27 novembre/ La manovra economica del Governo e il documento unitario Cgil Cisl Uil

Martedì 27 novembre alle 14,30 allo Spazio Gloria a Como, via Varesina 72, si discuterà del tema La manovra economica del Governo e il documento unitario Cgil Cisl Uil, organizzato dai sindacati confederali comaschi. Parteciperanno all’incontro i delegati sindacali, Giacomo Licata, segretario generale Cgil Como, Francesco Diomaiuta, reggente Cisl dei Laghi e Salvatore Monteduro, segretario generale Uil del Lario.

«La manovra del Governo, pur rappresentando una prima inversione di tendenza – sottolineano i sindacati nel documento che indica le priorità della Legge di bilancio 2019 – mostra elementi di inadeguatezza ed è carente di una visione del Paese e di un disegno strategico che sia capace di ricomporre e rilanciare le politiche pubbliche finalizzate allo sviluppo sostenibile e al lavoro. L’utilizzo degli oltre 22 miliardi di spesa previsti in deficit dalla manovra deve essere finalizzato a nuove politiche che mettano al centro il lavoro e la sua qualità, in particolare per i giovani e le donne, che siano in grado di contrastare l’esclusione sociale e la povertà; che determinino processi redistributivi e di coesione nel Mezzogiorno; che prevedano investimenti in infrastrutture materiali e sociali; innovazione, scuola, formazione e ricerca, prevenzione e messa in sicurezza del territorio e che sostengano le politiche industriali. La manovra traccia, invece, un percorso diverso: mancano le risorse per gli investimenti poiché si privilegia invece la spesa corrente, si preannunciano ulteriori tagli e si introducono misure che non determinano creazione di lavoro, ma rischiano di rappresentare mere politiche di assistenza. Il contrasto alla povertà è senza dubbio una priorità per il Paese, ma la povertà non si combatte se non c’è lavoro e non si rafforzano le grandi reti pubbliche del Paese: sanità, istruzione e servizi all’infanzia e assistenza. Del tutto assenti sono i riferimenti all’innovazione nella Pubblica Amministrazione e al rinnovo dei contratti in essere e di quelli futuri». Su questa base Cgil, Cisl e Uil intendono aprire il confronto con il governo sostenendo le proposte. [giu.r]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: