ecoinformazioni

Prc/ No, noi No!

«Noi non ci saremo. Si legge sulla stampa locale a Como di ‘grandi manovre‘ a sinistra, in vista delle elezioni per il rinnovo del consiglio comunale del capoluogo. Da circa un anno, in realtà, ci sono movimenti di truppe intorno o dentro Palazzo Cernezzi. Come interpretare altrimenti le dimissioni di Magatti, capolista di ‘civitas’? O i tentativi ‘esplorativi’ compiuti da Italia Viva?

(altro…)

Vorrei gridare, accusare, condannare. Ma don Roberto non vorrebbe

Vorrei gridare, accusare, condannare!!! Però non mi sembra giusto farlo. Lui don Roberto Malgesini non vorrebbe, non l’avrebbe fatto; si sarebbe comportato come sempre accettando, mai subendo, cercando sempre di trovare soluzioni possibili e alternative. Questo nonostante tutto quello che gli è stato fatto contro dall’Amministrazione comunale e da una parte della Chiesa locale che non sempre condivideva quello che faceva. Gli hanno segato le panchine a San Rocco, lo hanno multato, gli hanno fatto togliere i servizi, lo hanno fatto spostare più volte per le colazioni: dalle colonne del Liceo, da San Francesco, dalle scalinate delle Caserme.

(altro…)

16 settembre/ A sinistra Como si muove

Mentre il pd cittadino (o parte di esso) sembra ancora impegnato a scegliere se sia meglio per vincere un’unione di centrosinistra, una di centro o addirittura una con tutti dentro per sperare di intercettare i voti della destra, nella sinistra, che si è dichiarata disponibile a alleanze ma solo con chi condivide valori fondamentali, c’è vita. Con una riflessione di politica e ambientalismo (a inviti per ottemperare pienamente alle norme anticovid che limitano le persone in base alle dimensioni della sala) Como Comune, la covergenza ecosocialista che vede uniti Articolo Uno, Psi, Sinistra Italiana, Socialisti in Movimento e donne e uomini senza tessera di partito, affronta in una tavola rotonda il tema della mobilità in citta.

(altro…)

Video / Gianfranco Marocchi – la gestione inclusiva dei beni comuni

Gianfranco Marocchi, direttore delle riviste Impresa sociale e Welfare oggi, è intervenuto sabato 11 settembre, al parco Marenghi di Brunate, nell’ambito del seminario finale della Summer school organizzata dall’impresa sociale Miledù. Il suo contributo ha riguardato la gestione inclusiva dei beni comuni.

(altro…)

Video/ In strada per Gino

[Pink Floyd: “One the turning away” per Gino Strada]

Contrasti in piazza Verdi a Como l’11 settembre sera. Nella piazza, poco e male illuminata, l’assembramento di tavoli per garantire al ristorante ulteriore ristoro dai tempi grami del covid. Decine di tavoli, spazio pubblico privatizzato per la spensierata cena di tante persone. A pochi metri con Emergency cento persone per ricordare Gino Strada, l’avventura vitale di chi nei paesi più difficili va a portare libertà di cura, libertà di sopravvivere, libertà di esistere e allevia le piaghe che le nostre guerre per la “libertà” (sigh) determinano nella carne delle persone, uccidendo, mutilando, deturpando, affamando.

(altro…)

Ancora folgorati dall’Europa

«Le frontiere continuano a ferire e uccidere. È della serata di sabato 4 settembre la notizia che un uomo è rimasto folgorato alla stazione internazionale di Chiasso mentre si trovava sul tetto di un treno. Quasi meccanicamente, le fonti giornalistiche aggiungono che quella persona, di cui tuttora si ignora l’identità, dovrebbe essere un “migrante” che cercava di passare “illegalmente” la frontiera.

(altro…)

Fff/ Pd:vergogna!


«Ieri è stato presentato a Palazzo Lombardia il progetto di completamento di Autostrada Pedemontana Lombarda. Si tratta della realizzazione dei lotti B2 e C, entrambi nella provincia di Monza e Brianza. Nulla è stato invece stanziato per il secondo lotto della tangenziale di Como, che quindi appare quanto mai irrealizzabile.

(altro…)

100 per i diritti in Afghanistan

Complice il boicottaggio della stampa ufficiale comasca che nemmeno ha dato la notizia della manifestazione delle Donne in nero con l’adesione di Como senza frontiere di Cgil-Cisl-Uil e altre organizzazioni, l’iniziativa ha raccolto solo un centinaio di persone in piazza Verdi. Un risultato simbolicamente significativo di una sensibilità che anche a Como esiste, ma certo significativo anche del fatto che la città e non solo il governo di Palazzo Cernezzi ha altre priorità, altri interessi. Di seguito il volantino delle Donne in nero, distribuito nell’iniziativa che ha avuto un grande impatto emotivo con la presenza silenziosa, immobili per un’ora delle attiviste.

(altro…)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: