Baggi/ Appello alla cittadinanza

«Care e cari, in una fase molto critica per la democrazia nella quale rigurgiti neofascisti di ogni ordine e grado stanno riemergendo nello spasmodico tentativo di strumentalizzare il malcontento derivato dalla scellerata gestione dell’emergenza pandemica a Como, lunedì 18 ottobre, si terrà finalmente, dopo due “false partenze” la prima udienza tecnica del processo contro i neofascisti del Veneto Fronte Skinheads che nel 2017, attraverso una vergognosa azione squadrista, fecero irruzione durante un’assemblea plenaria della Rete antifascista e antirazzista Como senza frontiere obbligando i presenti all’ascolto di un delirante proclama sulla cosiddetta “questione della razza”.

Il fatto balzò agli onori della cronaca nazionale e suscitò reazioni in tutto il Paese.

La Rete Como senza frontiere – nata poche settimane prima di quella che diventò poi famosa come “L’estate di Como San Giovanni” – è una Rete di soggetti e di persone che da anni prova ad occuparsi di “cambiare la percezione sul fenomeno delle migrazioni” e dato per assodato che non si possa oggi parlare di antifascismo se non in maniera strettamente correlata all’antirazzismo è finita nel mirino di questi individui che, attenendosi alle leggi vigenti ed alla Costituzione Repubblicana nata dalla Resistenza, non dovrebbero avere alcuno spazio, né privato né tantomeno pubblico, nessuna agibilità politica e le loro organizzazioni dovrebbero essere immediatamente sciolte.

Quella di lunedì è una data molto importante, finalmente si aprirà il processo per il quale il nostro Partito si è costituito parte civile – e per queste ragioni è stato indetto un presidio antifascista davanti al tribunale proprio in concomitanza con l’udienza.

Al presidio parteciperà anche Saferio Ferrari ricercatore storico e fondatore dell’Osservatorio democratico sulle nuove destre in maniera tale da poter rilasciare dichiarazioni alla stampa sulla natura eversiva degli aderenti al Vfs.

Invito le compagne, i compagni, le antifasciste, gli antifascisti e tutte e tutti coloro le/i quali si riconoscono nei valori della libertà e della democrazia a partecipare per far sentire tutte e tutti insieme la nostra voce.

Il fascismo non è n’opinione come le altre ma un crimine contro l’umanità.

Vengano immediatamente sciolte tutte le organizzazioni neofasciste e neonaziste.

Ci vediamo lunedì 18 ottobre dalle ore 9:30 davanti al tribunale di Como (Viale Cesare Battisti)». [Fabrizio Baggi, segretario Prc Lombardia]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: