Elezioni europee 2014

2 maggio/ Sinistra e destra in Europa

sinistra & destra in europaConfronto politico tra i candidati alle elezioni europee Paolo Sinigaglia, Partito democratico, e Fabio Bulgheroni, Fratelli d’Italia, modera Davide Cantoni, venerdì 2 maggio alle 21 al Centro Civico Como Borghi, ex Circoscrizione 6, in via Grandi a Como.

Parte il tour elettorale del M5s

europee vinciamonoi m5sPer le europee il #VinciamoNoiTour, con «27 portavoce, oltre 80 tappe, un mese e mezzo di incontri», sarà a Como il 18 maggio.

 

«Il tour, tutti i sabati e le domeniche, vedrà quattro squadre composte da consiglieri regionali, comunali e dai candidati alle elezioni europee presentarsi nelle piazze dei comuni lombardi per confrontarsi direttamente con i cittadini – precisa un comunicato stampa –. Il tour toccherà le città capoluogo» ma anche i centri minori, la provincia di Como sarà toccata il 27 aprile alle 17 a Cantù, il 3 maggio alle 17 a Erba e alle 21 a Lurate Caccivio, il 10 maggio alle 16 a Mariano Comense e alle 21 a Menaggio, il 18 maggio alle 11 ad Appiano Gentile, per finire, alle 17 a Como (tutte le tappe). [md, ecoinformazioni]

9 aprile/ Quale futuro per l’Ue vogliono i giovani

elezioni europee 2014Chiamati a partecipare per la prima volta alle elezioni del Parlamento europeo?, incontro con alcune classi delle scuole superiori di Como, mercoledì 9 aprile alle 10.30 alla Sede territoriale di Como della Regione Lombardia in via Einaudi 1, in collegamento con l’auditorio Giorgio Gaber di Palazzo Pirelli a Milano.

 

«Il dibattito affronteràtemi quali l’esistenza di un popolo europeo, le competenze dell’Ue, il processo incompiuto di costruzione europea e altro – spiega la presentazione –.Se ne parla con Paola Mariani, professore associato di diritto internazionale e diritto dell’Ue – Università L. Bocconi, Fabrizio Spada, direttore Rappresentanza regionale di Milano della Commissione europea, e Bruno Marasà, direttore Ufficio di informazione a Milano del Parlamento europeo. Modera Dario Colombo di Europarlamento24».

«L’iniziativa è organizzata da Europe Direct Lombardia, in collaborazione con la Commissione europea, il Parlamento Europeo e Aiccre – conclude la nota –.Le domande e i contributi dei giovani cittadini sul futuro dell’Ue saranno portati all’attenzione delle autorità di Governo nazionali e della Commissione europea prima delle elezioni europee».

Per informazioni tel. 031.320308, e-mail punto_europa_como@regione.lombardia.it. [md, ecoinformazioni]

30 marzo/ Cittadini, corriamo verso l’Europa per cambiare le regole

m5s 30 marzoBLiberiamoci dell’austerity, corri Italia, corri!, « corsa simbolica e non competitiva dove ritrovarsi e iniziare un cammino insieme verso l’Europa», domenica 30 marzo, partenza da piazza Cavour a Como alle 16, arrivo al pontile di Tavernola, organizzata dal Movimento 5 Stelle di Como. Per informazioni Internet www.como5stelle.com.

A Como presentata l’altra Europa

Con qualificati interventi è stata presentata anche a Como, nella mattina di venerdì 21 marzo nella sala Stemmi del Municipio, la lista L’altra Europa con Tsipras.

Può sembrare una stranezza presentare a livello locale una lista che corre alle elezioni europee, ma in realtà L’altra Europa con Tsipras ha tra i suoi obiettivi anche quello di colmare l’enorme distanza che corre tra i territori e la realtà continentale, individuando in questo una possibilità concreta di (ri)costruire un soggetto politico nuovo della sinistra.

Tsipras01

È con questi intenti che si è costituito il comitato Como per Tsipras che – come ha sintetizzato Fausta Bicchierai nel suo sintetico intervento introduttivo – lavora già da qualche settimana «con armonia ed efficacia»; il primo improbo lavoro che il gruppo ha di fronte è quello della raccolta delle firme necessarie alla presentazione della lista che una legge particolarmente punitiva nei confronti delle formazioni non presenti in parlamento fissa in 150.000 a livello nazionale, 30.000 per ogni collegio e almeno 3.000 per ogni regione (anche quelle più piccole), firme da raccogliere entro il 15 aprile. A Como nei primi giorni di raccolta sono già circa cinquecento le persone che hanno firmato:  risultato considerato incoraggiante, ma che non può in alcun modo comportare un rallentamento dello sforzo. Il lavoro della ricerca delle persone da coinvolgere nella sottoscrizione della lista, del resto – come è stato sottolineato –  è già un primo momento della campagna elettorale, un’occasione per comunicare i caratteri distintivi della lista L’altra Europa con Tsipras e per diffonderne i temi principali di intervento.

Tsipras-GuidoViale

Guido Viale, uno dei promotori della lista, ha puntualizzato che le diverse realtà raccolte intorno alla lista si schierano con ogni evidenza per l’Europa, consapevoli del fatto che fuori dell’Europa non c’è possibilità di futuro, ma che l’Europa deve diventare qualcosa di profondamente diverso, mettendo al centro i temi del sociale, del lavoro, del welfare. Proprio per questo è stato scelto come candidato presidente della commissione europea – la cui indicazione preliminare è diventata obbligatoria – Alexis Tsipras: la sua formazione politica Syriza si è fattivamente opposta alla politica di austerity che sta conducendo al baratro una parte consistente d’Europa, facendo pagare la crisi ai settori più deboli della popolazione. Syriza, inoltre, è stata protagonista in Grecia di un processo di riunificazione della sinistra che ha riportato in primo piano il patrimonio di valori e di pratiche antiliberiste, ed è in questo un modello per quelle situazioni nazionali, come l’Italia, dove invece il processo di frammentazione dei movimenti di sinistra sembra inarrestabile.

Tsipras-DanielaPadoan

A una riflessione approfondita sul ruolo dell’Europa in rapporto ai valori – tanto quelli dominanti quanto quelli da riscoprire – ha invitato Daniela Padoan, una delle candidate della lista nel collegio del nord-ovest di cui fa parte anche Como. Scrittrice e saggista, da anni si occupa di razzismo e totalitarismo, con particolare attenzione alle testimonianze di resistenza femminile, ed è quindi con cognizione di causa che ha ricordato come l’Europa nasca dalle ceneri di un progetto totalitario che ha profondamente segnato la prima metà del Novecento; razzismo e xenofobia – che proprio con le prossime elezioni rischiano di guadagnare consensi – non sono fenomeni occasionali, schegge impazzite dell’orizzonte culturale europeo, ma, anzi, trovano elementi costitutivi all’interno degli stessi momenti fondativi della “ragione” dell’Europa: per esempio illuminismo e polis greca. Razzismo e xenofobia sono fenomeni in costante evoluzione e, proprio nel momento in cui la ricerca scientifica ha smontato l’idea stessa di razza, diventano strumento di oppressione dei settori deboli delle popolazioni, dei diversi, dei “poveri”. È per questo che l’azione politica deve rimettere in campo la ricerca di una solidarietà vera.

Tsipras-DomenicoFniguerra

Domenico Finiguerra, pure candidato nel collegio del nord ovest, come sindaco di Cassinetta di Lugagnano in provincia di Milano si è impegnato per fermare il consumo del territorio ed è stato molto attivo nelle campagne per la difesa del paesaggio e dei beni comuni, a partire dall’acqua. Proprio ragionando sulle esigenze concreti dei tanti territori che compongono l’Europa, ha evidenziato come le prossime elezioni europee abbiano un altissimo valore politico, poiché senza un radicale cambiamento a livello europeo non è possibile immaginare un’inversione di politica a livello locale. I “vincoli europei”, il patto di stabilità, comportano per i territori, per i piccoli comuni, una moltiplicazione di cattive pratiche, costretti come sono a scontrarsi ogni giorno con l’impossibilità di investire per progetti a lunga scadenza o viceversa a dover inventare modi di fare cassa (il che quasi sempre significa monetizzare la qualità della vita). È quindi fondamentare tornare a ragionare nei termini della conversione ecologica promossa da Alexander Langer: nel cambio di paradigma di vita e di governo risiedono, oltre tutto, enormi opportunità di sviluppo e di lavoro.

Anche così sintetizzati, i temi su cui lavorare sono enormi, ma nella lista L’altra Europa con Tsipras, e anche nel comitato di Como, l’ottimismo sembra regnare sovrano: il lavoro da fare è enorme ma le energie si possono trovare.

Intanto prosegue il lavoro di raccolta delle firme, coniugato con approfondimenti tematici. Nei prossimi giorni, tra i molti banchetti, si segnalano l’assemblea alla sala convegni CNA con Alfredo Somoza e Nicoletta Pirotta il 26 marzo, la presentazione del libro di Paul Ginsborg Famiglia Novecento alla Circoscrizione 7 di via Collegio dei Dottori con la partecipazione anche di Silvana Cesani, e il 1° aprile allo Spazio Gloria l’incontro con Giuliana Sgrena per la presentazione del suo libro Rivoluzioni violate, insieme con Edda Pando e Celeste Grossi.

Nel sottolineare l’importanza di questi appuntamenti, il comitato Como per Tsipras ricorda anche che è possibile firmare per la presentazione delle liste anche direttamente presso i comuni. [Fabio Cani, ecoinformazioni]

Europee/ Sel con Tsipras sostiene Sgrena e Somoza

sel comoMarco Lorenzini, coordinatore provinciale di Sel Como, riafferma il sostegno alla lista L’altra Europa con Tsipras e annuncia che «tra i venti candidati, 10 uomini e 10 donne: tutti e tutte di grande profilo per esperienze e competenze» sceglierà la giornalista Giuliana Sgrena e dell’esperto di cooperazione internazionale Alfredo Somoza. Leggi il comunicato. 

«Sabato 8 marzo, durante la Giornata della donna, è iniziata la raccolta delle firme per la presentazione della lista L’altra Europa con Tsipras alle elezioni europee di maggio 2014. Sinistra Ecologia Libertà ha contribuito alla formazione dei comitati territoriali che nel mese di marzo raccoglieranno le firme e da aprile animeranno la campagna elettorale. La nostra circoscrizione, Collegio Nord Ovest raccoglie Lombardia, Piemonte, Liguria, Val d’Aosta ed è strategica per contribuire alla vittoria della lista. Ogni persona avrà a disposizione tre prefenze e potrà scegliere tra i venti candidati, 10 uomini e 10 donne: tutti e tutte di grande profilo per esperienze e competenze. Noi sosterremo Giuliana Sgrena, giornalista esperta di temi internazionali, e Alfredo Somoza esperto in cooperazione internazionale. La partecipazione e il voto alle elezioni è fondamentale perché un’Europa sociale e al servizio dei cittadini è un antidoto contro i populismi che diffondono paura e vogliono chiudersi nel recinto degli stati nazionali. Un’Europa dei diritti è garanzia anche per i lavoratori e il loro salario, contro un’Europa che penalizza i poveri, a beneficio dei soliti privilegiati, e al servizio degli interessi delle banche. Noi vogliamo la fine immediata dell’austerità, un programma di ricostruzione economica, finanziato direttamente dall’Europa tramite i prestiti a basso tasso d’interesse, e centrato sulla creazione di posti di lavoro, sullo sviluppo di tecnologia e infrastrutture; la sospensione del patto di bilancio europeo (Fiscal Compact), che attualmente impone il pareggio di bilancio anche ai paesi in gravi difficoltà economiche, e che deve invece consentire gli investimenti pubblici per risanare l’economia e uscire dalla crisi; una vera banca europea, che in caso di necessità possa prestare denaro anche agli stati e non solo alle banche; una legislazione europea che renda possibile tassare i guadagni che derivano dalle operazioni finanziarie, oggi fiscalmente colpite molto meno del lavoro. In tutto il territorio provinciale vi saranno gazebo e banchetti per la raccolta delle firme e per informare i cittadini e le cittadine sul programma della lista L’altra Europa con Tsipras».[Marco Lorenzini,coordinatore provinciale Sel Como]

Europee/ Firme per L’altra Europa

logoufficiale_laltraeuropa400Parte sabato 8 marzo a Como la raccolta delle firme per L’altra Europa con Tsipras. Trattandosi infatti di una formazione politica nuova per la presentazione alla europee è necessario che la lista venga sottoscritta da 150mila elettori. Questo primo passo è quindi decisivo e impegnativo. Il Comitato operativo comasco della lista invita tutte e tutti a firmare nei banchetti di Como sabato 8 marzo dalle 10 alle 16 nel largo antistante il liceo Volta [in via Carlo Cattaeno, intitolata, negli anni bui del potere delle destre comasche, all’ideologo della Lega Miglio]   e di lunedì 10 marzo dalle 20,30 alle 23,30 allo Spazio Gloria del circolo Arci Xanadù in via Varesina 72. Info:comopertsipras@gmail.com. Per andare al blog L’altra Europa – Como clicca qui. Per leggere la lista clicca qui.

L’altra Europa con Tsipras/ Spinelli: nessuna vocazione minoritaria, in Europa per cambiarla

laltraeuropacontsipras

Sono stati presentati a Roma il 5 marzo il simbolo e le liste de L’Altra Europa con Tsipras, la lista voluta dai sei garanti (Barbara Spinelli, Paolo Flores D’Arcais e Luciano Gallino, Marco Revelli e Guido Viale) sotto l’egida di Alexis Tsipras, leader della sinistra radicale di Syriza in Grecia. 

 Li ha chiamati «i tartufi dell’Europa» Barbara Spinelli, alludendo alle forze politiche, alle lobby e ai poteri forti che la stanno creando «ingiusta», quest’Europa, e creano una «insofferenza maggioritaria» in Paesi come l’Italia. Per provare a rispondere all’insofferenza di chi subisce le politiche europee, il 5 marzo, è stata presentata a Roma la lista L’Altra Europa con Tsipras, con relativo simbolo (rosso il colore dominante, nessun simbolo, il nome del leader di Syriza in evidenza). Alla conferenza stampa è intervenuta Barbara Spinelli a nome dei sei garanti che hanno dato vita al progetto della lista, raccogliendo consensi tra le forze della sinistra, della società civile, dei movimenti. Il settimo garante, come noto, è il giovane (39 anni, dipende dai punti di vista) e rampante leader della sinistra radicale greca, Alexis Tsipras, possibile futuro premier greco, stando ai sondaggi che lo vedono in costante ascesa. Come sarà l’altra Europa in cui credono i garanti e i sostenitori della lista con Tsipras? «Bisogna tornare alle sovranità nazionali di ieri perché volere l’Europa così com’è significa tornare indietro – ha dichiarato Spinelli – serve tornare alle radici di chi è stato fondatore dell’europeismo, quell’europeismo che si basava su due principi: lotta alle dittature e lotta alle povertà».

La lista dei candidati alle europee del prossimo 25 maggio è composta, come ha spiegato Massimo Torelli, uno dei coordinatori del progetto, «37 uomini e 36 donne e la maggioranza dei capolista è al femminile».

Tra i nomi più noti, nella circoscrizione nord occidentale che comprende la Lombardia ci sono Curzio Maltese, Moni Ovadia, Loredana Lipperini, la giornalista Giuliana Sgrena e la No Tav Nicoletta Dosio; Paola Morandin, operaia Electrolux nel Nord Est, con Riccardo Petrella, tra gli altri e le altre; al centro correranno Lorella Zanardo, autrice de Il corpo delle donne, Luca Casarini, già leader delle tute bianche ai tempi del G8 di Genova, Fabio Amato, responsabile Esteri di Rifondazione e coordinatore della campagna di Tsipras in Europa per la Sinistra Europea, Raffaella Bolini dell’Arci, Tommaso Fattori, tra i principali animatori del Firenze social forum, Ermanno Rea e il più giovane candidato, Claudio Riccio, al Sud. Al centro, al Sud e nelle Isole sarà capolista Barbara Spinelli, un ruolo che, come ha spiegato, serve «per dare visibilità agli invisibili che hanno anche competenze che io non ho e che saranno combattenti per l’Europa».

A proposito della candidatura dello scrittore Andrea Camilleri, poi ritirata, il comitato dei garanti respinge al mittente ogni polemica: si è trattato di «troppo entusiasmo», motivo per il quale appunto la candidatura è stata annunciata prima che fosse tale e poi smentita. Idem sulla questione Casarini: «il comitato dei garanti non si è spaccato, abbiamo discusso come si fa in democrazia, ma sulla stragrande maggioranza delle questioni, a cominciare dall’idea di Europa e dalla natura della lista, l’unità resta piena», ha concluso Barbara Spinelli. L’obiettivo, ora, è quello di non perseguire «una vocazione minoritaria, non vogliamo stare in Europa per fare testimonianza ma per cambiarla, contro le larghe intese, che hanno voluto l’austerità».  [Barbara Battaglia, ecoinformazioni]

Le liste complete e tutte le altre informazioni sono su: www.listatsipras.eutwitter.com/altraeuropa efacebook.com/AltraEuropaConTsipras.

logoufficiale_laltraeuropa400

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: