Titti di Salvo

13 aprile/ Un nuovo Pd per cambiare l’Italia

nuovo pd«Dove va il nuovo Pd con la leadership di Matteo Renzi? Come si apre il partito a nuovi contributi e nuove partecipazioni, per coinvolgere quei settori della società con cui in precedenza il Pd ha avuto difficoltà a interloquire?» incontro con Giorgio Tonini, senatore, membro della Segreteria nazionale, Titti Di Salvo, deputata, Gian Mario Fragomeli, deputato, Gregorio Gitti, deputato, Mario Rodriguez, politologo, docente di comunicazione politica, introduce Gianstefano Buzzi, modera Stefano Fanetti, segretario cittadino, lunedì 13 aprile alle 21 all’Hotel Metropole Suisse in piazza Cavour a Como.

Lascia Sel la deputata comasca Titti Di Salvo

sel-genericoTitti Di Salvo,  deputata eletta nella Circoscrizione di Como, ha deciso di lasciare Sel insieme a Claudio Fava, Gennaro Migliore e Ileana Piazzoni, comunicando oggi, giovedì 19 giugno, al presidente del partito Nichi Vendola e al coordinatore nazionale Nicola Fratoianni la sua decisione irrevocabile. Sulla difficilissima fase in corso in Sel  con una spaccatura della quale non sono ancora definiti i termini quantitativi e che in Lombardia sembrerebbe non coinvolgere gli organismi direttivi regionali e provinciali si è espresso Marco Lorenzini, coordinatore di Sinistra ecologia libertà della provincia di Como: «Le dimissioni del capogruppo alla Camera Gennaro Migliore credo siano giuste perché il compito di chi ricopre questa carica è quello di trovare una sintesi superiore e di articolare sul piano parlamentare, fatte salve le prerogative del singolo eletto, la linea politica espressa, dal congresso. Crediamo che gli organi dirigenti nazionali debbano operare in fretta per sostituire il capogruppo alla Camera e per trovare i modi e le ragioni affinché il dialogo rimanga aperto. In caso contrario, auguriamo a quei parlamentari che dovessero decidere di abbandonare Sel, una serena navigazione politica nelle acque del Pd».

Diritti/ Titti di Salvo

tittidisalvoSono stati definiti i nuovi incarichi di lavoro per i dipartimenti della segreteria nazionale di Sinistra ecologia libertà.Tra le nomine anche quella della parlamentare eletta nella circoscrizione di Como Titti Di Salvo che si occuperà nella segreteria del tema dei Diritti.

Razzismo elvetico/ Sel: allarme per le europee

sel comoTitti Di Salvo (deputata Sel), Luca Fonsdituri (Forum lavoro Sel), Marco Lorenzini (coordinatore provinciale Sel Como) commentano l’esito del referendum zenofobo svizzero: «Il risultato del referendum del 9 febbraio scorso, proposto dalla destra xenofoba svizzera (UDC e Lega dei Ticinesi), ci preoccupa molto perché dimostra che in quel paese ci sono paure e sentimenti antistranieri che rimangono forti, soprattutto nei cantoni tedeschi e nel canton Ticino (dove i Verdi hanno purtroppo appoggiato le richieste della destra), minoritari invece nei cantoni francesi. I risultati ci dicono che nelle grandi aree urbane, più interessate a fenomeni migratori, ha prevalso il no mentre nelle periferie e nei piccoli cantoni dove il fenomeno è marginale ha prevalso il sì. Nel canton Ticino, dove il fenomeno del frontalierato è importante per l’economia di quel territorio, i dati diffusi nel gennaio 2014 sulla disoccupazione, secondo la Segreteria di Stato dell’economia e il Dipartimento delle Finanze e dell’Economia di Bellinzona, sono questi: 8.247 disoccupati, dei quali 3.913 svizzeri (47,4%), 4.334 stranieri (52,6%). Anche questo dato dimostra la natura ideologica e irrazionale del voto e deve spingere le forze politiche democratiche europee ad un rinnovato impegno per contrastare la deriva xenofofa che si sta diffondendo nel nostro continente.

La vittoria di misura dei sì (50,3%) contraddice i trattati tra U.E e Svizzera di libera circolazione e trasforma di fatto i migranti da libere persone portatrici di diritti a braccia da inserire nei settori lavorativi secondo il sistema dei contingenti. Non ci saranno ripercussioni immediate perché il Governo federale ha 3 anni di tempo per adeguare la vigente legislazione con gli esiti referendari, ma i 60.000 lavoratori frontalieri, dei quali più di 23.000 sono comaschi, sono fortemente preoccupati per il loro futuro. Il nostro partito a livello locale e parlamentare si impegnerà affinché il governo apra subito un tavolo di trattative con la Svizzera su questi temi e, con i nostri circoli svizzeri, appoggerà il referendum di maggio che propone un salario minimo uguale per tutti in ogni cantone della Svizzera L’inserimento di un salario minimo, a prescindere dal settore, permetterebbe di superare il ricatto che molti datori di lavoro fanno ai lavoratori di accettare, a parità di mansioni, una paga inferiore a quella dei lavoratori svizzeri. Siamo consapevoli che l’esito del referendum è un campanello di allarme per le prossime elezioni europee, per cui il nostro impegno sarà ancora più marcato per promuovere una Europa sociale dei diritti per tutti, per il superamento della politica di austerity, per lo sviluppo di politiche economiche che favoriscano il lavoro, per la difesa del modello sociale europeo». [Titti Di Salvo (deputata Sel), Luca Fonsdituri (Forum lavoro Sel), Marco Lorenzini (coordinatore provinciale Sel Como)]

F35/ cambiare direzione

tittidisalvoTitti di Salvo, la parlamentare di Sel eletta a Como, conferma l’impegno antimilitarista contro gli F35 con la dichiarazione che riportiamo integralmente: «Noi di Sinistra ecologia libertà siamo i promotori della mozione contro gli F35 e per la riduzione in generale delle spese militari e dei sistemi d’arma che verrà discussa in Parlamento lunedì 24 giugno. Al posto delle spese militari bisogna fare investimenti in asili nido in istruzione in beni pubblici L’Italia diseguale di oggi per uscire dalla crisi deve cambiare pagina La riduzione delle spese militari sarebbe il primo atto del cambio di direzione di marcia».

Cambiare con la Costituzione non contro

difesa costituzioneAnche il parlamentare Mauro Guerra e la parlamentare Titti Di Salvo eletti a Como promuovono e partecipano martedì 25 giugno alle ore 19 nella Sala Capranichetta di piazza Montecitorio a Roma al seminario sul percorso di riforma costituzionale dal titolo Cambiare con la Costituzione. Nell’incontro, proposto da un ampio gruppo di parlamentari sia del Pd che di Sel fortemente dubbiosi sul percorso si riforma appena avviato, sono previste relazioni di Luigi Ferrajoli, Giovanni Bachelet, Renato Balduzzi, Ida Dominijanni, Carlo Galli. Leggi nel seguito del post il testo dell’invito all’incontro e l’elenco dei firmatari. (altro…)

Analisi e futuro per le sinistre con Sel

selC’è voglia nelle sinistre comasche di esistere, di resistere all’attuale difficilissima situazione. All’assemblea di domenica 5 maggio hanno partecipato  una settantina di persone, diverse per storia politica, età.  Guarda nel seguito del post i video dell’iniziativa. (altro…)

Sinistre in cantiere a Como/ Domenica 5 maggio

selSinistre in fermento anche a Como. Dopo il terremoto determinato dall’abbraccio di governo tra Pdl e Pd, da molti giudicato contro natura, Sinistra ecologia libertà chiama a Un cantiere per la sinistra che parte con  un momento di discussione aperto, domenica 5 maggio alle 9,45 alla Circoscrizione 6 in via Grandi 21 a Como. All’assemblea interverranno Titti di Salvo, la parlamentare eletta a  Como e vicecapogruppo di Sel,  e Tino Magni del Coordinamento nazionale, ex coordinatore lombardo di Sel.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: