Riduzione delle cucine scolastiche a Como

facciatapalazzocernezziPer la razionalizzazione del servizio chiude la cucina di via Volta, i pasti arriveranno da via Sinigaglia

«La necessità di nuovi lavori per l’adeguamento alla normativa igienico-sanitaria e l’aumento dei costi legato al numero dei pasti preparato quotidianamente sono alla base della scelta di chiudere il punto cottura della scuola dell’infanzia di via Volta – dichiara il Comune di Como –. I pasti saranno preparati nella vicina cucina di via Sinigaglia, e poi trasportati in via Volta, con un furgone appositamente attrezzato».

«Da tempo l’Amministrazione è impegnata in un lavoro di razionalizzazione  con l’obiettivo di mantenere una qualità elevata del servizio e nel contempo di ridurre i costi – afferma il dirigente del settore Politiche educative Massimo Patrignani –. Perché le spese di gestione (luce, gas, acqua, magazzini per lo stoccaggio delle derrate alimentari…) siano sostenibili è necessario che ogni punto cottura riesca a produrre almeno 100 pasti al giorno: in via Volta siamo molto al di sotto con una media attestata tra i 50 e i 60 pasti al giorno».

Il Comune di Como gestisce il servizio mensa per 4mila bambini dalle scuole dell’infanzia alle secondarie di primo grado.

La chiusura della cucina è un provvedimento che prosegue una politica già iniziata dalla precedente maggioranza di centrodestra a Palazzo Cernezzi: «Nell’anno scolastico 2010-2011 erano già state chiuse le cucine delle scuole dell’infanzia di via Brambilla, di Trecallo, di via Varesina e della primaria di Ponte Chiasso» ricorda la nota. «L’accorpamento dei punti cottura e ancor prima l’introduzione delle mini-linee self service nelle primarie, hanno consentito agli uffici di garantire il servizio mensa agli iscritti, di contenere i costi di gestione, anche sul fronte del personale – riconosce il comunicato –, mantenendo un buon apprezzamento da parte degli utenti per la qualità del servizio».

«Certo, si tratta di un cambiamento importante – dichiara la vicesindaca Silvia Magni –. I pasti, tuttavia, continueranno ad essere preparati dalla stessa cuoca e l’attenzione e la cura nei confronti di ciò che i bimbi mangiano sarà la stessa. La decisione è già stata comunicata alla dirigenza scolastica e in questi giorni è stata inviata una comunicazione anche alle famiglie». [md – ecoinformazioni]

1 thought on “Riduzione delle cucine scolastiche a Como

  1. E’ VICE DI UN SINDACO……..QUINDI……VICESINDACO…..
    Attenzione massima ai bimbi……..devono mangiare ad ogni costo…..!!!

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: