Italia Nostra Como

Italia nostra/ La colpa delle paratie è del centrodestra

logoitalianostra

Fiammetta Lang, presidente di Italia Nostra di Como, ricorda come la questione cantiere paratie derivi da progetti sbagliati delle amministrazioni di centrodestra che hanno preceduto la Giunta Lucini. Italia nostra sottolinea come ad esse siano da imputare le responsabilità e fornendo un evidente apprezzamento verso l’operato del centrosinistra  afferma:  «Non intendiamo entrare nelle procedure tecnico-giuridiche che avrebbero dovuto portare i progetti nella fase esecutiva ma risultano del tutto fuori luogo i paragoni fatti tra gli sforzi degli ultimi 4 anni e gli sfaceli del ventennio precedente che ha distrutto, speso folli cifre, scelto Sacaim, lasciato macerie». Leggi il testo del comunicato. (altro…)

Variante alla Tremezzina/ Italia Nostra con Valentina Minosi e Della Torre

variante-della-tremezzina-GrianteItalia Nostra di Como ha inviato una lettera riguardante la realizzazione della SS340 Regina -Variante alla Tremezzina inviata alla Presidenza del Consiglio deiMinistri, al Ministro dei beni culturali, al Ministro delle Infrastrutture e trasporti. L’associazione ambientalista ritiene inaccettabile l’azione di Francesco Dotti che aveva chiesto il licenziamento dell’architetto Valentina Minosi, difende la professionista e fa proprie le considerazioni di Stefano Della Torre, direttore del Dipartimento di architettura, ingegneria delle costruzioni e ambiente costruito del Politecnico di Milano. Leggi la lettera.

Via Binda/ Ambientalisti contro l’alienazione

via binda comoItalia Nostra, Wwf e La città possibile contestano la  recente approvazione da parte del Consiglio comunale di Como  della delibera concernente la vendita dell’ex scuola all’aperto di via Binda. Leggi il comunicato. (altro…)

Contro la vendita della Scuola all’aperto

via binda comoDiverse associazioni hanno inviato una lettera al sindaco contro l’alienazione della scuola di via Binda, un progetto della precedente Giunta di centrodestra che aveva già fatto discutere.

 

«Viva preoccupazione e contrarietà» è quanto esprimono Legambiente Como, Città possibile Como, Italia nostra Como e Wwf Como in una lettera indirizzata al primo cittadino comasco Mario Lucini, contro la decisione della Giunta di includere nel piano delle alienazioni anche la Scuola all’aperto di via Binda, affiancandosi alle proteste della lista civica Per Como.

«Riteniamo questa decisione in netta contraddizione a quanto presente sul “consumo di suolo” nel programma con il quale Lei e la Giunta siete stati votati – proseguono Michele Marciano, Alberto Bracchi, Fiammetta Lang e Pierangelo Piantanida, che incalzano – Si tratta peraltro di un progetto già proposto dalla precedente Amministrazione e respinto dagli stessi gruppi che oggi sostengono la Sua Giunta».

«È nostra convinzione che la città di Como non necessiti di ulteriori colate di cemento che deturpano il paesaggio, aumentano l’inquinamento e abbassano ulteriormente la qualità della vita sociale della comunità – concludono gli scriventi – Auspichiamo pertanto un ripensamento a riguardo di una decisione così negativa e dannosa per questa città e i suoi abitanti» (la lettera). [md, ecoinformazioni]

Italia nostra/ Palazzina Fisac-Trevitex

TREVITEX 4Il servizio del 17 febbraio di Gianpaolo Rosso per Radio popolare. Ascolta il servizio.  È una storia con la S lunga. Como piazza Camerlata, via Pasquale Paoli quella che dall’autostrada porta in città , da qui passano decine di migliaia di macchine al giorno. Proprio qui la palazzina liberty Fisac-Trevitex. Poi arriva Caprotti, con Slunga e un cinema multisala gigantesco con uno strano supermercato singolarmente diviso in due per stare alle norme. Polemiche, scarsi affari la chiusura del multisala che alcuni chiamano affettuosamente il mostro di Camerlata e l’accantonamento del progetto del vero supermercato. La Palazzina viene impacchettata e mal conservata.

Oggi, in periodi di scarsità di fondi, per il Comune di Como i circa 7 milioni promessi da Slunga riaprono la pratica con l’idea di abbattere la palazzina.

I contrari dicono che sette milioni servirebbero per opere stradali funzionali al supermercato stesso e chiedono come verrà risarcito il Comune per la palazzina.

Italia Nostra prima aveva chiesto alla Sovrintendenza di proteggerla con un vincolo oggi vuole trasformarla, recuperare la forma a e dell’edificio originario, usarla come vetrina commerciale delle eccellenze comasche.

Non è chiaro però se qualche forza politica appoggerà la proposta in Consiglio comunale o in Giunta dove sembra invece scontato l’appoggio al progetto concordato con Slunga.

[Gianpaolo Rosso, ecoinformazioni Como].

Sul canale di ecoinformazioni tutti i video della conferenza stampa di Italia nostra di lunedì 16 febbraio.

Italia nostra/ Trasformare la Palazzina Fisac-Trevitex

 confstampatervitexFiammetta Lang, presidente di Italia nostra Como, e Paolo Sinigaglia, presidente di Italia nostra Lombardia, hanno presentato lunedì 17 febbraio alla Circoscrizione 1 di Como il Progetto di recupero Fisac-Trevitex parzialmente alternativo alla proposta di Slunga al vaglio del Comune di Como. La proposta, elaborata dall’architetto Roberto Vanossi, conserva parte della struttura mantenendo la facciata originale e recuperando spazi interni per realizzare una zona commerciale denominata “galleria dell’eccellenza” comasca, propone un ponte ciclopedonale e una galleria vetrata. Nell’incontro si è dichiarato pienamente favorele alla proposta di Italia nostra anche Isidoro Ronzoni, ingegnere e appassionato oppositore di quello che lui definisce “mostro” dismesso realizzato a Camerlata con  il multisala e il supermercato che oggi sembra rinascere con effetti devastanti per il quartiere. In sala i consiglieri di Paco-Sel luigi Nessi e del Pd Guido Rovi. Non è chiaro se e quali saranno le adesioni dei gruppi politii rappresentati in Comune o di singoli consiglieri alla proposta di Italia nostra che aveva prima puntato sul vincolo per impedire la demolizione della palazzina, oggi propone una via meno avversa all’Slunga,  non si oppone all’espansione del supermercato e finalizza l’intervento alla riqualificazione dell’area il che potrebbe convenire anche a Caprotti. Guarda le diapositive con le simulazioni elettroniche dell’esito previsto per l’intervento proposto. Presto on line sul canale di  ecoinformazioni  i video di tutti gli interventi.

Ex Trevitex: Italia Nostra per la conservazione della palazzina liberty

palazzina fisacCon una lettera alla Soprintendenza per i beni architettonici e il paesaggio l’associazione richiede l’avvio del procedimento di dichiarazione di interesse  culturale. La proposta, se accolta, rimetterebbe in discussione la soluzione proposta nel Pgt per l’intera area oggetto da anni di una polemica politica infinita.
(altro…)

Italia Nostra/ La sovrintendenza salvi la Palazzina Trevitex

logo-italia-nostra-nazionmaleLa sezione di Como di Italia Nostra con una lettera inviata il 23 maggio alla Sovrintendenza per i Beni architettonici e per il Paesaggio per la provincia di Como conferma la totale contrarietà all’abbattimento ipotizzato della la Palazzina ex Fisac-Trevitex, costruita nel 1901-1903 su progetto di Giovan Battista Cadenazzi (già sindaco di Como). Presto on line la documentazione e l’articolo di Michele Donegana.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: