Giorno: 15 Dicembre 2020

Sull’orlo del cratere/ Pandemie

La danza tra uomini e scheletri è una metafora della caducità della vita che ha avuto una certa fortuna nel tardo medioevo e soprattutto dopo le grandi pestilenze, prima tra tutte quella europea manifestatasi tra il 1346 e il 1352. L’arte figurativa pittorica e quella scultorea hanno raffigurato la danza macabra nei luoghi sacri e nei cimiteri (intorno al 1424 fu dipinta quella degli Innocenti a Parigi, che è la più antica e famosa), con il preciso significato morale del memento mori, non dimenticare che la vita è breve, ciò che da secoli si ricordavano i monaci certosini di clausura ogni volta che si incontravano; ma i certosini sono stati anche i più raffinati conoscitori della natura e hanno saputo nel tempo costruire un rapporto equilibrato con essa.

(altro…)

Arci Xanadù/ Non chiediamo aperture ma serietà

Il circolo Arci Xanadù contesta le scelte che hanno reso possibile il perdurare dell’epidemia e fanno temere ulteriori vittime e impossibilità di svolgimento di attività essenziali culturali e di socialità. «Il 15 dicembre abbiamo esposto uno striscione all’esterno del cinema dal Gloria per esprimere tutto il nostro disappunto e la nostra contrarietà per la gestione della pandemia in questa fase. È bastato che la curva dei contagi cominciasse a scendere che immediatamente il governo, pressato da regioni e forze economiche, ha riaperto quasi tutto.

(altro…)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: