetto You’r Right!!, Maria Elena Delia, Free Gaza Movement, Ugo Giannangeli;

Alle 22.30, Concerto Onadekum Band (Nablus).

Programma dell’8 giugno

Alle 17.30, Animazione per bambini;

Alle 18, Presentazione del libro L’errante chi? con l’autore Gilad Atzmon;

Alle 19, Giropizza con consumazione (12 euro), cena siciliana (18 euro), gradita la prenotazione al tel. 335.8075488;

Alle 21, incontro con Giorgio Bezzecchi, presidente cooperativa Romano Drom, Maria Cristina Lama, direttrice . Museo del viaggio di Milano, Angelo Caruso, direttore creativo City-Art Milano;

Alle 22.30, Concerto Roberto Durkovic ed i sui musicisti (i fantasisti del metrò), Gilad Atzmon (Bbc Jaaz Album of the Year 2003). [md, ecoinformazioni]

6 e 7 giugno/ Torna la 30 ore per il Gloria

30 oreVenerdì 6 giugno alle 20, riparte allo Spazio Gloria in via Varesina 72 a Como la rassegna di musica e cinema a sostegno di Arci Xanadù, diventata ora mai appuntamento fisso. La 30 ore per il Gloria, per questa edizione dedicata a Freak Antoni, leader degli Skiantos recentemente scomparso, aprirà con l’aperitvo musicale in atrio dei Dumanbass, per spostrarsi alle 21 in sala con la musica dal vivo di: Il Rebus, D’Altrocanto, Incredibly lovable combo, Rumore di gente, Trenincorsa e Andrea Parodi. Verrà proiettato inoltre un video-ricordo di Freak Antoni ed è in programma un esibizione di Burlesque. La notte di cinema vedrà protagonista il regista Wes Anderson con una rassegna dei suoi migliori film. Sabato 7 giugno, sarà Flavio Minardo ad aprire alle 19 con un aperitivo jazz, seguito alle 21 da: Caedo, Tiso & i fantasmi inglesi, Nik irreale, Renato Franchi e l’orchestrina del suonatore Jones, Three Wheels, Shame & Skandal e 7grani. Nella notte si proseguirà infine con un Dj set. Ingresso soci Arci 5 euro. Info www.spaziogloria.it – arcixanadu@gmail.com

ecoinformazioni 450/ settimanale

 

450È on line il numero 450 di ecoinformazioni. In primo piano: Grazie mille, Parada, beCOMe, L’altra Europa.  Segue la vasta sezione cronache, la cultura. Il video della settimana è dedicato alla Carovana antimafie. Per sfogliare on line la rivista clicca qui.

Parada par tücc/ Un allegro e partecipato “risveglio”

Logo2014-01Le parole d’ordine della giornata di sabato 31 maggio sono state: colori, musica, allegria e partecipazione. Quest’anno la Parada par tücc, evento ormai diventato un appuntamento tradizionale nella città di Como, ha raggiunto la sua VI edizione. E’ una sfilata cittadina, positivamente fuori dal comune, che coinvolge grandi e piccini, associazioni, gruppi informali e organizzazioni di volontariato, fondato sui valori della gratuità e dell’ecologia, che prende vita da una serie di laboratori artistici gratuiti offerti alla cittadinanza a partire dal mese di marzo/aprile. Ogni anno richiama un numero sempre maggiore di partecipanti coinvolti attivamente nel corteo, quest’anno ben 800, molti di più dell’anno scorso. Numerosissimi i laboratori (quest’anno sono stati più di 30) che quest’anno avevano il compito di rappresentare i quattro elementi naturali, ed esprimerli nei modi più diversi, dai costumi al trucco, alle performance. Ma nel tema della Parada c’è un quinto elemento, ovvero la somma degli altri quattro, che trova espressione nell’energia, nell’anima della Parada par tücc, a cui ognuno dà il suo contributo. È stata promossa da Assocazione par tücc, Csv (Centro servizi per il volontariato), con la collaborazione di BeCOMe e del Comune di Como. [Guarda anche le foto di Fabio Cani]

Alle 13.30 i paradisti si sono ritrovati in piazza Verdi per truccarsi, abbigliarsi e dare un assaggio di performance ai primi curiosi, fotografi e passanti arrivati sul posto. Un conto alla rovescia alle 15.30 ha dato il via alla sfilata dei laboratori che sono usciti da un grande sipario bianco, predisposto dal gruppo di scenografia, di fronte al Teatro sociale, e che ha attraversato le vie della città murata, passando per via Maestri Comacini, via Vittorio Emanuele, per poi proseguire in via Giovio, via Carducci, via Mentana e via XX settembre per raggiungere via Milano. Qui, subito prima di entrare in Piazza Vittoria, dopo lo scoppio di due colpi di cannone(di carta)è calato il silenzio: una sorpresa studiata dagli organizzatori per cogliere di sorpresa i presenti. Da due alti balconi affacciati sulla folla tre cantanti lirici hanno intonato la canzone “Volare” di Domenico Modugno, a cui poi si sono sommate le voci di tutti i paradisti all’altezza nel ritornello. Arrivati in Piazza S.Fedele attraverso le vie Cesare Cantù, Rovelli e Natta, i paradisti si sono esibiti nel secondo “momento +1”, ovvero la possibilità per ogni laboratorio di esprimere la propria concezione del quinto elemento, al centro della Piazza dove sul pavimento era stato creato un grande cerchio di carta colorata. Il terzo “momento +1” è stato in Piazza Duomo, dove il corteo si è fermato, cogliendo l’occasione di coinvolgere le persone nell’ondata di vitalità ed energia, offrendo performance di Capoeira, danza afro, swing, ukulele,break dance, hula hop, tip-tap…insomma, ce n’era davvero per tutti i gusti (clicca qui per vedere l’elenco completo dei laboratori della Parada). Arrivati in Piazza Cavour i gruppi sono stati accolti dal concerto del gruppo Musica spiccia, diretto dall’energica Giulia Cavicchioni. Dalle ore 20 in poi sono seguiti i concerti del coro GAP don Guanella e dei Rezophonic. Sono stati ringraziati tutti gli organizzatori e i maestri che si sono offerti volontariamente e gratuitamente a rendere la Parada par tücc realizzabile.  Anche quest’anno la Parada ha fatto parlare di sé: c’è chi l’ha criticata, chi non l’aveva mai vista prima, che non conosceva cos’era ma l’ha apprezzata. Un’iniziativa pensata per “risvegliare la città e renderla parte di uno spettacolo, non spettatrice ma protagonista”. Credo che iniziative come queste dovrebbero esserci più volte l’anno a Como, così che la cittadinanza si sensibilizzi sempre più a partecipare attivamente per rendere la propria città più solidale, e più “bella”.  (clicca qui per vedere ulteriori foto della Parada) [Clara Chiavoloni, ecoinformazioni]

Le ultime prove poco prima dell'inizio della sfilata
Le ultime prove poco prima dell’inizio della sfilata

         

Bolle di sapone per tutti
Bolle di sapone artigianali
I mezzi di trasporto ecologici, con tanto di autista, messi a disposizione da BeCOMe
Uno dei mezzi di trasporto ecologici, con tanto di autista personale, messi a disposizione da BeCOMe

Presente nel corteo anche Legambiente

I bambini coinvolti nella creatività della sfilata
I bambini coinvolti nella creatività della sfilata

 

I cantanti lirici
I cantanti lirici

 

L’Associazione sportiva dilettantistica capoeira Angola Center durante una loro performance

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: