Giuseppe Leoni

2 giugno/ Costituzione e lavoro

Dalle 15,30/ I differenti aspetti della tematica del lavoro sono ulteriormente sviluppati in una serie di contributi con Mbaye Diongue, Giuseppe Leoni, Pierluigi Tavecchio, che da differenti punti di vista approfondiscono i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici con uno sguardo rivolto all’attualità, ai problemi della sicurezza e della tutela del posto di lavoro, agli sforzi di applicazione e ai rischi di svuotamento dei principi costituzionali.

(altro…)

Programma

In occasione della festa del 2 Giugno, associazioni, partiti e sindacati – con il coordinamento dall’ANPI provinciale di Como – presentano un ampio programma di festeggiamenti e approfondimenti, articolato in due momenti per coprire l’intera giornata.

(altro…)

L’industria della sicurezza inadeguata

Fotografia di Giuseppe Leoni risalente a venti’anni fa e ritraente i possibili rischi di una fotocellula disabilitata

«Nella ricerca delle cause che determinano i gravissimi infortuni sulle macchine industriali come quello recente di Prato, è oramai chiaro che quella principale è l’inadeguatezza dei dispositivi di sicurezza.

(altro…)

Senza tetto/ Fare massa critica, elaborare una strategia d’azione concorde

In apertura all’assemblea indetta dalla rete Como senza frontiere ma con l’invito accolto da molte altre realtà non interne alla rete di lunedì 16 aprile al salone Cna, partecipata da una sessantina di persone, il portavoce Fabio Cani ha invitato a fare il punto della situazione riguardante i senza fissa dimora a Como, che in queste  settimane devono misurarsi con una drastica contrazione della disponibilità istituzionale alla loro accoglienza, già insufficiente, nonostante l’impegno mostrato dalle forze dell’attivismo sociale nell’integrarla. La situazione, chiarisce Cani, non costituisce un'”emergenza”, definizione che confligge con la sua strutturalità e che giustifica “interventi spot” sui casi peggiori anziché, come sarebbe opportuno, politiche organiche alle radici del problema. Al tempo stesso, però, nessuno  – al di là del colore politico – può negare l’urgenza di trovare una soluzione e portarla all’attenzione della cittadinanza e delle istituzioni che la rappresentano. La gestione del problema da parte di queste ultime appare segnata da una certa cattiveria, ma anche da una grave (non irrisolvibile) miopia politica. Le soluzioni  – molte – proposte nel corso della serata non vogliono essere mostre di carità a vantaggio di alcuni, ma un richiamo alla responsabilità di tutti, nell’interesse di tutti. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: