Como Borghi: le Associazioni contro l’abbandono del centro civico

Con una lettera all’Assessore e al Dirigente, le Associazioni ospitate nel centro civico di via Grandi, esprimono la loro preoccupazione per la scelta di spostare il personale che attualmente garantisce la gestione e il presidio pressoché giornaliero del Centro di via Grandi, lasciando così lo stesso, di fatto, privo di riferimento e interlocutore organizzativo. E’ un altro passo verso il progressivo smantellamento delle strutture decentrate, che rientra nel più complessivo disegno di ostacolare la partecipazione e la cittadinanza attiva.

Ecco il testo completo della lettera:

Le scriventi Associazioni, ospiti degli spazi del Centro Civico di Via Achille Grandi, venute a conoscenza di quanto deciso dalla Giunta Comunale nella seduta del 28 febbraio c.a. in merito alla riorganizzazione del personale adibito alla gestione dei servizi dei Centri Civici, intendono esprimere la loro preoccupazione per la scelta di spostare, in via Collegio dei Dottori, il personale che attualmente garantisce la gestione e il presidio pressoché giornaliero del Centro di via Grandi, lasciando così lo stesso, di fatto, privo di riferimento e interlocutore organizzativo.

Considerato che il Centro ospita 18 Associazioni, la maggioranza delle quali dedite a fornire servizi a vario titolo (ricreativo, formativo, culturale, assistenziale) che coinvolgono complessivamente diverse centinaia di utenti durante tutti i giorni della settimana e in tutte le ore del giorno, molti dei quali residenti nella Circoscrizione di riferimento, risulta evidente come il venir meno di un referente amministrativo del Comune possa determinare il degrado di un punto di aggregazione sociale fra i più vivaci e partecipati della città. L’eterogeneità del pubblico, le esigenze cui esso risponde, l’ampio ventaglio orario in cui tali attività si svolgono, i conseguenti problemi organizzativi che la funzionaria del Comune affronta e risolve, l’accoglienza e nel contempo il controllo sull’insieme delle attività che quotidianamente garantisce, rappresentano “valore aggiunto” in un contesto sociale fortemente partecipato.

Pertanto Le chiediamo di riconsiderare la decisione assunta, dichiarandoci disponibili ad un incontro che faciliti la convergenza fra le esigenze organizzative dell’Amministrazione e la salvaguardia della qualità nel funzionamento del Centro Civico.

Ringraziando per l’attenzione alla presente, in attesa di cortese riscontro si porgono distinti saluti.

Como, 22 marzo 2019

Chance Cooperativa- Scuola di italiano per donne straniere

Educazione oltre

Associazione Longeva

AUSER – Coro Gaudeamus igitur

I Ragazzi della terza età

Associazione Parkinsoniani

Circolo micologico lariano “Plinio il vecchio”

Sinistra italiana – coord. Territ.le di Como

Osservatorio giuridico dei diritti dei migranti

Gruppo archeologico comasco “Ulisse Buzzi-ONLUS”

I Bambini di Ornella-ONLUS

Circolo fotografico Como

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: