Dote scuola

Dote scuola/ proroga del bando al 30 giugno

Sono stati prorogati alle ore 12 di giovedì 30 giugno i termini per la presentazione delle domande per la richiesta della Dote Scuola. La compilazione, l’inoltro e la gestione delle domande avvengono esclusivamente in via informatica dal sito dedicato

Se non si è in possesso di lettore smart card per la firma digitale, la domanda deve essere stampata e presentata al Comune di residenza o alla scuola paritaria frequentata. È possibile, comunque, rivolgersi al Comune di residenza per ricevere assistenza alla compilazione on line e in questo caso occorre presentare la fotocopia della carta di identità del genitore dichiarante e un Isee nuovo.

Gli uffici del settore Servizi Scolastici di Como sono in via Italia Libera 18/a e sono aperti nei seguenti orari: da lunedì a giovedì dalle 9 alle 12.30, martedì dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30, mercoledì dalle 8.30 alle 15.30, venerdì dalle 9 alle 12. Sono inoltre raggiungibili all’indirizzo mail dotescuola@comune.como.it e ai numeri 031 252681 e 031 252613.

Per qualsiasi ulteriore informazione è possibile visitare il sito della Regione dedicato al lavoro, rivolgersi agli Spazi-Regione di Regione Lombardia, telefonare al numero verde 800318318 o inviare una mail a dotescuola@regione.lombardia.it.

Molte mozioni

8 COMOCOMUNEPalazzo Cernezzi affronta molte proposte delle minoranze e inizia a discutere di Villa Olmo.

 

Preliminari

Al Consiglio comunale di Como di giovedì 30 ottobre Luigi Nessi, Paco-Sel, è tornato a parlare dei camper a Muggiò prendendo posizione a favore di chi non avendo una casa vive in roulotte, ha ricordato la resistenza di Kobane alle truppe dell’Isis, l’uccisione di Reyhaneh Jabbari e citato Nichi Vendola sulle cariche della polizia contro gli operai di Terni. Un tema ripreso anche da Giampiero Ajani, Lega, per cui si è di fronte a «un Governo di destra incapace di governare». Alessandro Rapinese, Adesso Como, ha invece aspramente contestato i dati diffusi dal Comune sul traffico in città: «Semplicemente a Como arriva meno gente, avete aumentato le tariffe dei posteggi e si incassa uguale».

 

No Ogm

Iniziata la seduta Luca Ceruti, M5s, ha chiesto l’inversione dell’ordine del giorno, bocciata dalla maggioranza, per discutere la mozione sulla trasparenza per la gestione dei fondi Cariplo per la risistemazione di Villa Olmo. Il consigliere pentastellato ha quindi presentato una prima mozione contro l’utilizzo di Ogm sul territorio comunale (la mozione). «Dato il principio di precauzione è in parte accoglibile» ha dichiarato il capogruppo del Pd Andrea Luppi, ma il sindaco Mario Lucini ha chiuso ogni possibilità per la proposta dichiarando, in maniera quanto meno irrituale, che fossa stata approvata dall’aula «non ci sentiamo di prenderci l’impegno di osservarla, dato che non ne condividiamo il contenuto, essendo un provvedimento draconiano che finisce di essere controproducente». La contrarietà maggiore del primo cittadino era sul divieto di utilizzare prodotti Ogm per il rifornimento delle mense scolastiche, «non così stringente» per Ceruti, ma la proposta, salva qualche astensione, è stata poi bocciata dalla maggioranza.

 

Interrogazioni

Rapinese, dopo aver ritirato una interrogazione ne ha presentata un’altra sulla viabilità all’incrocio fra via della Bastiglia e via Varese, una domanda già fatta in diverse preliminari, «perché è diventata una priorità, mentre fino all’anno scorso non lo era?», non avendo ritenuto soddisfacente la risposto dell’assessora Daniela Gerosa.

 

Migliorare la viabilità

Tutti d’accordo sulla proposta di Ajani «per la risoluzione ed il miglioramento delle condizioni di sicurezza veicolare e pedonale degli incroci tra le vie Oltrecolle, Quadrio e Palazzetto in località Muggiò», «abbiamo raccolto 106 firme a favore» ha ricordato il proponente.

 

Dote scuola, ambiente alpino

Ceruti ha quindi presentato una mozione sui dote scuola regionali che chiede a sindaco e Giunta «di attivarsi per avanzare formale richiesta alla Giunta della Regione Lombardia, nonché al Consiglio regionale, una correzione della normativa risultando, il provvedimento, pregiudizievole e discriminante per gli studenti delle scuole statali residenti nel nostro comune» (la mozione). Una proposta condivisa dalla maggioranza tranne che per la parte che avrebbe voluto far attivare il Comune per il sostegno per eventuali ricorsi al Tar, contrari Ncd, Fi e Gruppo misto, «è una presa di posizione politica, come ha ricordato il proponente, contro la Regione» ha affermato Anna Veronelli, Fi . Il consigliere pentastellato ha poi proposto all’aula una mozione, approvata, per la Tutela dell’ambiente alpino (la mozione), contro la possibilità di svolgere manifestazioni con mezzi a motore.

Villa Olmo

Il consigliere a quindi presentato un’ultima mozione per sulla Trasparenza nella gestione dei fondi per la riqualificazione di Villa Olmo (la mozione) «perché non diventi una nuova Ticosa o Trevitex» ha detto Ceruti.

Una proposta non condivisa dalla maggioranza soprattutto per la costituzione di una nuova commissione ad hoc, «non so se si può fare» ha detto il presidente Legnani, «non riesco a capire di cosa si tratti – ha aggiunto il sindaco – no penso sia immaginabile una commissione esterna». Il sindaco ha ricordato quindi le tempistiche e la complessità degli interventi all’interno di un bando europeo.

«L’orto botanico sarà bellissimo, ma come lo manterremo? Da mesi cerco di avere accesso agli atti che non mi vengono consegnati. Verrà introdotto un biglietto?» è intervenuto Mario Molteni, Per Como, durante il dibattito che si è protratto fino alla mezzanotte e proseguirà nella prossima seduta. [Michele Donegana, ecoinformazioni]

Dote scuola illegittima/ Recuperabili fino a 670 euro

nonunodimenoL’associazione Nonunodimeno e la Flc/ Cgil intervengono con una proposta concreta per recuperare almeno parte del maltolto a causa delle norme illegittime della regione Lombardia emanate a favore degli e delle studenti della scuola privata con grave discriminazione per quelli e quelle della scuola pubblica. In questo periodo nel quale i Comuni sono costretti a aumentare le tasse a causa dei tagli imposti dal governo ricordare che il finanziamento illegittimo alla scuola privata toglie risorse a quella pubblica questa decisione del Tar dovrebbe sviluppare la consapevolezza che sono allo stesso modo politicamente illegittimi gli onerosi finanziamenti anche le amministrazioni locali forniscono da sempre in vario modo alle attività private (confessionale e non) nella formazione.  La buona notizia è che la Lombardia  è stata condannata dal Tar a risarcire e per una volta c’è davvero modo di farsi ridare almeno parte di quanto indebitamente negato ai cittadini che iscrivono bambini/ e ragazzi/e  alle scuole pubbliche.

«Comunicato congiunto l’associazione Nonunodimeno e l’Flc/Cgil lanciano gli sportelli per la class action: “buoni scuola da risarcire”

Avviso importante a tutti coloro che nell’anno scolastico 2013/2014 hanno usufruito del sostegno al reddito riconosciuto dalla regione Lombardia agli studenti delle scuole statali.

Si rende noto che in base a quanto riconosciuto al paragrafo 4.4 della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale della Lombardia nr. 00859 del 28 gennaio 2014 già esecutiva, i genitori con figli iscritti alla scuola primaria o secondaria statale che hanno ottenuto il contributo per il “sostegno al reddito” per l’anno scolastico 2013/2014 hanno diritto ad un’integrazione dello stesso contributo, per allinearlo a quanto percepito, nello stesso anno scolastico, dagli studenti delle scuole private paritarie». nel sito Nonunodimeno  tutte le indicazioni per recuperare il maltolto.

Dote Scuola: proroga dei termini

dote scuolaLe domande per l’anno scolastico 2014-2015 potranno essere inviate in via informatica fino alle 12 di venerdì 30 maggio.

 

«Sono stati prorogati alle ore 12 del 30 maggio i termini per la presentazione delle domande per la Dote scuola delle componenti Contributi per l’acquisto di libri di testo e dotazioni tecnologiche (per l’acquisto dei libri di testo e/o dotazioni tecnologiche fino al compimento dell’obbligo scolastico, per gli studenti frequentanti i percorsi di istruzione e di Istruzione e formazione professionale), Buono Scuola (per sostenere gli studenti che frequentano una scuola paritaria o statale che prevede una retta di iscrizione e frequenza per gli studenti che frequentano percorsi di istruzione) e Disabilità (a sostegno di alunni disabili che frequentano precorsi di istruzione in scuole paritarie che applicano una retta) – spiega una nota del Comune di Como –. La compilazione, l’inoltro e la gestione delle domande dovranno avvenire esclusivamente in via informatica sul sito www.istruzione.regione.lombardia.it. La domanda potrà essere compilata e presentata anche nel Comune di residenza o alla scuola paritaria frequentata dallo studente. La domanda è redatta sotto forma di autocertificazione e la Regione si riserva la possibilità di effettuare dei controlli. Per qualsiasi informazione di carattere generale è possibile rivolgersi agli Spazi-Regione di Regione Lombardia, oppure al numero verde 800.318.318 o ancora inviando una mail a dotescuola@regione.lombardia.it». [md, ecoinformazioni]

Dote scuola 2014-15

dote scuola 2014-15Domande entro mezzogiorno di giovedì 22 maggio.

 

«Per la richiesta della Dote scuola delle componenti Contributi per l’acquisto di libri di testo e dotazioni tecnologiche (per l’acquisto dei libri di testo e/o dotazioni tecnologiche fino al compimento dell’obbligo scolastico, per gli studenti frequentanti i percorsi di istruzione e di Istruzione e formazione professionale), Buono Scuola (per sostenere gli studenti che frequentano una scuola paritaria o statale che prevede una retta di iscrizione e frequenza per gli studenti che frequentano percorsi di istruzione) e Disabilità (a sostegno di alunni disabili che frequentano precorsi di istruzione in scuole paritarie che applicano una retta), le domande dovranno essere presentate dalle ore 12 del 20 marzo alle ore 12 del 22 maggio – precisa una nota del Comune di Como –. La compilazione, l’inoltro e la gestione delle domande dovranno avvenire esclusivamente in via informatica sul sito www.istruzione.regione.lombardia.it».

«La domanda potrà essere compilata e presentata anche nel Comune di residenza o alla scuola paritaria frequentata dallo studente – si specifica –. La domanda è redatta sotto forma di autocertificazione e la Regione si riserva la possibilità di effettuare dei controlli».

Per informazioni tel. 800.318.318, e-mail dotescuola@regione.lombardia.it. [md, ecoinformazioni]

Dote scuola 2013-14

dote scuola lombardiaAnche per il prossimo anno scolastico Regione Lombardia ha predisposto i contributi alle famiglie che ne facciano richiesta per sostegno al reddito, disabilità, merito e contributo per la frequenza di una scuola privata. Le domande vanno presentate entro il 2 maggio (altro…)

Dote Scuola: presentazione domande dal 7 marzo al 7 maggio 2012

Anche per l’Anno scolastico 2012/13 la Regione erogherà i contributi allo studio attraverso il sistema della Dote Scuola, la Dote Sostegno al Reddito, il Buono-Integrazione al reddito-Disabilità e la Dote Merito (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: