Giorno: 20 Maggio 2014

Mauthausen/ Il viaggio della memoria

SAM_2445Con la posa di una corona di fiori ai piedi del monumento  italiano, si è  concluso il viaggio della memoria nel campo di concentramento di Mauthausen, organizzato da Italia Cuba, Anpi, Arci , Cgil, Cisl, Uil,  Istituto di storia contemporanea Pier Amato Perretta, Comitato soci Coop, Emergency e Libera nel weekend del 17-18 maggio 2014. Un’esperienza indimenticabile per i 104 partecipanti, venuti a commemorare le vittime delle barbarie nazifasciste nel settantesimo anniversario degli scioperi del ’44.

Fa freddo, a Mauthausen. Di sicuro è un’impressione personale, e la giornata plumbea non aiuta, con il cielo colore acciaio, ma varcate le porte del campo la temperatura sembra calare di svariati gradi.

E’ grigio, a Mauthausen. Il lager è un pugno di cemento nel mezzo di verdi colline, dominante su un altura che sovrasta fattorie e paesini da cartolina, da perfetto luogo comune mitteleuropeo.

Fa paura, Mauthausen. Fanno paura le mura con le torrette di guardia, fanno paura le squallide baracche dove ogni giorno vivevano assediati da fame e malattie 500 persone per stanza, fa paura il cortile dell’appello, dove ogni mattina gli aguzzini delle SS costringevano i detenuti a sadiche sessioni di “esercizi” per valutarne la resistenza, fa paura il muro dove venivano fatti accomodare, al loro arrivo, i nuovi ospiti del campo, in attesa che gli ufficiali del Reich decidessero con un cenno del capo il loro destino. E fa paura quella spianata poco prima della porte d’ingresso, con ancora oggi intuibili le forme di un campo da calcio.

SAM_2478Eh sì, un campo da calcio. Un luogo di normalità in mezzo all’incubo, un luogo dove i familiari del personale tedesco si recavano per passare il tempo libero, un luogo che di quell’inferno era interamente parte. Qualcuno, nel nostro gruppo che attraversa il campo accompagnato da una guida, si arrischia a paragonare il tutto alla trama di Fuga per la vittoria, il celebre film con Sylvester Stallone e Pelè, dove una raffazzonata squadra di detenuti riusciva ad avere la meglio, nello sport, sui nazisti loro torturatori. No, in quel luogo non c’era spazio per epiche sfide di riscatto e libertà, non c’era spazio per manifestazioni di orgoglio e di valore personale di fronte al Male. No, in quel luogo si consumava semplicemente il rito quotidiano della paura e dell’indifferenza, per far credere agli abitanti dei dintorni che, al di là di quelle mura, le stesse che ogni giorno accoglievano centinaia di persone senza che ne uscisse nessuna, la vita non era poi così male, se i prigionieri potevano giocare dietro un pallone.

Indifferenza. E’ una parola che ritorna spesso, parlando di quello che era Mauthausen. Non puoi fare a meno di chiederti come tutto questo sia stato possibile, a pochi chilometri dal centro dell’Europa, della civiltà occidentale un tempo padrona del mondo, a pochi chilometri, più semplicemente, da una città bella e vivace come Linz, sulle rive del Danubio. Indifferenza, come molti di quei locali così anonimi, in cui trovarono la morte un numero inconcepibile di esseri umani.

Indifferenza. E’ quella che hanno notato i ragazzi della 5’ T del liceo Carlo Porta di Erba, anche loro partecipanti al viaggio. Riporto qui, integralmente, la riflessione scritta dagli studenti:

«Un campo di calcio a pochi passi dal campo di concentramento. Da un lato si assisteva ad una partita tra SS e squadre civili. Dall’altro si stava giocando una partita fra la vita e la morte. L’indifferenza degli spettatori di allora è paragonabile a quella degli spettatori di oggi. L’attualità del messaggio di Mauthausen è ciò che più ci ha colpito di questa visita di commemorazione. Abbiamo subito rivolto il nostro pensiero agli imminenti mondiali di calcio in Brasile, guardati con interesse da tutto il mondo, che però non si preoccupa di denunciare la povertà e la miseria in cui la maggior parte della popolazione vive. Se prima l’omertà degli spettatori era “giustificabile” per paura delle possibili ripercussioni su se stessi e la propria famiglia, oggi non c’è nessun ostacolo che inneschi la paura di denunciare. E’ ancora più terrificante».

Terrificante, è il termine giusto. E’ terrificante l’attualità di quello che il lager rappresenta, è terrificante l’omertà che circondano certi temi, dimenticabili con un po’ di “scena”, indispensabile per potersi lavare la coscienza.

Ma come si può reagire a tutto questo? Come si può combattere il grigiore che qui, a Mauthausen, sembra dominare tutto? Una soluzione forse c’è: la Memoria.

SAM_2425Memoria. E’ la commozione di uno dei viaggiatori, nel visitare il luogo in cui venne richiuso il padre. E’ l’interesse mostrato dai giovani presenti, è il prato che ospita i vari monumenti onorari costruiti per piangere i caduti di tutti i Paesi, è la suggestiva stanza dei Nomi, per non lasciare nessuna vittima del campo nell’oblio. Ed è l’impegno dei pochi che riuscirono a tornare, come Ines Figini, è la loro volontà di non dimenticare i tanti che non ce la fecero, come Angelo Meroni, Rinaldo Fontana, Pietro Scovacricchi, comaschi e operai della Ticosa. Morti a Mauthausen.

Memoria, ed impegno per preservarla. E’ l’unica maniera per evitare che certe cose si ripetano, per impedire che l’indifferenza vinca. Perché è questo il vero pericolo: che il mondo non finisca seppellito da una risata, ma girando semplicemente la testa dall’altra parte. [Luca Frosini, ecoinformazioni, foto di Fabio Bellacanzone, contributo della classe 5 T del liceo Carlo Porta di Erba]

Arci/ Campi di lavoro e conoscenza all’estero 2014

arcsAnche quest anno l’Arci organizza i campi di lavoro e conoscenza all’estero. Da anni i campi di lavoro sono una parte importante dell’impegno dell’Arci nel campo della promozione sociale, della costruzione di percorsi di pace, del sostegno ai movimenti di emancipazione sociale e civile in tante parti del mondo. Scarica la scheda informativa dei campi cliccando qui. La scadenza delle iscrizioni è fissata il 6 giugno. Per maggiori informazioni scrivere a campidilavoro@arci.it o consultare il sito www.arciculturaesviluppo.it.

23 maggio/ Decennio rosso

DecennioRossoGli autori Massimo Battisaldo e Paolo Margini presentano il proprio volume (Paginauno), «un racconto sulla lotta armata in Italia scritto da due militanti degli anni Settanta», interviene Cecco Bellosi, autore di Con i piedi nell’acqua, venerdì 23 maggio alle 18 alla Libreria Feltrinelli di Como, via Cesare Cantù 17. Per informazioni 031.278109, e-mail como@lafeltrinelli.it.

Il disordine ordinato di Maurizio Migliori

Il disordine ordinatoL’incontro il 19 maggio al Volta di Como per la presentazione de Il disordine ordinato. La filosofia dialettica di Platone [Brescia, Morcelliana 2013] offre a Gian Piero Testa l’occasione per parlare dell’autorevolezza e del rigore dell’autore Maurizio Migliori, professore e animatore infaticabile della sinistra lariana per la quale, controcorrente, continua a proporre  (invano?) occasioni di formazione politica e culturale. È bene «che si sappia che nel nostro povero tempo non si aggirano solo buffoni da spettacolo».

Oggi sono andato al mio antico Liceo Volta per ascoltare Maurizio Migliori (dovrei dire il prof. Migliori: ma lì c’era l’uomo di sempre, anche se in veste di professore; e allora il titolo sarebbe solo un orpello). Presentava un suo colossale studio su Platone, e, tra gli altri, lo coadiuvavano Paolo Ceccoli – che fu mio alunno – e Claudio Fontana – che conobbi, supplente, nei primi anni del sindacato scuola della Cgil. Ovviamente non ho letto i due tomi, di 1500 pagine complessive, dello studio di Maurizio. Ho capito solo che ha rivisitato parola per parola Platone, riuscendo a combinare l’amore per lui e per la verità, a dispetto delle comode e riduttive od “originali” rappresentazioni che del filosofo massimo e del narratore incomparabile (o comparabile solo a Shakespeare) ci sono state per secoli e secoli fornite. Ricordo che Maurizio Migliori non fu mai, per me, una comoda compagnia nel sindacato: coltissimo, lucidissimo, determinato, non gli sfuggiva nessuna “aporia” del nostro pensare e del nostro agire. Ma aderiva con tanta intellettuale onestà e con tanto rigore a tutti i suoi assunti, che non solo lo rispettavo, ma anche gli volevo bene e lo ammiravo. Tutto ciò oggi si è ripetuto (e mi sono anche senilmente commosso). E credo, pregiudizialmente per ora, che la sua sia un’opera fondamentale e che nessuno potrà in futuro dire nulla di Platone, senza averla letta. Perché così era e così è ancora Maurizio Migliori: appassionatissimo e rigorosissimo. Mi ha assicurato che l’opus magnum – che vorrebbe riscrivere, perché socraticamente non sa essere apodittico – si riesce a leggere bene anche da bestioni come me. Ed è una cosa che farò. Gli ho promesso che, alla fine, sacrificherò un gallo ad Asclepio, per essere stato guarito da tanti luoghi comuni. Grazie Maurizio. Siamo di una buona generazione. [Gian Piero Testa per ecoinformazioni]

Como on air/ Opposizioni contro Legnani

COMO COMUNE Il servizio del 20 maggio di Michele Donegana per Radio popolare.  Ascolta il servizio audio Nulla di fatto per l’elezione del presidente del Consiglio comunale a Como nella seduta del 19 maggio. Il Partito democratico ha espresso la candidatura di Stefano Legnani alla guida dell’Assemblea di Palazzo Cernezzi, per sostituire il dimissionario Franco Fragolino. Contrarie le minoranze per cui il capogruppo del Pd non può avere un ruolo di garanzia data la sua forte identificazione politica. L’opposizione ha perciò proposto il consigliere di maggioranza Vincenzo Sapere, di Paco-Sel, che a sua volta si è schermito. «Non posso accettare, non tutti nella mia maggioranza condividono la mia candidatura», ha detto, proponendo quindi la candidatura della consigliera di opposizione Ada Mantovani di Adesso Como. «Per un ruolo super partes serve una persona non legata ai partiti» è il ragionamento di Sapere. La seduta è quindi sfuggita di mano al vicepresidente Forlano con sospensioni, riunioni dei capigruppo e richieste di chiarimento. I consiglieri di opposizione, grazie al parere della segretaria generale Petrocelli, hanno potuto prendere la parola per 15 minuti a testa arrivando alla mezzanotte senza neanche iniziare le operazioni di voto. Tutti si sono espressi in favore di Sapere e contro Legnani, che non è stato difeso da nessun esponente di maggioranza. [Michele Donegana, ecoinformazioni].

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: