Mese: Aprile 2019

Intrecci di popoli 2019

Anche quest’anno intrecci di popoli c’è. Malgrado il boicottaggio del comune di Como, che si è sottratto al suo ruolo storico di co-organizzatore e cofinanziatore, un nutrito gruppo di associazioni ha elaborato un ricco calendario di iniziative in programma fino al 30 giugno, che ha preso il via lo scorso 28 aprile con la Festa dei bambini organizzata dall’associazione culturale turca al Teatro Nuovo di Rebbio.

Intrecci di Popoli è la rassegna cittadina organizzata dalla diocesi di Como, Csv Insubria e coordinamento comasco per la pace con la partecipazione di circa trenta realtà del territorio tra associazioni, comunità migranti, chiese e onlus. La manifestazione fa tesoro dell’esperienza portata avanti, tra il 2013 e il 2017, dal Festival Intrecci di Popoli e vuole proporsi come occasione di incontro,  confronto e festa tra le realtà del mondo del volontariato, delle comunità migranti e la cittadinanza. Dopo il primo appuntamento la rassegna proseguirà con il seguente calendario:

19 maggio

Orizzonti Im-Possibili: mostra, stand e contest musicale dalle 15, Giardini Tempio Voltiano-Locomotiva e Ostello Bello via f.lli Rosselli.

Organizzano: Coop. Simplokè, Coop. Questa Generazione, Fondazione somaschi Onlus, Como senza frontiere, Coop. Lotta contro l’emarginazione, Casa Divina Provvidenza – Opera Don Guanella

Dal 18 al 23 maggio

Il mondo delle donne: Mostra fotografica, Spazio Natta, in via Natta 18

A cura dell’Associazione RussiA Como. Inaugurazione 18 maggio, ore 18, con concerto di Musica spiccia, Il baule dei suoni.Orario mostra: 19 maggio dalle 10 alle 19; 20 maggio chiuso; 21-22-23 maggio dalle 15 alle 19

Dal 31 maggio al 2 giugno

L’isola del tesoro – spettacolo musicale, ore 21, Teatro Nuovo di Rebbio, via Lissi 2. Organizzano Terraluce Onlus e Amici di Zinviè

3 giugno

Laboratori per bambini. Età dai 5 ai 10 anni, accompagnati da un adulto, ore 16.45, scuola primaria di via Perti,Como. Organizzano: Pappamondo, cibo e ricchezza culturale, cibi dal mondo, Battito d’Ali, Mon-do re mi musica dal mondo, Popolifonia

9 giugno

Santa messa per la festa dei popoli, ore 10, chiesa di San Giuseppe, via Bonomelli 4. Tradizioni in scena, sfilata di abiti popolari, ore 14,30, sagrato basilica di S. Fedele. Organizzano le Comunità migranti e Stringhe Colorate.

Cappucciotto in torno al mondo, ore 16, Chiostrino Artificio, via Piazzolo Terragni 4 Spettacolo a cura di Fata Morgana e coop. Chance, scuola d’italiano per donne straniere; Seguono: merenda equo-solidale offerta da Garabombo L’In-visibile e concerto del coro Macramè

11 giugno

Incontro interreligioso, ore 20,45, Centro culturale turco, via del lavoro 5. A cura del Tavolo Interfedi

22 giugno

Como what have you got? Ore 20.30 Teatro Nuovo di Rebbio via lissi 2, Talent show.A cura del Teatro Gruppo Popolare

30 giugno

Torneo di calcio e pallavolo con aperitivo interculturale e mostra fotografica, dalle 9 alle 19,30, campo Gigi Meroni via Acquanera 10E Organizza: associazione Bir

Partecipano a Intrecci di Popoli

Abco Burkinabè, Amici di Zinviè, Arte Migrante, Asci Don Guanella, Associazione culturale Turca, Associazione Garabombo l’invisibile, Battito d’ali, Bir, Chiesa Ortodossa del Patriarcato di Mosca, Coop. Chance, Comunità Salvadoregna, Coro Macramè, Fata Morgana, Il Baule dei Suoni, Il Sole onlus, Kibarè Onlus, Luminanda- Chiostrino Artificio, Marcellino pan y vino, Miciscirube, N’Gola Mbandi, Ovci La Nostra Famiglia, Popolifonia, Presenza Missionaria Guanelliana, RussiA Como, San Lorenzo dei rumeni, Stringhe colorate, Tavolo Interfedi, TeatroGruppo Popolare, Terraluce Onlus, Variopinto.

Per informazioni e contatti

Csv Insubria sede di Como,  031.301800 como@csvlombardia.it

2 maggio/ Un piccolo bagliore e un grande tuono

Spazio Parini, in collaborazione con Stringhe colorate, giovedì 2 maggio alle 19 in via Parini, 6 invita all’incontro con Roberto Pozzi che dialogherà con Alberto Terzi sul suo nuovo romanzo un piccolo bagliore e un grande tuono.

(altro…)

2 maggio/ Assemblea Fridays for future

Prosegue, dopo il successo anche a Como della prima manifestazione nazionale, il consolidamento e l’articolazione dell’attività di Fff che ha scelto di dare la più ampia diffusione ai suo momenti di democrazia interna, preparati nei gruppi di lavoro ai quali tutte/i gli attivisti/e possono partecipare. Contemporaneamente Fff continua a animare la mobilitazione per il clima ogni venerdì avanti al Comune di Como. Giovedì 2 maggio alle ore 17,30 nella sala del Csv Insubria in via Col di Lana 5 a Como, si terrà la terza assemblea di Fridays for future Como per l’organizzazione della manifestazione del 24 maggio. [Foto Fabio Cani, ecoinformazioni]

Vietata la solidarietà, anche usata

Colpire i poveri, negarne i diritti, perseguire chi li aiuta è la mission del governo di destra comasco. Lo confermano la maggior parte dei provvedimenti imposti a Como e anche l’ultima insana idea di chiedere una sorta di pizzo alle organizzazioni caritatevoli che si occupano di raccogliere abiti dismessi per donarli a chi non ne ha. Lo scandalo dell’appalto che imporrebbe per ciascun punto di raccolta centinaia di euro di tassa è stato denunciato da Bruno Magatti consigliere comunale della lista Civitas che il 29 aprile ha illustrato nuove proposte, destinate crediamo a essere ignorate se, come temiamo, il problema non solo l’incompetenza, ma la scelta deliberata e consapevole di colpire la solidiarietà.

(altro…)

Non solo Greta/ Dal Regno Unito sbarca Extinction Rebellion, presto anche a Como

Al movimento di salvaguardia climatica che si riconosce negli scioperi iniziati dalla studentessa svedese Greta Thunberg se ne aggiunge un altro, proveniente dal ribollente Regno unito, già presente in Italia e pronto a sbarcare anche a Como: si chiama Extinction Rebellion (abbreviato in Xr), lanciato nel maggio 2018 da un centinaio di accademici e fondato nell’ottobre scorso da Roger Hallam, Gail Bradbrook, Simon Bramwell e altri attivisti della campagna Rising Up!

«Dopo il primo sciopero globale del 15 marzo il nostro numero è raddoppiato, aumenta di giorno in giorno e siamo già organizzati in gruppi attivi a Milano, Roma, Torino e altre città», afferma Marco Bertaglia del coordinamento italiano, che il 27 aprile scorso è intervenuto a un evento organizzato dal centro Macao di Milano. «Da Como e provincia abbiamo già avuto diversi contatti – continua Bertaglia, ricercatore in agroecologia, suolo e risorse sostenibili – ed è possibile che a breve possa formarsi un gruppo anche in questa città».

Le premesse su cui si fonda Xr, che trae ispirazione da movimenti di base come Occupy, il movimento indipendentista di Gandhi, le Suffragette e Martin Luther King, sono pressoché identiche a quelle dell’altro Movimento internazionale Fridays for Future (Fff): i cambiamenti climatici stanno diventando irreversibili come riconosce ormai il 97 per cento degli scienziati, dunque si rendono necessari il rispetto per l’accordo di Parigi, 100% di energia pulita, utilizzo di fonti rinnovabili e aiuti ai rifugiati e migranti climatici.

Cambiano però le modalità di protesta, che non è soltanto studentesca, basata sugli scioperi scolastici del venerdì, ma pur continuando a essere non violenta si fonda sulla pratica dei die-in (ovvero flashmob che simulano la morte per disastro ambientale) blocchi stradali e atti di disobbedienza civile da parte dei propri attivisti, che sono disposti a essere arrestati e ad andare in prigione usando le stesse modalità del Comitato dei 100 nel 1961.

Le richieste di Xr vertono essenzialmente su tre punti: riconoscimento dell’emergenza ecologica e climatica, stop alla distruzione degli ecosistemi e emissioni serra, che devono scendere a zero entro il 2025 e costituzione di assemblee cittadine che decidano sulle misure da chiedere ai comuni. Che tradotto significa: è necessario che i governi dichiarino l’emergenza delle attuali crisi ecologiche, lo comunichino con chiarezza cambiando le politiche incompatibili; arresto della distruzione di ecosistemi oceanici e terrestri, causa di una massiccia estinzione in corso del mondo vivente e riduzione immediata delle emissioni di gas a effetto serra per raggiungere l’abbattimento completo entro il 2025 attraverso la riduzione dei consumi e della domanda di energia.

Non siamo quindi lontani dalla richiesta di modificare profondamente le modalità di produzione industriale, espresse da Fff, che rende analoghe le “piattaforme” rivendicative dei movimenti, che possono essere così considerati marxisti di fatto, pur senza formulare alcun preambolo ideologico. Semplici utopie? Può darsi, ma intanto è notizia di questi giorni che nel Regno Unito nel giro di pochi mesi sono già 59 i Comuni che hanno dichiarato l’emergenza climatica, impegnandosi ad adottare misure che riducano drasticamente le emissioni di CO2. Tra essi città importanti come Edinburgo, Cardiff, Leeds, Leicester, Oxford, Cambridge, Newcastle, Nottingham, Portsmouth, York. E ovviamente, anche la capitale, guidata dal sindaco laburista Sadiq Kahn. Lo stesso Jeremy Corbyn, leader dei laburisti britannici, ha dichiarato che il suo partito presenterà una legge alla Camera dei Comuni per chiedere che tutto il Regno Unito dichiari emergenza climatica, con l’obiettivo di tagliare drasticamente le emissioni di CO2 entro il 2030.

Certo, nell’ex Belpaese la cultura della protesta gandhiana è poco diffusa e i poliziotti tricolore non picchiano meno dei rudi colleghi d’oltremanica, corroborati dalla famigerata legge Salvini sulla sicurezza che con il reintrodotto reato di blocco stradale e occupazione dei binari ferroviari punisce con la reclusione fino a sei anni chiunque impedisce, ostruisce o limita mediante oggetti la libera circolazione dei veicoli. E non c’è comunque da rallegrarsi se il disposto prevede “solo” una multa da mille a quattromila euro per chi ostruisce o impedisce la circolazione stradale con il proprio corpo. «Siamo consapevoli della particolarità italiana e al momento utilizziamo perlopiù modalità soft di protesta – precisa Bertaglia – ma stiamo lavorando perché i blocchi siano valutati giuridicamente in modo analogo in tutto il territorio europeo».

A margine del talk di Bertaglia, organizzato nella saletta-cinema e che ha richiamato decine di persone anche provenienti da altre città, in un altro spazio del Macao era possibile assistere a “Extinction”, un’installazione curata dal giovane artista lariano Mauro Ferrario in collaborazione con Alessio Occhiodoro e Francesca Vassallo, sul minaccioso futuro distopico che ci attende: sei cuori luminosi appesi al buio assoluto, che pulsano con fragore fino a spegnersi uno ad uno. Come a suggerire che la sesta estinzione di massa non è lontana e che non abbiamo più un minuto da perdere. Per evitarla. [Fabio Germinario, ecoinformazioni]

Illegalità di governo/ Fascio? lo lascio

Mentre il ministro della paura scappa dalla Liberazione e si dichiara contro le mafie ma non si accorge che la ‘ndrangheta è anche a Cantù, i suoi sottoposti al Comune di Como non perseguono la palese illegalità delle affissioni abusive fasciste che da giorni indisturbate dai vigili urbani infangano la città con messaggi violenti e nostalgici. La denuncia viene dall’Osservatorio democratico sulle nuove destre di Como che ha scritto segnalando l’illegalità dell’affisione e della sua mancata rimozione ai vigili urbali a al sindaco di Como.

La richiesta di intervento, già inviata via mail, sarà protocollata in Comune il 30 aprile: «Scriviamo per segnalare che, alla data del 27 aprile 2019 dietro lo stadio Sinigaglia negli spazi di proprietà del Comune di Como (come da foto allegata alla mail) dopo più di un mese dalla loro affissione sono situati ancora dei manifesti abusivi affissi da un gruppo neofascista inneggianti ad un concerto di stampo fascista che si è tenuto a Milano il 23 marzo 2019 nel quale, sul palco, si sono susseguiti gruppi musicali risaputamente”nazi-rock”.
Come cittadine e cittadini prima ancora di come mebri di un’organizzazione antifascista siamo indignati all’idea che certo materiale di naturta apologetica rimanga per più di un mese affisso in spazi di proprietà del Comune della nostra città quindi di proprietà della collettività caomasca.
Nell’atesa di una risposta e certi che tutto questo sia solo una svista confidiamo in un’immediata rimozione dei manifesti in oggetto ed altresì in una ,maggiore attenzione per il futuro». [Osservatorio democratico sulle nuove destre Como]

Consigli di lettura: l’aporafobia

L’edizione del 28 aprile del quotidiano cattolico Avvenire pubblica un’importante inchiesta dal titolo “Lo stato asociale”, con tutte le azioni ed omissioni politiche contro le attività solidali in Italia. Il prof. Stefano Zamagni utilizza la parola greca aporafobia, disprezzo del povero. Una denuncia molto netta sulla quale è opportuno riflettere, anche per i laici. (altro…)

EpigrAmando: un nuovo concorso letterario all’orizzonte

Oggi per Taraxacum diamo spazio a una chiacchierata con Riccardo Magni, giovane poeta e membro del Rotaract Club di Abbiategrasso, che ha da poco inaugurato un nuovo concorso letterario: EpigrAmando. Oltre a costituire un’eccezionale possibilità per i partecipanti di mettersi alla prova sottoponendo le proprie opere al giudizio di una giuria di primordine, EpigrAmando è anche un’ottima occasione per fare del bene. Infatti, ai partecipanti è richiesto un piccolo contributo economico, a titolo d’iscrizione, che sarà poi devoluto in beneficenza. Leggi il seguito sul blog di ecoinformazioni di Martina Toppi Taraxacum.

L’Anpi a Dongo: continuare la liberazione dal fascismo

Mentre qualche decina di neofascisti ricordavano la fucilazione dei gerarchi sulla piazza di Dongo alla fine di aprile del 1945, un centinaio di persone hanno partecipato, a poche centinaia di metri di distanza, all’incontro promosso dall’Anpi con il titolo Chiudere i conti col fascismo.

(altro…)

28 aprile/ Dongo: la memoria dei partigiani della 52ma Garibaldi

Per onorare la memoria dei partigiani della 52ma Brigata Garibaldi (la formazione che di fatto mise la parola fine al fascismo in Italia), l’ANPI Provinciale di Como e le sezioni di Dongo e Lario Occidentale indicono una conferenza domenica 28 aprile 2019 ore 10,30 presso l’Istituto Civico Musicale di Dongo, via Statale 14.

Relatori:
Tullio MONTAGNA – Presidente Regionale ANPI Lombardia
Albertina SOLIANI – Presidente Istituto Alcide Cervi – Gattatico (RE)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: