Giorno: 13 Giugno 2016

Ceccanti, un costituzionalista per il sì

ceccanti cantùL’11 giugno Stefano Ceccanti, senatore del Pd e docente di i Diritto costituzionale alla Sapienza di Roma, partendo da alcuni spunti offerti dal suo libro La transizione è finita [G. Capitelli editore 2016, pagg. 120, 11 euro], ha illustrato alcuni punti a favore del sì al referendum costituzionale per cui i cittadini italiani saranno chiamati al voto nell’ottobre del 2016. Con lui Chiara Braga e Mauro Guerra, deputati del Pd. I due moderatori, Stefano Ballabio e Ivana di Carlo, hanno annunciato che l’incontro ha aperto la campagna di raccolta firme del Comitato per il sì a Cantù, che si propone di raccogliere un numero davvero considerevole di consensi in provincia: 11500 firme. (altro…)

Michelini/ Un pomeriggio contro il neoliberismo

michelinidoriacampioneIncredibile, una pomeriggio utile, un  vero dibattito nel quale si discute di un tema essenziale senza immediatamente riportarlo agli schieramenti correntizi delle differenti sfumature del centrosinistra. E nonostante nel pubblico ci fossero consiglieri comunali, esponenti di forze politiche della maggioranza non si è parlato di Paratie. Finalmente si cambia tema. Infatti la conferenza di Luca Michelini ha illuminato un tema concreto, non da cartolina. E ulteriore soddisfatto stupore deriva dalla reazione al contenuto che forse grazie al taglio scientifico scelto dal relatore che è professore di Storia del pensiero economico a Pisa è stato assorbito dal pubblico con applausi scroscianti e non solo per normale cortesia verso il relatore. Dobbiamo dedurre che il neoliberismo è estraneo all’orizzonte,  almeno dagli spettatori della serata? Se così fosse sarebbe una notizia: 30 antiliberisti a Como, un record. E anche le integrazioni richieste alla relazione di Michelini nell’ampio dibattito non ne hanno negato il cuore aggiungendovi questioni, non trattate o solo abbozzate, come il rapporto con lo sviluppo, le guerre, la trasformazione antropologica, la finanziarizzazione dell’economia, la brexit, ecc.. L’iniziativa del 13 giugno al Willy Brandt di Como con Luca Michelini  è stata aperta dal presidente del circolo Giuseppe Doria  e animata nel dialogo da Dario Campione del  Corriere di Como.

Proponiamo ai lettori il testo della relazione Il neo-liberismo italiano: dal crollo della Prima Repubblica ai giorni nostri di Luca Michelini. Le pagine di ecoinformazioni sono a disposizione per animare il dibattito sul tema centrale per lo sviluppo della politica anche nel nostro territorio. Inviare i contributi a ecoinformazionicomo@gmail.com.

Roma e le sue antiche fotografie in mostra a Ligornetto

MuseoVela_Lucediroma
Si chiude domenica 19 giugno la mostra Con la luce di Roma, allestita al Museo Vela di Ligornetto e dedicata a una ampia selezione di antiche fotografie della città eterna raccolte nella collezione di Marco Antonetto di Lugano.

 

L’esposizione riveste più di un motivo di interesse.

Intanto la vasta raccolta di immagini permette uno sguardo “alternativo” sulla straordinaria ricchezza di monumenti e di scorci di Roma; diverso perché precedente molte delle trasformazioni che hanno di fatto “omologato” il nostro approccio alla romanità e diverso perché, evidentemente, determinato da regole assai differenti dalle nostre. La stagione che vede l’affermazione della fotografia (dal 1840 al 1870) è, di fatto, un lungo periodo di ricerca, in cui, anche negli utilizzi più semplici della nuova tecnica (com’è certamente il suo uso a fini vedutistici), si tentano diverse strade, alcune in linea con la tradizione della pittura, altre invece decisamente nuove. È quindi di estremo interesse ricercare, in queste immagini di grande fascino, anche le tracce della sperimentazione artistica e tecnica e, alla fine, dell’affermazione di un modo “turistico” di guardare ai più famosi panorami dei sette colli.

Contemporaneamente le vedute, alcune di incredibile ricchezza di dettagli, permettono anche di verificare alcuni aspetti cui, in genere, si presta poca attenzione: i capolavori dell’antichità classica prima degli interventi novecenteschi di restauro, per esempio, oppure l’inserimento di elementi moderni nel bel mezzo della più antica storia (un solo suggerimento: cercate, se ne avete voglia, il particolare con il ponte moderno sospeso su funi per completare l’antico “ponte rotto”: uno squarcio di contemporaneità nel bel mezzo del pittoresco!).

Non di minor interesse la questione delle tecniche. Infatti, come dovrebbe essere ormai noto, invece che di “fotografia” bisognerebbe parlare, fin dal momento della sua “invenzione”, di “tante fotografie”: tra dagherrotipia (il procedimento di Daguerre) e calotipia (il procedimento di Fox Talbot), per esempio, non c’è quasi nulla in comune, nonostante che esse siano state messe a punto quasi contemporaneamente. Bene: la mostra di Ligornetto è anche l’occasione per verificare dal vivo queste tante differenze tecniche (e la saletta in cui sono messe in evidenza è un piccolo capolavoro di chiarezza).

Una mostra di grande godibilità, quindi, e al tempo stesso di grande profondità.

 

Domenica 19 giugno, alle 10.30, il finissage aggiunge una ciliegina sulla torta: la presentazione di un volume, fresco di stampa, dedicato alla storia della fotografia, questa volta a Genova. Curato da Elisabetta Papone e Sergio Rebora, il volume contribuisce in un modo ulteriormente diversificato alla conoscenza dell’origine e dell’affermazione della fotografia, approfondendo le vicende biografiche e professionali delle tante, tantissime persone che a Genova scelsero di Vivere d’immagini (come recita il titolo del volume). [Fabio Cani, ecoinformazioni]

MuseoVela-Lucediroma-catalogo

Il catalogo della mostra

 

MuesoVela-LucediRoma-CastelSantAngelo

James Anderson, Veduta del Tevere con Castel Sant’Angelo, una delle immagini in mostra.

Betto Lotti in mostra: il viaggio di una vita

BettoLotti-01

Rimarrà aperta fino al 18 giugno la mostra Da Firenze a Como, esposizione che porta alla scoperta di Betto Lotti, pittore fiorentino, proponendo una raccolta di opere che ne presentano il percorso artistico dagli esordi alla maturità.

Grazie a un articolato percorso, il pubblico è in grado di esplorare l’animo variopinto di un artista altrettanto vario, che nel corso della vita ha saputo sperimentare e crescere: dai tratti scuri dei disegni a carboncino che risalgono al periodo della formazione, alle tempere delle illustrazioni pubblicitarie, ai morbidi acquerelli e ai colori a olio dell’ultimo periodo.

Betto Lotti, vissuto tra il 1894 e il 1977, pur essendo toscano di origine, è fortemente legato al territorio comasco, dal momento che nel 1936 si reca a Como, dove vince il concorso per essere docente di disegno; nella città lariana ricopre anche il ruolo di vice presidente della Società di Belle Arti.

All’inizio della mostra i carboncini e le acqueforti ci portano in una realtà cupa e a tratti macabra (uomini al lavoro in cantieri navali, processioni funebri, donne dai liberi costumi); sono esposti anche alcuni schizzi eseguiti durante la reclusione nel campo di concentramento austriaco di Sigmundsheberg durante la prima guerra mondiale

Poi scompaiono le sensuali figure femminile e i degradati ambienti delle bettole, al loro posto prevalgono eleganti rappresentazioni di donne in abiti da ballo, opere grafiche destinate alla collaborazione dell’artista con alcune riviste dell’epoca.

Ma lo stacco più significativo dai temi delle opere della formazione è quello che avviene nel corso del soggiorno a Como. I temi cambiano radicalmente: l’artista predilige l’atmosfera della malinconia e del ricordo, di un sentimento che dalle pennellate morbide sfuma verso qualcosa di più lontano, distante non solo nello spazio, ma anche nel tempo. Questo è chiaro anche nel riconoscere tra i paesaggi rappresentati le luci della campagna toscana e le sfumature del mare ligure; sono gli ambienti del passato dell’artista, di un tempo ormai perduto, che armoniosamente si legano alle rappresentazioni di paesi briantei e paesaggi lariani, in cui a lungo è vissuto. Non mancano tuttavia quegli stessi paesaggi rustici e popolani che avevano caratterizzato fin da subito la sua produzione artistica: ambienti che con la loro umiltà e naturalezza ci portano direttamente dentro all’animo di un artista che pur nel corso di una vita ricca di sperimentazioni e cambiamenti resta fedele a se stesso e a quella volontà di dare vita, attraverso l’arte, a realtà di cui non è sempre facile riconoscere la bellezza. E che, grazie a questa intensa vicenda, ha lasciato un segno significativo nel patrimonio artistico locale.

[Pietro Caresana, Martina Toppi per ecoinformazioni]

 

Alcune opere esposte in mostra:

BettoLotti-02

BettoLotti-04

BettoLotti-03

BettoLotti-05

13 giugno/ Il neo-liberismo italiano: dal crollo della Prima Repubblica ai giorni nostri


neoliberismo
Giunge a proposito la conferenza di Luca Michelini nel turbolento momento politico lariano. Michelini – le sue analisi sono comparse a più riprese anche su ecoinformazioni – è professore di Storia del pensiero economico all’Università di Pisa, ed è anche un osservatore attento ed estremamente “
realista” della cronaca politica, di cui ha fatto emergere ambiguità e contraddizioni tanto diffuse.

Il tema che sarà affrontato, Il neo-liberismo italiano: dal crollo della Prima Repubblica ai giorni nostri, è frutto di una lavoro svolto per il ciclo L’Università e il territorio, otto seminari per capire il presente, coordinato dal prof. Salvatore Cingari, dell’Università per stranieri di Perugia. La conferenza, organizzata dal Circolo Willy Brandt lunedì 13 giugno alle 17,30 in via Aristide Bari 8 a Como, sarà introdotta da Giuseppe Doria, presidente del Circolo. Dario Campione, del Corriere di Como, dialogherà con Luca Michelini.

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: