Ambiente/ Appello del circolo Ilaria Alpi contro lo smog

Il Circolo Ambiente Ilaria Alpi ha diffuso un comunicato stampa di allarme sulla situazione dell’inquinamento a Como e in tutto il territorio lombardo, che si fa sempre più preoccupante.

Non solo a Como, si legge nel comunicato, ma in tutta la Brianza il livello di Pm10 è ben sopra i limiti stabiliti legalmente (siamo dell’ordine di un eccesso di 20 microgrammi/mc nel capoluogo di provincia, ma anche a Erba e Cantù). Il problema principale sembra legato alla mobilità, ma l’amministrazione regionale sembra sorda a qualunque ragione e anzi ha prolungato fino ad inizio 2021 la deroga alla circolazione dei veicoli diesel euro 4.
Anche a livello nazionale il ministero dell’ambiente ha fatto poco o nulla per limitare l’inquinamento nel paese, tanto che l’Italia si è meritata la condanna della corte di giustizia europea per, citando, “ripetute e sistematiche violazioni delle norme sull’inquinamento atmosferico”.

L’appello del Circolo ambiente è di considerare, oltre al dramma evidente del coronavirus, anche una questione che riguarda la sanità in modo meno appariscente ma non per questo meno pericoloso per la vita umana e per l’esistenza del pianeta in generale.
In particolare, si richiedono restrizioni alla circolazione nei grossi centri urbani e un tetto al riscaldamento negli edifici pubblici e privati a 19°C.
In generale, però, la proposta è quella di riconsiderare la mobilità urbana in chiave più ecologica in modo tale da creare miglioramenti nella qualità dell’aria anche sul lungo periodo.


Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: