Mutuoaiuto e infrastrutture politiche

Chi immagina che il mutuoaiuto sia una sorta di massoneria della solidarietà e non ne coglie l’importanza politica e l’ambizione di essere non solo azione puntuale ma energie rivoluzionarie in rete, avrebbe dovuto partecipare all’assemblea dell’8 agosto pomeriggio di Supporto attivo e Brigate volontarie per l’emergenza. Qualche decina di persone, molti i volontari e le volontarie che hanno lavorato a spalare il fango delle frane nei paesi del Lario più colpiti dall’ultima disastrosa alluvione e a dare supporto alimentare e solidarietà alle persone in difficoltà per il covid. Nell’incontro è stata espressa la volontà di costruire “infrastrutture politiche” in grado di dare continuità e valore alle lotte per i diritti e alle iniziative che si susseguono per affrontare le infinite “emergenze” che il liberismo causa. La web radio di Arci Noerus mette a disposizione la registrazione di tutti gli interventi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: