Video/ La solidarietà non si sfratta, né si sloggia

Giusta l’idea di supporto attivo che ha scelto di organizzare, avanti al centro civico di Sagnino, proprio mentre avveniva la distribuzione dei pacchi alimentari la presentazione delle ragioni contro l’intimazione di sfratto decisa dal Comune di Como che determinerebbe l’interruzione di un servizio essenziale per 76 famiglie. C’è stata così, anche al di là delle parole (misurate e attente a cercare comunque un’intesa con il Comune) con le quali Gianluca Pozzoni e Andrea Ceccoli hanno illustrato fatti e prospettive, l’evidenza dell’importanza di un’azione di solidarietà dal basso che non può e non deve essre ostacolata dalle istituzioni. Costruttiva anche la risposta di Supporto attivo alla novità (non comunicata dal Comune al gfurppo) costituita dalle voci (un comunicato è arrivato a alcune testate) riportate dai giornalisti ai volontari dell’intenzione del Comune di intercedere perché uno spazio della Caritas locale sia messo a disposizione delle ragazze e dei ragazzi solidali. Ceccoli e Pozzoni hanno accolto la proposta con interesse, chiarito che essa segue alla disponibilità già offerta dall’Arci provinciale da altri soggetti di Terzo settore, ringraziato Arci e Caritas, ma evidenziato che attualmente il servzio è in una struttura pubblica comunale e non si comprendono i motivi per spostarla in spazi privati. [Gianpaolo Rosso, ecoinformazioni]

[Supporto attivo: magazzino]
[Supporto attivo: magazzino]

Nel seguito il testo integrale della comunicazione alla stampa del Comune di Como nella quale si annuncia la disponibilità della Caritas di Sagnino.

«A seguito degli interventi di “Supporto attivo” in merito al mancato rinnovo della concessione gratuita del Centro Civico di Como Nord apparsi sulla stampa locale, il settore Partecipazione del Comune evidenzia quanto segue, nell’ottica di proseguire il dialogo e individuare le corrette soluzioni.

Va premesso che quei locali erano stati assegnati al “Comitato abitanti di Sagnino” l’anno scorso, in via temporanea e in deroga al regolamento della Partecipazione, perché il gruppo di persone proponenti potesse aiutare i cittadini del quartiere in difficoltà in uno dei momento più difficili dell’emergenza sanitaria da Covid 19. In precedenza il “Comitato abitanti di Sagnino” aveva già iniziato l’attività senza usufruire degli spazi comunali.

– Oggi la situazione emergenziale è cambiata rispetto a quando è stata rilasciata la concessione in deroga al regolamento, così come le limitazioni agli spostamenti delle persone.

– Era stato concordato che sarebbe stato trasmesso l’elenco delle famiglie servite, in modo che non risultassero sovrapposizioni con il servizio alle persone in difficoltà già svolto dai volontari del Centro Operativo Comunale. Nessun elenco è mai stato trasmesso.

– Si ribadisce che, da regolamento, si possono concedere gli spazi comunali solo ad associazioni riconosciute e iscritte all’apposito albo.
– La concessione era stata data al “Comitato abitanti di Sagnino” e non a “Supporto attivo Como” e nessun cambiamento di denominazione è stato mai comunicato.

– Nel corso della concessione sono state riscontrate attività non consentite e nemmeno comunicate. Sono stati installati due frigoriferi senza autorizzazione da parte del Comune. C’è stato quindi un potenziale problema di sicurezza dei volontari, dei lavoratori nei centri civici e di tutti gli altri frequentatori delle associazioni. Inoltre se in questi frigoriferi fossero stati conservati alimenti freschi che venivano distribuiti (possibilità non prevista e non prevedibile dalla concessione, che indicava esplicitamente “cibo a lunga conservazione”) ci sarebbero stati ulteriori problemi di sicurezza alimentare relativi alla catena del freddo del cibo.

Da ultimo, non si vuole creare disparità con le altre associazioni che ogni anno possono partecipare al bando con cui vengono messi a disposizioni gli spazi a rotazione. Le finalità di questo bando sono differenti rispetto a quelle dei richiedenti in deroga, ma nella situazione di grave emergenza vissuta l’anno scorso, la Giunta comunale su proposta dell’assessorato alla Partecipazione ha scelto di concedere i locali nell’ottica di appoggiare le libere iniziative di aiuto attivate dalla cittadinanza.

Tenuto conto dell’attività svolta dall’ex “Comitato abitanti di Sagnino”, ora “Supporto attivo Como”, l’Amministrazione ancora una volta cerca di trovare delle soluzioni concrete e di manifestare vicinanza ai cittadini e a coloro che hanno promosso questa attività. Con l’aiuto di don Emanuele Corti, coordinatore della comunità pastorale di Sagnino, Monteolimpino e Ponte Chiasso, che si è reso disponibile, si propone al Comitato la possibilità di condividere i locali in uso alla Caritas parrocchiale in modo che possano continuare la distribuzione degli alimenti, entrando anche in contatto con altre realtà territoriali più strutturate con cui potrebbero collaborare». [Comune di Como]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: