Yusupha Ceesay

Uno sprazzo di gioia per Yusupha Ceesay

C’è un luogo a Como dove l’impegno per la legalità si sposa con la Costituzione. E’ l’osservatorio legale per i diritti dei migranti ed è bello sapere che la notizia della concessione del permesso di soggiorno a Yusupha Ceesay sia arrivata al ragazzo nigeriano proprio in quel luogo. Amanda Cooney che per ecoinformazioni ha seguito l’intera vicenda, traccia una sintesi della vicenda dalle condanne sommarie alla totale assoluzione, riportando alcune delle vergognose affermazioni comparse sui media locali e nazionali per arrivare all’impegno per la giustizia della “Bella Como” e infine al lieto fine. Finalmente.

(altro…)

Destre estreme a Como/ Né garantismo, né umanità/ Una lettera per chiedere le scuse della vicesindaca di Como

Chi ha sbagliato senta almeno il dovere di scusarsi. Con una lettera Amanda Cooney chiede alla vicesindaca Alessandra Locatelli di Como  scuse formali per le brutte e pericolose parole pronunciate esultando per la condanna (ingiusta, poi annullata dal Tribunale) di due ragazzi Yusupha Ceesay e Salifu Camara, incarcerati con l’unica colpa di essere neri e con l’aggravante di indossare  una maglietta gialla, vittime di una giustizia sommaria che le destre vorrebbero imporre diventasse legge. Di seguito la lettera, già condivisa da centinaia di persone  su facebook e da organizzazioni come l’Arci e c’è da augurarsi tante altre. Per firmarla scrivere a  chiara.bedetti@gmail.com con oggetto  “Adesione lettera Amanda Cooney” entro le 16 del 4 novembre in modo che le firme possano essere consegnate in Consiglio comunale dalla consigliera del Pd Patrizia Lissi. (altro…)

Yusupha e Salifu/ Il loro sorriso innocente condanna Salvini, Alessandra Locatelli, il razzismo e l’ignoranza

[Questo articolo è pubblicato anche in inglese per favorirne la lettura nella comunità migrante]Molte volte, percorrendo le vie di Como, cerco di immaginarmi cosa deve essere per un uomo nero camminare per le stesse strade. Cosa si prova? Mi chiedo che tipo di vibrazioni un uomo nero percepisca dai passanti. Ostilità? Indifferenza? Timore? Qualche sguardo di compassione tra i molti? Se io fossi un uomo nero che deve camminare per le strade di Como, lo farei possibilmente in compagnia di un altro uomo nero. Il numero ti da’ sicurezza esprime solidarietà, amicizia in un mondo ogni giorno più ostile. Dopotutto sei un uomo nero in un mondo pensato su misura per l’uomo bianco. E, nel mondo di Salvini e dei suoi simili, nessuno è più bianco degli Italiani bianchi, che recentemente si sono riscoperti tutti uguali e fratelli. Tutti sono inclusi. Tutti insieme… ora. Perfino i ‘terroni’, fino a ieri disprezzati. Ma solamente se hai del puro sangue italiano che ti scorre nelle vene. Bada bene … sangue bianco. Non esistono Italiani neri. E solamente se hai un’identità cristiana. Cristiana di nome e non di fatto. Solamente se hai un grande senso di superiorità culturale e di privilegio tipicamente europei.

(altro…)

Magliette gialle per Yusupha

DSCN1983.JPG

Il giallo è il colore che ha segnato la manifestazione indetta lunedì 30 luglio alle 19 in piazza della Pace (già nota come piazza Vittoria). Le circa 30 persone che hanno partecipato hanno indossato abiti gialli e scritto cartoline (sempre gialle) in sostegno a Yusupha Ceesay, il giovane gambiano accusato, forse a torto, di essere tra gli autori (un gruppo di sette) dell’aggressione agli autisti Afs avvenuta lo scorso martedì 5 giugno a Como, identificato sommariamente ai giardini a lago per il semplice fatto di indossare, fatalmente, una maglietta proprio di questo colore, come quella di uno degli aggressori (che sembrerebbe essere un’altra persona) e dunque arrestato insieme a un amico, Salifu Camara, un gambiano dal cappello grigio, con la bicicletta, anch’egli “colpevole” di corrispondere a una descrizione altrimenti poco dettagliata, focalizzata sull’abbigliamento più che sulla fisionomia. In sede processuale, i due, insieme a due altri africani (questi di origine nigeriana), sono riconosciuti come colpevoli da una delle vittime dell’aggressione. Resta poco chiaro se l’autista ricordasse con esattezza il volto degli imputati, che sono stati tutti e quattro condannati, uno a quattordici e gli altri tre a ventuno mesi di detenzione. [Alida Franchi, ecoinformazioni]

Leggi l’articolo di Amanda Cooney (Como accoglie) sul caso, pubblicato da ecoinformazioni martedì 17 luglio 2018.

Guarda le foto di Alida Franchi, ecoinformazioni della manifestazione.

Guarda le foto di Claudio Fontana della manifestazione.

Solidarietà a Yusupha Ceesay, colpevole di essere nero e con una maglietta gialla

Condannato senza  certezze sulla sua identificazione e nonostante i tanti testimoni che giurano che non era tra coloro che hanno malmenato autisti dell’Afs,  Yusupha Ceesay è in carcere da più di 50 giorni. Como accoglie sottolinea la gravità della sua vicenda e invita a mandargli una cartolina per testimoniare solidarietà. Inviar le cartoline a Como accoglie
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: