Giorno: 26 Giugno 2014

Variante Tremezzina

tremezzinaPer De Rosa: «Un’opera dall’impatto ambientale devastante, dal costo spropositato ed inutile».

 

«Oggi [giovedì 26 giugno] abbiamo discusso il nostro Question Time in Commissione ambiente sul progetto preliminare: S.S. 340 Regina, Variante alla Tremezzina – dichiara Massimo De Rosa, M5s, vicepresidente Commissione ambiente – Camera dei deputati –;

l’opera, da realizzarsi sul lago di Como, è caratterizzata da uno sviluppo stradale di circa 11 chilometri, contenente 5 gallerie per una lunghezza complessiva di 7,5 chilometri, ponti, viadotti ed opere di accesso per una lunghezza di circa 150 metri;

il costo preventivato è di circa 240 milioni di euro (esclusi i costi di progettazione, controllo e gestione);

del progetto preliminare è stata incaricata la provincia di Como, presso la quale è attualmente in corso la progettazione definitiva, che si concluderà nell’autunno del 2014, per poi passare all’approvazione dell’Anas s.p.a. ed infine alla procedura di “appalto integrato”».

«L’opera si presenta dall’impatto ambientale devastante, dal costo spropositato ed inutile – dichiara De Rosa –, la sua ragione dovrebbe essere quella di risolvere una volta per tutte la questione del traffico difficoltoso dei mezzi pesanti lungo la strada statale Regina del Lago;

per lo scorrimento corretto dei mezzi pesanti sarebbe sufficiente, invece, attuare un adeguato piano di gestione del traffico, sfruttando la S.S. 36 del Lago di Como e dello Spluga».

«Tra le opere più invasive previste dal progetto – prosegue il deputato penta stellato –, spiccano i 3 viadotti, il più lungo dei quali verrà realizzato in Val Perlana a meno di 200 metri in linea d’aria dal Santuario della Beata Vergine del Soccorso di Ossuccio nelle vicinanze della chiesa conventuale di S. Benedetto in Val Perlana, luoghi dichiarati nel 2003 dall’Unesco patrimonio dell’umanità».

Nella risposta il ministero ha ricordato come la SS 36 sia posta sull’altra sponda del lago e sottolineato la: «Forte volontà del territorio verso la realizzazione dell’opera in questione». [md, ecoinformazioni]

Sistemazione estiva delle strade a Como

asfaltoDa venerdì 27 giugno partono i lavori da via Perpenti, lunedì 30 si passa in Canturina, poi le vie Muggiò, Manzoni, Segantini, ad agosto via Brogeda e via San Giacomo.

 

Dal 27 giugno: «Per conto della società che ha eseguito la realizzazione di una palazzina, lavori di asfaltatura saranno eseguiti in via Perpenti (una traversa di via Zezio) – spiega una nota di Palazzo Cernezzi –. Dal 30 giugno per conto delle aziende che avevano eseguito scavi, lavori verranno eseguiti in via Canturina (tratto da via Sant’Antonino all’area di deposito dei camper – fresatura il 30 giugno, asfaltatura il 1 luglio, in orario notturno), in via Muggiò (tratto da via Baserga a via Monticelli, fresatura il 1 luglio, asfaltatura il 2 luglio, in orario notturno), in via Manzoni (tratto da via Rezzonico a via Foscolo, fresatura il 2 luglio, asfaltatura il 3 luglio, in orario notturno), in via Segantini (tratto da rotatoria via San Giacomo a via Ferabosco e piazzale fermata bus, fresatura il 3 luglio, asfaltatura il 4 luglio, in orario diurno)».

«Gli interventi, come sempre, sono legati alle condizioni del tempo – precisano da via Vittorio Emanuele II, e proseguono –. Nel mese di agosto si procederà poi con i lavori di rifacimento di via Brogeda. Alla gara, indetta dall’amministrazione comunale, si sono presentate 105 imprese e i lavori sono stati aggiudicati con un ribasso del 32,28% all’impresa Selva di Como».

Verrà riassaltata anche via San Giacomo (tra via Pio XI a via Fattori) a conclusione di un intervento di moderazione del traffico.

«A Ponte Chiasso in via Ceresola quello che doveva essere un semplice intervento di riasfaltatura a causa di una lunga serie di imprevisti si è chiuso con una spesa di ben 200mila euro – spiega l’assessora alla Mobilità e alle strade Daniela Gerosa –. Dovevano essere un paio di settimane di lavoro, invece all’indomani della scarificatura sono state trovate tubazioni rotte e perfino due rogge incanalate in tubazioni anch’esse rotte. Sotto l’asfalto, in pratica, c’era una palude ed era per questo che l’asfalto continuava a cedere».

«Nel mese di maggio eravamo riusciti a stanziare quasi 200mila euro per far fronte ad una serie di interventi straordinari in numerose strade cittadine e risolvere le situazioni più critiche – dichiara Gerosa –. Le asfaltature estive tengono conto di alcune situazioni ancora non risolte, e solo nei tratti di strada più percorsi dalle auto. Ad oggi non potremo fare di più, perché i fondi messi a disposizione dal bilancio 2013 sono già stati tutti impegnati». [md, ecoinformazioni]

Chiusura totale della provinciale 19 “di Gironico e Cassina Rizzardi”

villa guardiaA Villa Guardia: «Per lavori connessi alla realizzazione del primo lotto della tangenziale di Como, la strada provinciale resterà chiusa dalle 21 del 27 giugno alle 12 del 29 giugno» (l’ordinanza).

Tasse/ Cgil, Cisl e Uil: scelta iniqua

cgilcisluil«Profondo disappunto» per Cgil, Cisl e Uil, che parlano di «scelta iniqua».

 

«La scelta della Giunta Comunale di aumentare indiscriminatamente le tasse per tutti i cittadini che hanno un reddito superiore a 10.000 euro e di salvaguardare solo i redditi maggiori di 75.000 euro è iniqua, ingiusta e colpisce in particolare solo le fasce più deboli della popolazione, ossia tutte quelle famiglie che hanno redditi bassi e medio bassi che stanno tra i 10.000 e i 28.000 euro: per costoro, l’aumento sarà tra il 5,9% e il 6,2%, mentre chi guadagna tra i 55.000 e i 75.000 euro si vedrà aumentare le tasse solo dello 0,2% – dichiara un comunicato –. Cgil Cisl e Uil ricordano anche che le proposte fatte unitariamente al Comune non sono state minimamente prese in considerazione: la Giunta Comunale ha ignorato richieste che prevedevano prelievi ai proprietari di seconde case e la tutela dei redditi fino a 28.000».

«La manovra varata prevede invece milioni di euro di prelievi che non sono destinati a coprire i mancati trasferimenti da parte dello Stato ma che servono per giustificare le spese della Giunta – prosegue la nota –. Cgil, Cisl e Uil avevano chiesto anche di ottimizzare la macchina comunale e i servizi per evitare che in questo momento di forte crisi, sui cittadini comaschi si abbattesse una serie di aumenti ingiustificati e indiscriminati».

«La scelta della Giunta di mantenere tutto allo stesso modo non può che vederci fortemente contrari: il nostro auspicio è che il Consiglio Comunale faccia marcia indietro e si muova in direzione opposta alla Giunta e si impegni a tutelare chi sta peggio e metta in atto una riorganizzazione del sistema comunale comasco – aggiungono le strutture sindacali comasche –. I sindacati non intendono restare a guardare ciò che accadrà con le braccia conserte e sono decisi a difendere gli interessi dei cittadini, come già detto al sindaco siamo disponibili a valutare insieme quali possono essere le forme di razionalizzazione della spesa dell’ente, e invitiamo la Giunta Lucini ad assumersi le proprie responsabilità a fare ciò».

«In conclusione torniamo a ricordare la gravità di questo aumento sui bilanci dei contribuenti – termina lo scritto –. Se si pensa che all’aumento di Imu, Tasi e Irpef si sommerà anche l’incremento della tassa rifiuti per il costo della raccolta differenziata, le famiglie comasca hanno il diritto di chiedersi quale sia l’idea guida di questa giunta». [md, ecoinformazioni]

28 giugno/ Venite a scoprire il parco!

inaugurazione parco argentiVenite a scoprire il Parco Argenti!, inaugurazione dell’area a verde, sabato 28 giugno dalle 14.30 alle 19, in via Dante 18 a Cantù, mercatino, spettacolo di burattini, laboratorio di libro pop-up, clown e magia, yoga, musica, mostra fotografica, organizzata da Qualcosa bolle in pentola. Programma completo su http://qualcosabolleinpentola-como.blogspot.it/.

29 giugno/ Il sentiero in festa

sentero in festaAlla scoperta del territorio per una città più accessibile, camminata domenica 29 giugno ritrovo in ecomo-logovia per Brunate (al termine di via Tommaso Grossi, dopo l’incrocio con via Crispi) alle 16, salita verso S. Donato, «passeggiata accompagnata con racconti e storie del territorio», visita all’eremo e al suo chiostro, mercatino di espositori locali, musica dal vivo, organizzata da Ecomo. Per informazioni Internet www.e-como.it.

Tasse/ Addizionale 0,8 per cento, esenzione sotto i 10mila euro

tassecomo-1Il servizio del 27 giugno di Gianpaolo Rosso per Radio popolare.  Ascolta il servizio audio.  Aumentano a Como le tasse su redditi e immobili ma non quelle di soggiorno e sulla pubblicità. Lo ha deciso la giunta di centrosinistra fissando l’addizionale irpef allo 0,8 per cento per tutti, salvi solo i redditi fino a 10 mila euro. La Tasi è per tutti il 3,3 per mille con esenzioni differenziate in base alle rendite catastali degli immobili. Non c’è Tasi per gli affittuari e non è stato deciso l’incremento dell’Imu sulle seconde case la cui aliquota rimane ferma al 9,6 per mille. Per il sindaco la scelta fatta garantisce proporzionalità nell’imposizione fiscale perché l’addizionale si applica a aliquote più alte per redditi più alti. Mario Lucini spiega che l’incremento delle tasse è dovuto al crollo dei finanziamenti dello stato al Comune, promette 2,2 milioni di euro per spese sociali, rivendica 188 segnalazioni fatte dal Comune per contrastare l’evasione. L’ultima parola sulla questione spetterà al Consiglio comunale dove si preannunciamo emendamenti delle opposizioni e della sinistra della coalizione di maggioranza.

Guarda sul canale di ecoinformazioni i video della conferenza stampa tenuta dal sindaco Mario Lucini con la vicesindaca Silvia Magni e il ragioniere capo Raffaele Buononato giovedì 26 giugno. Guarda le slide illustrate nella conferenza stampa: TASI_e_IMU_18 6 14Slide Rendiconto 2013_agg_18_04riepilogo 2009-2013mlirpefLOMB.

 

Guarda sul canale video di ecoinformazioni tutti gli altri video della conferenza stampa.

«Per quanto riguarda Imu e Tasi – ricorda in un comunicato Palazzo Cernezzi – (a decorrere dall’anno d’imposta 2014, è stata introdotta la Iuc (Imposta unica comunale), che si compone dei seguenti tributi Imu (Imposta municipale propria), componente patrimoniale; Tasi (Tributo comunale per i servizi indivisibili) componente riferita ai servizi; Tari (Tassa sui rifiuti), componente che finanzia i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti) sono state deliberate le seguenti proposte:

Aliquote e detrazioni Imu:

– aliquota del 3,50 per mille per le abitazioni principali di lusso, appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9, con una detrazione pari a 200 euro;

– aliquota del 7,60 per mille per i fabbricati, compresi i fabbricati di categoria catastale “D”, posseduti dalle imprese a titolo di proprietà o di locazione finanziaria, a condizione che tali immobili non siano concessi in uso a terzi a qualsiasi titolo, anche temporaneo, esclusi i fabbricati posseduti dagli istituti di credito, dalle compagnie di assicurazione e dai supermercati ed ipermercati con superficie di vendita superiore a mq. 1500;

– aliquota del 9,60 per mille per tutti gli altri immobili diversi dai precedenti,

– l’Imu sui fabbricati con categoria catastale D deve essere versata nella misura del 7,6 per mille allo Stato e nella misura del 2 per mille, se dovuta, al Comune

Aliquote Tasi:

– aliquota del 3,30 per mille per le abitazioni principali, incluse quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, e relative pertinenze;

– aliquota del 3,30 per mille per l’unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari, a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata (assimilata all’abitazione principale dall’art. 16 del regolamento per l’applicazione della Iuc);

– aliquota del 3,30 per mille per le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, ivi residenti;

– aliquota del 3,30 per mille per i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dalle vigenti disposizioni;

– aliquota del 3,30 per mille per la casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;

– aliquota del 3,30 per mille l’unica unità immobiliare posseduta, e non concessa in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica;

– aliquota del 0,00 per mille per gli altri immobili, diversi dai precedenti;

Detrazioni Tasi:

DETRAZIONE valore della rendita catastale dell’abitazione principale e delle relative pertinenze
155 euro inferiore o uguale a 400 euro
130 euro superiore a 400 euro fino a 500 euro
120 euro superiore a   500 euro fino a 650 euro
90 euro superiore a 650 euro fino a 750 euro
50 euro superiore ad 750 euro fino ad 900 euro

 

Per individuare l’importo della detrazione spettante, la rendita da considerare è data dalla somma delle rendite catastali dell’unità immobiliare abitativa e delle relative pertinenze (per legge massimo un’unità per ogni categoria catastale C2,C6,C7)

imu tasi 2014 comoCosì come previsto dal regolamento, gli affittuari non dovranno versare la Tasi (tali immobili rientrano, infatti, nella categoria degli “altri immobili” per cui al proprietario viene applicata l’Imu ma non la Tasi)» (Tasi e Imu 18/06/14, Irpef Lombardia 2013, Ici, Imu, Tasi prelievo comunale 2009-13, Spesa corrente 2009-13).

 

 

Ramadan in via Cuzzi

ramadanConfermata per il 2014 la disponibilità della palestra della scuola di via Cuzzi per il Ramadan. La giunta ha dato il via libera alla concessione, predisposta dall’assessore al Patrimonio del Comune di Como Marcello Iantorno d’intesa col preside della scuola, che permette all’associazione Culturale islamica l’utilizzo dal 1 al 31 luglio dello spazio, il pagamento di un affitto di 1900 euro e una cauzione di 7500.

Video/ F35 contro scuole e Costituzione

taglialealiallearmiGià disponibile anche su ecoinformazioni il nuovo video della campagna Taglia le ali alle armi. Nel filmato si vede  come la scelta degli F35, incostituzionale, mostruosamente costosa, inadeguata, arretrata e sbagliata dal punto di vista tecnologico, sia responsabile della rinuncia alla sicurezza della realtà del paese dove, con quanto risparmiato con uno solo dei “giocatttoli” mortiferi dei quali, nonostante proclami e assicurazioni,  ancora non si è decretata la rinuncia e neppure la reale drastica riduzione, si potrebbero rendere pienamente abitabili 135 scuole attualmente insicure. 

Questo quinto episodio è stato realizzato con la regia Giorgio Magarò, il coordinamento di Francesco Vignarca. Interpeti Salvatore Laforgia e Walter Garavaglia con la partecipazione degli alunni e delle alunne della scuola secondaria di primo grado di Settimo Milanese.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: