Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

C’è una Como che accoglie e un’altra che preferisce sperperare invece di risolvere i problemi

Dalla parte dei migranti, senza se e senza, disponibili ad aiutarli in ogni situazione, anche al confine della legalità e persino nel territorio difficilissimo dell’interfaccia con le istituzioni, spesso né legali né giuste, ma senza perdere la capacità di comprendere che senza un cambiamento di orizzonte, cioè politico, le situazioni non possono che aggrovigliarsi sempre più calpestando vite e persone. Ci sembra questo il succo dell’atteggiamento che si manifesta nella lettera aperta a Mario Landriscina di Como accoglie a proposito della fine dell’emergenza freddo, della sua parziale continuazione,  dell’idea davvero inqualificabile di limitarne gli effetti solo a una parte di coloro che ora ne “godono” scegliendo tra loro con criteri sicuramente ingiusti e inumani.

Como accoglie si dichiara disponibile a fare il possibile ma non senza accorgersi che lo spreco di denaro pubblico deciso dalle destre comasche alla ricerca di un affermazione di severità, tanto inumana quanto fuori luogo, ha significato buttare via 20mila euro per blindare quello che era stato il riparo dei migranti per mesi invece di destinare tali risorse a risolvere il problema. Una vergogna. E  i volontari e le volontarie di Como accoglie non sono disponibili a non dire che se si decide di considerare il freddo un’emergenza temporanea e senza aver trovato soluzioni permanenti si decide di prorogarne la durata solo per alcuni lasciando in strada decine, forse centinaia di persone è impossibile non capire che: «Saranno quindi oltre cinquanta le persone escluse a breve, alle quali se ne aggiungeranno altrettante tra un mese, alla chiusura dei tendoni. Si ritroveranno tutte per strada e saranno costrette a trovare ripari di fortuna, in condizioni di vita non dignitose e con sicuri disagi anche per i cittadini. Stiamo parlando di persone e non di fantasmi e ignorarli non ne annullerà la presenza, data anche l’innegabile realtà di Como, quale città di confine». [Gianpaolo Rosso, ecoinformazioni]  Leggi il testo della lettera aperta al sindaco di Como Mario Landriscina.

 

Un commento su “C’è una Como che accoglie e un’altra che preferisce sperperare invece di risolvere i problemi

  1. ecoinformazioni
    27 marzo 2018

    L’ha ribloggato su comosenzafrontiere.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27 marzo 2018 da in Antirazzismo, immigrazione con tag , .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: