28 aprile/ Il “caso Puecher” e la stampa fascista

Per il breve ciclo organizzato dall’Università Popolare-Auser di Como intorno al 25 Aprile, intitolato Storie della Resistenza in territorio comasco, giovedì 28 aprile dalle 15.30 alle 17.00, presso la Pinacoteca civica di Como, in via Diaz 84, Rosaria Marchesi e Fabio Cani affronteranno il “caso” del processo e della fucilazione del giovane Giancarlo Puecher, prima medaglia d’oro della Resistenza italiana.

Durante la Repubblica Sociale Italiana (1943-1945) le voci della stampa sono poche e strettamente controllate, testimoniano i fatti (e in particolare quelli dello scontro con la Resistenza) solo per quello che interessa il potere fascista nella sua “nuova” veste repubblicana. La vicenda di Giancarlo Puecher, fucilato per rappresaglia alla Vigilia di Natale del 1943, è emblematica di quell’atteggiamento e anche della possibilità di ricostruire in fatti attraverso il recupero di una mole ingente di documentazione storica.

L’incontro organizzato dall’Università Popolare intende proprio approfondire il rapporto tra le diverse narrazioni, quelle “pubbliche” fasciste e quelle consegnate alla memoria privata, quelle dei documenti interni dell’apparato repressivo e quelle diffuse dopo la Liberazione.
Rosaria Marchesi e Fabio Cani hanno scritto insieme, dopo un lungo lavoro di ricerca, Lo specchio rotto. Giornalismo, narrazioni e documenti durante la Repubblica Sociale Italiana e la Resistenza nel Comasco 1943-1945 (NodoLibri – Istituto di Storia Contemporanea “P.A. Perretta”, Como 2022), appena pubblicato, in cui approfondiscono, tra gli altri, anche il “caso” Puecher.

È gradita la prenotazione all’incontro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: