Civitas/ Regolamento della Polizia Locale/ Un reale percorso partecipato

In una nota civitas afferma che: «in questi giorni a Palazzo Cernezzi c’è in discussione il nuovo regolamento di Polizia Locale. Il regolamento ha uno spazio ampio di applicazione che va dalla semplice cartaccia a terra alla potatura degli alberi; in mezzo, tra cielo e terra, ci sono residenti, commercianti, turisti, artisti, medicanti e i cani.

Troviamo che questa sia un’occasione imperdibile per “metterci mano insieme“, perché questo regolamento è (anche) di tutti i cittadini di Como. Certo è più faticoso e pretenzioso un percorso di corresponsabilizzazione. Il regolamento che ci viene proposto è una sintesi di tanti analoghi rintracciabili qua e là ed è infarcito di riferimenti normativi anche alle più recenti norme introdotte. Ma noi, quello che vogliamo è che da questo regolamento siano eliminati tutte quelle norme che per essere applicate chiedono una valutazione soggettiva, che non rimandano a fatti certi, accettabili e incontrovertibili, che pretendono l’interpretazione da parte di una terza persona. Siamo certi che un regolamento che intende sanzionare comportamenti o addirittura atteggiamenti per i quali è difficile se non impossibile riconoscere una oggettiva nocività sociale non potrebbe che sortire due situazioni entrambe molto pericolose.

  1. vedremmo esempi di sanzioni applicate solo da e ad alcuni, con situazioni analoghe giudicate in modo contraddittorio. Ciò rappresenterebbe la morte della norma stessa perché quello che rende credibile una norma è la certezza della sanzione non l’entità della sanzione.
  2. la seconda possibilità è il varo di norme inapplicabili in alcune loro parti, con il conseguente susseguirsi di ricorsi davanti al giudice di pace da parte di coloro che non rinunceranno a proporre la propria visione, con la chiamata del comune a risarcire i costi della causa .

Catone diceva che «Là dove abbonda la norma è perché difetta il costume» ma noi tutti sappiamo che la tentazione di migliorare il costume regolamentando addirittura i dettagli della vita quotidiana è una semplificazione inefficace se non controproducente. Basta guardarsi intorno e vedere quanti cittadini ignorano il regolamento della raccolta differenziata. È nelle intenzioni di Civitas promuovere un percorso partecipato con i cittadini di Como mirato alla conoscenza del nuovo regolamento e alla possibilità lavorare insieme a  delle modifiche. È  online una piattaforma dove chiunque potrà accedervi, leggere il regolamento in discussione e proporre delle modifiche. Le modifiche, dopo un’attenta analisi e verifica con lo Staff di Civitas, saranno oggetto degli emendamenti che il prossimo 13 Maggio porteremo in consiglio comunale». [civitas como]

Percorso partecipato regolamento Polizia Locale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: