Giorno: 22 Novembre 2016

23 novembre/ L’Asia ricorda Micaela

como_previewMercoledì 23 novembre alle 19.30 nello Spazio Parini, in via Parini 6 a Como il Gruppo sostegno Asia e la Comunita Dzogchen di Como invitano a L’eredità del Tibet, tesoro del mondo. Una serata a sostegno dell’Associazione solidarietà internazionale in Asia in ricordo di Micaela Landoni. (altro…)

Diritti negati/ Flavio Bogani fuori dal campo governativo

campocri-cassonettiCon un’accorata lettera, nella quale spiega le inverosimili ragioni per le quali sia la Cri che la Caritas hanno ritenuto di escluderlo dal servizio al Campo di via Regina teodolinda, esprime l’amarezza per l’accaduto. La sua colpa  sarebbe stata aver distribuito volantini all’interno del Campo per invitare i migranti a prendere un tè alla Circoscrizione comunale di via Grandi. Naturalmente l’amarezza non fermerà la determinazione di Bogani nel continuare la sua opera per i diritti dei migranti. Leggi nel seguito il testo integrale della lettera. (altro…)

Diritti umani/ Un premio per l’accoglienza a don Giusto Della Valle e don Gianfranco Feliciani

Venerdì 25 novembre alle 20.30, all’Unicredit Pavilion in piazza Aulenti a Milano, don Giusto Della Valle e Don Gianfranco Feliciani, i due sacerdoti che da parti opposte della frontiera hanno dato e continuano a dare accoglienza ai migranti, riceveranno il premio Reset-Diritti Umani.

dongiusto«Don Gianfranco Feliciani e Don Giusto Della Valle hanno reso concreta la raccomandazione del Papa a costruire ponti invece di muri, ad ospitare almeno una famiglia in ogni parrocchia», recitano le motivazioni del riconoscimento.

«Don Feliciani dal lato svizzero, a Chiasso, don Della Valle, a Como, dal lato italiano del confine, per tanti anni, hanno soccorso centinaia di profughi, in cerca di rifugio in Italia e in Svizzera dando ristoro a chi veniva da un viaggio inumano, spesso facendo sì che le madri riabbracciassero i propri figli e che le famiglie si riunissero per tentare una vita migliore. Don Gianfranco Feliciani e don Giusto Della Valle non hanno chiesto passaporti, non hanno selezionato nessuno sulla base del colore della pelle, delle loro aspirazioni, della loro provenienza o del loro genere. Hanno invece trovato soluzioni ad un fenomeno che in troppi vogliono strumentalizzare oppure dimenticare.don-feliciani

Per questo don Feliciani e don Della Valle rappresentano un esempio positivo di umanità, che alla teoria preferisce la concretezza quotidiana, incarnando una buona pratica da segnalare perché possa essere condivisa anche laddove si voglia costruire un nuovo muro».

Il premio verrà consegnato durante Weworld Film Festival 2016, un’iniziativa della ong Weworld per portare alla ribalta il tema della condizione femminile in Italia e nel mondo organizzata in collaborazione con The Circle e il Festival dei Diritti umani.

ecoinformazioni 554

554Mentre la Cgil è attaccata per la sua positiva azione a sostegno della dignità umana e della rispettabilità di Como, il campo governativo di via Regina Teodolinda continua a essere vergognosamente chiuso alla città essendo stata fino ad ora ignorata la richiesta dell’intero Consiglio comunale che ha dato mandato al sindaco di ottenere dal prefetto legalità, trasparenza e diritti umani. E se Como piange, Taranto non ride, visto che anche l’hot spot di quella città, il cui sindaco a Como per Itinerari migranti aveva descritto con eccessivo ottimismo, presenta molte criticità in parte dovute anche alle deportazioni di migranti da Como e  da altre città di frontiera che insensatamente e in barba ai loro diritti vengono portati con grande spreco di denaro pubblico in quell’hot spot. Della denuncia dell’Arci di tale situazione e di molto altro parla il 554 di ecoinformazioni. (altro…)

Razzifascisti contro Cgil/ Licata: aiutare chi ha bisogno è un valore

nazicestinoA tarda ora il 21 novembre i razzifascisti sono entrati in azione: la sede della Cgil di Como (via Italia Libera) è stata presa di mira da alcuni appartenenti a gruppi di estrema destra. È stato affisso uno striscione con la scritta “Vergogna”. All’ingresso, invece, sono stati lasciati per terra alcuni volantini, quelli in cui si segnalava la necessità di cellulari per migranti, con la scritta “vergogna”. Viene, quindi, condannata l’azione portata avanti dal nostro sindacato in questi mesi a supporto di Prefettura e Caritas nell’emergenza migranti. Per ultima, la disponibilità della nostra sede a raccogliere i telefonini per gli stranieri del centro di via Regina Teodolinda. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: