Giorno: 16 Maggio 2017

Morire al Cairo/ Nessun mistero sulla tortura e uccisione di Regeni

L’incontro, organizzato da Arci book, Arci provinciale e Arci ecoinformazioni, con Gigi Marcucci, autore insieme a Antonella Beccaria di Morire al Cairo [Castelvecchi editore] si è aperto con un’ampia introduzione di Celeste Grossi dell’Arci [Leggi l’intervento] che ha evidenziato come la tortura di Regeni e la sua uccisione sono storie “normali” nell’Egitto oppresso da Al Sisi. Marcucci ha quindi evidenziato come le responsabilità politiche sono del tutto chiare e  come la famiglia non solo è attiva per ottenere verità sull’uccisione di Giulio Regeni, ma anche per rendere manifeste le infinite violazioni, violente e assassine dei diritti umani in Egitto. Già on line sul canale di ecoinformazioni i video di Luca Bedetti, ecoinformazioni, dell’iniziativa. [Foto Dounia Arrafi, ecoinformazioni]

Guarda sul canale di ecoinformazioni tutti i video di Luca Bedetti dell’iniziativa.

 

ecoinformazioni 578

C’è il rischio che si perda il senso della realtà e che il tema migrazioni sia scambiato con la campagna di stampa pararazzista contro le organizzazioni umanitarie che salvano migliaia di vite nel Mediterraneo. Anche per questo è importante l’informazione libera. Anche per questo apriamo il nostro numero 578 con l’appello sottoscritto al festival Sabir da Arci, Caritas Italiana, Acli, Asgi, Amnesty International Italia. Anche per questo aderiamo alla manifestazione del 20 maggio alla quale parteciperemo dietro gli striscioni contro l’imbarbarimento illegale e incostituzionale imposto da Minniti-Orlando e dalla maggioranza che ha approvato il testo in Parlamento. (altro…)

Viale Masia/ La via e la vita

Il 10 maggio è stata depositata in Comune la petizione sulla pericolosità di viale Masia, sottoscritta da 217 persone, dopo che, in tempi recenti, il tratto di strada è stato teatro di incidenti, con una persona morta e tre ferite gravi.

Nella lettera si ricorda che «il fattore principale di pericolo, di inquinamento chimico e acustico e di lesione dei diritti dei cittadini, dei commercianti e degli utenti, è costituito dall’attuale regolazione del traffico» e che «la soluzione [non è] rinviabile a lavori che l’Amministrazione colloca nel futuro, tra un anno e oltre». In sostanza, sostiene chi ha sottoscritto la petizione, è indispensabile tenere in considerazione «la natura di viale Masia come strada urbana e spazio pubblico» e non come «rettilineo di accelerazione verso la tangenziale». In altro modo non si può tutelare la qualità della vita.

Leggi qui il testo integrale della petizione della lettera di accompagnamento.

16 maggio/ Caso Regeni: “Morire al Cairo”

Martedì 16 maggio alle 18 allo Spazio Parini in via Parini 6 a Como Arci book, Arci provinciale e Arci ecoinformazioni presentano il libro di Antonella Beccaria e Gigi Marcucci Morire al Cairo (Castelvecchi editore). Marcucci, ex giornalista dell’Unità e ora scrittore e reporter, ci parla del caso Regeni, con molta dovizia di particolari e ricostruendo il quadro generale dell’Egitto di oggi. Gigi Marcucci dialogherà con Celeste Grossi (Arci). Ingresso libero. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: