Politica

Una riflessione sullo stato di diritto

Fabrizio Baggi, segretario del Prc Lombardia, a partire dalle troppo facili dichiarazioni post mortem di Gino Strada, denuncia la continua violazione governativa dei pilastri del diritto fondati sulla Costituzione.

«Una tragedia come la scomparsa di un pilastro della solidarietà e dei diritti come è stato Gino Strada non può che indurre a delle importanti considerazioni sulle condizioni nelle quali versa lo stato di diritto in questo Paese.

(altro…)

Ricordando Piazzale Loreto

Fabrizio Baggi, segretario regionale del Prc, ricorda il 10 agosto del 1944: «Ricorre oggi l’anniversario dell’eccidio di Piazzale Loreto a Milano quando Il 10 agosto 1944  quindici antifascisti furono prelevati dal carcere si San Vittore e  fucilati dai militi del gruppo Oberdan della Legione Autonoma Mobile Ettore Muti della Repubblica Sociale Italiana (la cosiddetta Repubblica di Salò), per ordine del comando di sicurezza nazista, e i loro cadaveri vennero esposti al pubblico.

(altro…)

Mutuoaiuto e infrastrutture politiche

Chi immagina che il mutuoaiuto sia una sorta di massoneria della solidarietà e non ne coglie l’importanza politica e l’ambizione di essere non solo azione puntuale ma energie rivoluzionarie in rete, avrebbe dovuto partecipare all’assemblea dell’8 agosto pomeriggio di Supporto attivo e Brigate volontarie per l’emergenza. Qualche decina di persone, molti i volontari e le volontarie che hanno lavorato a spalare il fango delle frane nei paesi del Lario più colpiti dall’ultima disastrosa alluvione e a dare supporto alimentare e solidarietà alle persone in difficoltà per il covid. Nell’incontro è stata espressa la volontà di costruire “infrastrutture politiche” in grado di dare continuità e valore alle lotte per i diritti e alle iniziative che si susseguono per affrontare le infinite “emergenze” che il liberismo causa. La web radio di Arci Noerus mette a disposizione la registrazione di tutti gli interventi.

(altro…)

Annullata per maltempo/ 4 agosto/ La natura non si abbatte

«l nuovo progetto della Regione per le paratie prevede l’abbattimento di 13 tigli sul lungolago di Como. Il Comune non se ne preoccupa e demanda – probabilmente alla prossima amministrazione – la gestione degli arredi della passeggiata, quando sarà però ormai impossibile anche sostituire i tigli con nuovi alberi.
A farne le spese saranno la città di Como e i suoi cittadini, che si vedranno privati di storiche alberature e non avranno alcuna voce in capitolo.
Il lungolago di Como non può restare senza alberi!
Per questo, aderiamo alla petizione lanciata oggi da diverse associazioni e mercoledì 4 agosto alle ore 19.00 saremo sul lungolago (presso la c.d. Passeggiata Zambrotta), assieme a tanti cittadini ed associazioni, per chiedere che Comune e Regione si attivino per:

  • salvare i tigli esistenti
  •  garantire che il lungolago resterà alberato
  • coinvolgere i cittadini nel progetto di arredo della nuova passeggiata, perché siano i comaschi a decidere del loro lungolago»

[Partito Democratico, Verdi, Como Comune, Civitas (adesioni in aggiornamento)]

LA PETIZIONE

Leggi, scarica e diffondi la petizione della associazioni ambientaliste.

Modulo raccolta firme

Siamo in agosto e non è facile ma le firme vanno raccolte fisicamente perché è più significativo. Non è necessario che siano autenticate. Possono firmare anche i non residenti a Como, ma evidentemente le firme dei residenti sono più importanti.

Hanno aderito tutte le associazioni impegnate per la qualità della vita e dell’ambiente. Tra queste anche l’Arci.

Articolo Uno/ sul maltempo nel nord Italia

Proponiamo di seguito l’interrogazione scritta di Articolo Uno sul maltempo nel nord Italia, firmata da Dori Fornaro e presentata al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibile da Devis Dori.

(altro…)

Genova 2021/ Emozioni, tristezza, speranza

Ripensando a Genova, alla giornata del 20 luglio, vent’anni dopo il 2001, provo emozioni e tristezza. Emozioni date da una mostra fotografica e da altre immagini che ricordavano quei giorni del G8 e tanti luoghi del mondo protagonisti di questi vent’anni (perché non portare questa mostra a Como?); immagini che ti fanno riflettere. Emozioni e interesse per l’assemblea sotto il tendone in Piazza del Palazzo Ducale: tante parole, tante riflessioni proposte da vari protagonisti della mondialità. Kurdistan, Palestina, Cuba… , un mondo da “guarire” in tutti i sensi. Al pomeriggio la manifestazione in piazza Alimonda, dove è stato uccciso Carlo Giuliani.

(altro…)

Genova 2001/ Piazza Grande/ école

Scrissi questo articolo dopo Genova 2001, sulla mia rivista, école – che ha segnato una parte grande (e bella) della mia vita. E’ un momento di ricordi questo dei venti anni da quelle manifestazioni. Di ricordi intensi, interni, rintracciati dentro di te, che ti dicono anche chi sei, malgrado il mondo che ti circonda. Ti fanno ritrovare le persone con cui hai condiviso un pezzo della tua vita. Le persone che hai amato come si amano delle sorelle e dei fratelli.
Dei compagni.

(altro…)

Genova 2021/ Reportage dal ventennale del G8

In occasione della ricorrenza del ventennale del G8 sono stato a Genova per essere presente insieme a chi quei giorni li ha vissuti e a chi si sente vicino a quel movimento nato al volgere del secolo. Per ricordare ma anche cercare di capire come costruire un altro mondo, che vent’anni fa era possibile e ora è necessario.
Come recitava uno striscione in piazza Alimonda il 20 luglio: Another world is still possibile.

(altro…)

Cantù/ Negata libertà di culto

Il Consiglio di Stato si è espresso: nel capannone di via Milano di proprietà dell’associazione islamica Assalam non è possibile pregare. Il no alla moschea delle amministrazioni comunali viola la Costituzione e la Carta europea dei diritti dell’uomo.

(altro…)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: