Giorno: 8 Settembre 2015

Capitale cultura/ il Pd fa squadra

Pd-CapitaleCultura

La candidatura di Como a Capitale italiana della cultura ha fatto tappa al PD comasco, raccogliendo nella serata di lunedì 7 settembre una (quasi) piena adesione.

Nel salone di CNA è schierato, a fianco del segretario democratico cittadino, Stefano Fanetti, quasi al completo lo staff della candidatura: l’assessore alla Cultura di Como Luigi Cavadini, il sindaco di Cernobbio Paolo Furgoni, il presidente di Fondazione Alessandro Volta Mauro Frangi e il suo direttore Salvatore Amura; manca solo un rappresentante dell’amministrazione di Brunate. Ospite d’onore la parlamentare Chiara Braga. Maestro di cerimonie il giornalista Davide Cantoni.

Negli interventi dei responsabili politici e organizzativi della candidatura si fa il punto della situazione, senza particolari voli ma con discreta chiarezza. L’invito a fare squadra è esplicitato dall’intervento di Mauro Frangi che aggiunge, però, che «fare squadra non basta» e che servono almeno altre tre cose: la città deve darsi un progetto di sviluppo con al centro i temi della cultura e della conoscenza; bisogna trovare una dimensione organizzativa – un “luogo” – per rendere permanente quanto già si è fatto (e ricoprire questo ruolo è l’ambizione di Fondazione Volta); sfruttare al meglio le risorse esistenti per farne un volano per il territorio.

La sala, abbastanza gremita (non meno di una settantina di persone), raccoglie l’invito: aggiunge piccole proposte, caldeggia qualche sottolineatura, anela a conoscere i “veri” contenuti del dossier. Un solo intervento critico lamenta proprio l’impossibilità di discutere (e contribuire) veramente se non si conoscono i temi sul tappeto; ma si sa – e lo si è ripetuto più volte – la competizione impone riservatezza (nulla si sa nemmeno degli altri “competitors”); e il “mistero” non viene sciolto nemmeno di fronte alla platea amica. Semmai si insiste sul fatto che il dossier non presenterà sorprese: sarà, alla fine, l’indice del “molto” che è già stato fatto.

Poi, con la dovuta umiltà, si insiste sul fatto che non è detto che si vinca, e se si vince non è detto che il finanziamento sia rilevante. L’importante è partecipare. Sì, ma comunque si partecipa per vincere.

Chiara Braga invita a smettere di considerarsi periferia: «Como è centro», se non proprio “il” almeno “un”, e contestualmente a sfruttare le possibilità di scelta che la crisi offre.

Ovviamente numerosissimi sono i riferimenti encomiastici all’attività del governo Renzi; assai ripetuti anche gli apprezzamenti per l’attività dei governi di centro-sinistra a livello locale; inesistenti gli accenni autocritici. Si respira aria di campagna elettorale.

Chiara Braga nell’intervento finale lo dice apertamente: prima invitando a non confondere le scelte di «identità culturale» con l’esclusione di altri modelli, poi sottolineando che il percorso della candidatura a Capitale della cultura deve diventare «un pezzo del prossimo governo della città». [Fabio Cani, ecoinformazioni]

8 settembre/ Riunione organizzativa per la Marcia di venerdì 11 settembre

marciascalzaGià tante le adesioni alla Marcia delle donne e degli uomini scalzi che si svolgerà a Como dalle 20,30 di venerdì 11 settembre in piazza San Fedele. Prime adesioni. Acli, Arci, Emergency, Libera, Donne in nero, L’isola che c’è, Cgil, Cisl, Coordinamento comasco per la Pace, Sel, Paco-Sel, Possibile, Pd, L’altra Europa con Tsipras, Kibarè, Auser, Women in White Society, Gd Como, In viaggio Menaggio – Piano terra, Psi, Fgs, Alternativa  Fino Mornasco, Lgbt  Como, Occupy Como, Language Tandem Como,  Rose di Damasco Asso, Orizzonti inclinati, Il sole, Ipsia, Prc, Uil, Fiom.  Appuntamento per organizzare la mobilitazione e raccogliere altre adesioni martedì 8 settembre alle 21 alla ex Circoscizione 6 di via Grandi 21 a Como.

Arci Virginio Bianchi/ Nuovi corsi di lingue

corsi di lingueDal 28 settembre prende il via la nuova stagione corsistica dell’Arci Virginio Bianchi di Cantù.  Inglese (Fast and Easy – Conversazione), Russo, Tedesco, Spagnolo, Arabo, Portoghese-Brasiliano, Francese e Cinese. Tutti i corsi (riservati ai tesserati Arci) saranno strutturati su più livelli i quali verranno individuati attraverso un test di ingresso (fatta eccezione per i corsi base-principianti). Le riunioni informative di presentazione dei corsi e dei programmi si terranno mercoledì 16 e giovedì 17 settembre alle 20.30 presso la sede del circolo, in via Ettore Brambilla 3  a Cantù.  Info: info@arcicantu.it – www.arcicantu.it.

12 settembre/ i lavoratori del Comune di Como contro il festival neonazista

Volantino no nazi cantu«La Rsu del Comune di Como – scrive in un comunicato – è indignata per la scelta del sindaco Claudio Bizzozero di concedere per il terzo anno consecutivo, nel 70° anniversario della Liberazione, una struttura comunale per un raduno che coinvolge l’estrema destra europea »

 

«Pertanto – continua – aderisce all’appello unitario del Comitato contro il festival neonazista, costituito da forze politiche, sindacali e sociali, che condanna fermamente tale decisione. Negli ultimi anni abbiamo visto il moltiplicarsi di manifestazioni di stampo nazifascista che si pongono in aperto contrasto con i principi sanciti dalla Costituzione Italiana, nata dalla Resistenza: assistiamo al tacito assenso delle istituzioni che dovrebbero mettere in atto tutti gli strumenti in difesa di detti principi». [aq, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: