Fiom Como

20 aprile/ Fim, Fiom e Uilm Como / 4 ore di sciopero e presidio davanti a Unindustria

sciopero20 aprileIl Contratto nazionale dei Metalmeccanici è scaduto il 31 dicembre 2015. Dopo oltre sei mesi trattative con Federmeccanica la distanza da colmare è ancora grande. Fim, Fiom e Uilm nazionale hanno deciso di non interrompere la trattativa e contemporaneamente iniziare una mobilitazione con 4 ore di sciopero mercoledì 20 aprile. Fim, Fiom e Uilm di Comopromuovono un presidio davanti alla sede di Unindustria Como in via Raimondi, 1 alle 14.

«Prima di avviare un percorso conflittuale abbiamo chiesto un confronto per verificare la possibilità di colmare l’ampia distanza che riguarda vari temi, in particolare quello del salario. Ma l’estrema rigidità delle imprese non l’ha permesso. Le organizzazioni sindacali non possono accettare che non venga riconosciuto nessun aumento salariale al 95% dei lavoratori. L’impostazione salariale avanzata infatti, sgancerebbe il 95% dei lavoratori dalla sua applicazione, e non si può pensare di dare il contratto ad una parte residuale (5%) dei lavoratori. Questa impostazione  assume  valenza generale perché si ripercuoterebbe anche sui futuri rinnovi . Non possiamo nemmeno accettare l’inserimento nella trattativa di temi antiquati come quello di proporre la riduzione dei permessi annui retribuiti (PAR). Per il sindacato  e i lavoratori Metalmeccanici è indispensabile affermare un CCNL che garantisca  il reale potere di acquisto del salario, che estende la contrattazione aziendale e quella territoriale, che migliori le condizioni di lavoro, che tuteli tutte le forme di lavoro, che migliori il welfare integrativo, sanità e previdenza integrativa. Il 7 aprile i delegati della Lombardia si sono ritrovati in un attivo unitario per discutere insieme questi temi. In questi giorni, in preparazione dello sciopero, si terranno nelle fabbriche le assemblee con i lavoratori. Per far sentire la nostra voce, mercoled’ì 20 aprile alle 14, ricordiamo l’appuntamento a tutti i lavoratori metalmeccanici davanti a Unindustria Como in via Raimondi, 1. Lo sciopero sarà di quattro ore. Le ultime quattro ore per i lavoratori turnisti e a giornata. Per i lavoratori con orario di lavoro part time lo sciopero sarà riproporzionato in base alle ore lavorative. Le ultime due ore per chi lavora quattro ore, le ultime tre per chi lavora seiore. Da oggi si lotta e si contratta. Vogliamo il nostro Contratto Nazionale di Lavoro, delle lavoratrici e dei lavoratori metalmeccanici.» [Fim, Fiom e Uilm Como]

16 marzo/ Maurizio Landini e Antonio Pizzinato a Como

landinicomoLunedì 16 marzo alle 15,30  in biblioteca, piazzetta Venosto Lucati Como, si svolgerà l’attivo Legalità, lavoro, democrazia dei delegati e delle delegate della Fiom-Cgil aperto alle realtà sociali del territorio comasco. Partecipano Ettore Onano, Mirco Rota, Francesco di Salvo, Antonio Pizzinato, Lorenzo Baldini, Stefano Tosetti. Conclude Maurizio Landini. Leggi il comunicato della Fiom

14 novembre/ La Fiom di Como a Milano

14_11_14_21-volantinoPer lo sciopero generale del comparto metalmeccanico, previsto per il 14 e il 21 novembre, la Fiom di Como organizza la trasferta per la manifestazione di Milano. Il pullman partirà dalle piscine di Muggiò  a Como alle 7 con rientro previsto alle  13.30. Per prenotazioni contattare Fiom Como allo 031.239.392 o fiom@cgil.como.it”

A Piombino è morto il sindacalista Mario Pescini

Nel giorno di Natale è morto a Piombino Mario Pescini, fondamentale figura del mondo sindacale a Como negli ultimi decenni del Novecento. Era nato a Piombino nel 1928 e lì aveva cominciato la sua attività politica. A Como dal 1973, quale segretario provinciale della FIOM, per poi occuparsi dei tessili e del Sindacato Pensionati. Dal 1992 fu il primo segretario dell’Auser.

(altro…)

Guerra in Libia/ Assemblea 1 aprile ad Albate

Venerdì 1 aprile,  Circolo Fumagalli, Comitato lavoratori contro la guerra, Fiom, Fp Cgil di Comoinvitano all’assemblea Il vento caldo di rivolta dall’Africa che si svolgerà alle 20,30 alla Cascina Massè di Como-Albate. Aprono la serata Massimiliano Lepratti saggista ed esperto dell’economia del terzo settore che presenterà il contesto socio-economico in cui si muovono le spinte di rivolta africane e Nicola Casale, che assieme al Comitato dei lavoratori contro la guerra di Como, da diversi anni analizza le spinte che governano le guerre che infiammano il nostro pianeta. Segue dibattito. Il testo del documento che invita all’assemblea. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: