Giorno: 17 Marzo 2014

21 marzo/ Due gradi e mezzo di separazione

DueGradiEMezzoCome il networking facilita la circolazione delle idee (e fa girare l’economia), l’autrice, Domitilla Ferrari, dialoga con Philip Di Salvo, ricercatore e collaboratore di Wired, venerdì 21 marzo alle 18 alla Libreria Feltrinelli di Como, in via Cesare Cantù 17. Per informazioni 
tel. 031.278109, e-mail Como@lafetrinelli.it.

Senza successo la mobilità

NEW POLIZIA LOCALESi va a concorso per il comandante della polizia locale di Como.

 

«Si è chiusa con esito negativo la procedura di mobilità indetta dall’amministrazione comunale per la nomina del nuovo comandante della polizia locale – annuncia il Comune di Como –. Ai colloqui, che si sono svolti venerdì pomeriggio, si è presentato un solo candidato dei tre ammessi. A questo punto l’amministrazione comunale procederà bandendo un concorso pubblico». [md, ecoinformazioni]

19 marzo/ Sciopero del trasporto pubblico locale

sciopero_bus2Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil, Ugl, Faisa-Cisal hanno indetto uno sciopero nazionale.

 

Le fasce di rispetto saranno garantite per i bus di Asf autolinee fino alle 8.30 e dalle 16.30 alle 19.30 (le corse in servizio fino a un minuto prima dell’inizio dello sciopero saranno portate a termine).

Della funicolare funzioneranno le corse prima delle 8.30 e dalle 16.31 alle 19.29.

Per i battelli, infine, servizio regolare dalle 6 alle 9 e dalle 17.55 alle 20.55..

Personale impiegatizio e di officina sciopereranno per l’intera giornata lavorativa. [md, ecoinformazioni]

Vignarca/ Pazze spese militari: forse con Renzi una fase nuova

francesco vignarcaIl pacifista comasco Francesco Vignarca, coordinatore della Rete italiana disarmo e attivista del movimento che si oppone allo spreco criminale degli F35, valuta positivamente gli annunci di riduzione dello sperpero militare fatti da Renzi: «Registriamo positivamente un cambio significativo che è quello di voler ragionare in generale sul tema della difesa. Perché a ben vedere anche Di Paola, ministro con Monti, aveva tagliato 41 velivoli. Erano 131 e sono diventati 90. Ma erano tagli che non mettevano in dubbio minimamente la ratio delle spese. C’era solo un discorso economico e ragionieristico. Oggi finalmente si ragiona nel merito delle scelte. Questo è molto positivo. Detto questo siamo come San Tommaso…». Leggi su Vita l’intervista a Vignarca fatta da Lorenzo Maria Alvaro.

Arci/ Senza presidente fino a giugno

votazione congressoNon si è concluso nel pomeriggio di domenica 16 marzo, nello storico palazzo Re Enzo a Bologna, il XVI congresso nazionale dell’Arci. Dopo quattro giorni intensi, di dibattito e confronto, i 579 delegati e delegate presenti pari al 98 per cento della platea prevista, [tra loro Jlenia Luraschi, Celeste Grossi e Enzo D’Antuono ndr] non hanno trovato l’unanimità necessaria a procedere subito all’elezione dei nuovi organismi dirigenti che per la prima volta nella storia dell’associazione vedevano in corsa per la carica di presidente due candidature, Francesca Chiavacci (presidente uscente del comitato fiorentino) e Filippo Miraglia (responsabile nazionale immigrazione). L’assemblea congressuale sarà riconvocata entro il 30 giugno 2014 per assolvere questi obblighi e l’associazione sarà retta fino ad allora da un comitato reggente, composto dal presidente uscente Paolo Beni e da tutti i presidenti regionali.

dallapartebuonaDalla parte buona della vita è la frase che capeggiava sullo striscione all’entrata di Palazzo Re Enzo, affacciato sulla splendida piazza Nettuno, frase  pronunciata da Tom Benettollo storico presidente Arci mancato prematuramente dieci anni fa e ricordato continuamente negli interventi durante il congresso. Giovedì 13 marzo con i saluti del presidente di Arci Bologna Stefano Brugnara, l’omaggio al maestro Abbado a cura dell’orchestra Senza spine e la relazione di Paolo Beni,  si è aperto il congresso. Beni durante la lettura del contributo, ha espresso anche il suo pensiero sulla doppia candidatura di Miraglia e Chiavacci al ruolo di presidente dell’associazione «Dalla consultazione sono emerse anche le proposte di Francesca Chiavacci e Filippo Miraglia per la candidatura a presidente. Francesca e Filippo hanno arricchito coi loro contributi il dibattito di questi mesi e sono qui a confrontarsi con il congresso.  Io penso che siano due ottime proposte, due risorse importanti per l’Arci del futuro, e li ringrazio di essersi messi in gioco al servizio dell’associazione. Io sono convinto che chiunque sarà eletto saprà farsi carico di tutta l’associazione e che tutti si sentiranno rappresentati e garantiti dal nuovo presidente. Del resto la figura del presidente è importante, certo, ma non lo è di meno il gioco di squadra con cui si dovrà garantire il governo unitario all’associazione. A mio parere, nella prossima fase Francesca e Filippo dovrebbero essere protagonisti, insieme, di una gestione unitaria dell’Arci». Per i primi due giorni, il congresso ha visto poi susseguirsi interventi di ospiti prestigiosi a interventi di delegati e delegate dei comitati e dei circoli di tutta Italia. Nichi Vendola, Patrizia Moretti, Maurizio Landini, don Ciotti, il presidente di banca Etica Ugo Biggeri sono solo alcuni dei nomi che hanno portato personalmente i saluti alla platea congressuale, intervallandosi ad esponenti delle istituzioni, delle associazioni e della politica dell’area di centro sinistra. Molti anche i contributi video, di ospiti che non hanno potuto presenziare ai lavori: Laura Boldrini, Stefano Rodotà, i candidati alle europee Alexis Tsipras, Martin Schulz, Josè Bovè e Ska Keller. Molto apprezzati i video ricordo su Arrigo Diodati, partigiano, fondatore dell’Arci e presidente onorario dell’associazione scomparso nel dicembre 2013 e di Freak Antoni, voce degli Skiantos, che ci ha lasciato nel febbraio scorso. L’ultima parte dei lavori congressuali riservata ai delegati e alle delgate ha visto approvati all’unanimità sessanta ordini del giorno che serviranno a tracciare la linea politica dell’associazione nei prossimi quattro anni e le modifiche allo statuto nazionale. Questo non è però servito a portare ad una scelta unanime dei criteri di elezione del nuovo consiglio, che a sua volta avrebbe dovuto eleggere la o il presidente, operazione rimandata al prossimo giugno. La galleria fotografica del congresso a cura di Giulio Di Meo è visionalbile cliccando qui. [Jlenia Luraschi, ecoinformazioni]

21 marzo/ Ricerca e progetti di vita indipendente

210314 cernobbioLa condizione attuale nel tessuto Lombardo e Comasco. HomeLab, un laboratorio di ricerca distribuito sul territorio, venerdì 21 marzo dalle 8.45 alle 15.30 al Cernobbioshed, in via Manzoni 1 a Cernobbio.

Una: «Conferenza di presentazione delle attività di ricerca per il sostegno ai progetti di vita autonoma con evidenza ai diversi settori che operano a contatto con le fragilità, organizzata da Politecnico di Milano – Polo territoriale di Como e dal Comune di Cernobbio, con la partecipazione del Georgia Tech Research Institute di Atlanta (Stati Uniti)».

«L’obiettivo della giornata è presentare le attività di ricerca che emergono a livello territoriale (in provincia di Como nonché in Regione Lombardia) nel sostegno ai progetti di vita autonoma e le evidenze nei diversi settori che operano con le fragilità – spiega la presentazione –. Quest’iniziativa si colloca all’interno di uno schema più ampio e innovativo che prevede un passaggio, dove applicabile, dal modello residenziale concentrato al modello distribuito. In questo contesto si inserisce il progetto internazionale HomeLab: un laboratorio di ricerca distribuito sul territorio basato sulla interazione tra popolazione volontaria, terzo settore, industria e università».

Per informazioni e registrazione, la partecipazione è libera, ma per ragioni organizzative è richiesto di confermare la presenza, e-mail ufficio.cultura@comune.cernobbio.co.it, Internet 
www.polo-como.polimi.it. [md, ecoinformazioni]

Programma

Dalle 8.45 alle 9, Registrazione;

Dalle 9 alle 9.10, Apertura del convegno, Monica Ferrario, vicesindaca del Comune di Cernobbio, Maria Antonia Brovelli, pro-rettrice del Politecnico di Milano – Polo territoriale di Como;

Dalle 9.10 alle 9.30, Introduzione sulla condizione del sociale in Regione Lombardia, La Riforma del welfare sociale in Lombardia;

Dalle 9.30 alle 10.30, Le associazioni nel territorio a sostegno delle fragilità (moderatore Fabio Salice), La gestione delle fragilità in ambito provinciale: stato dell’arte e prospettive (Marco Orsenigo, Asl Como),
L’analisi dei bisogni e prospettive (Marco Rasconi, Cpv Ledha Milano),
L’analisi dei bisogni e prospettive (Associazionismo rete anziani unito),
L’analisi dei bisogni e prospettive (Angela Arcara, Coop. Il Sorriso);

Dalle 10.30 alle 11.30, I progetti a favore delle disabilità (moderatrice Sara Comai), ASPHI: il ruolo della ICT (Information Communication Technology) a favore delle persone con disabilità (Emanuela Trevisi, Asphi),
Eastin: il portale europeo degli ausili tecnici per le persone con disabilità (Valerio Gower, Fondazione don Gnocchi),
Sim-Patia (Irma Missaglia),
Crais (Antonio Bianchi);

Dalle 11.30 alle 11.45, Pausa;

Dalle 11.45 alle 12.45, La ricerca: Presente e Futuro (moderatore Matteo Matteucci), GeorgiaTech
- Progetti Gtri in campo HomeLab Atlanta (Alessio Medda, Gtri Atlanta US), Iniziative a livello Gr campus (Alessio Medda, Gtri Atlanta US),
 Presentazione progetto EasyTransfer – Wheelchair (Andrea De Palo, responsabile del Progetto), Politecnico di Milano
- Atg: il gruppo di lavoro per le tecnologie assistive del Polo Territoriale di Como, una visione sul futuro (Fabio Salice, Politecnico di Milano), Home labs’ overview e l’iniziativa di Bergamo (Paolo Malighetti, Università degli studi di Bergamo e Hth);

Dalle 12.45 alle 13, HomeLab@Italia: portfolio di idee e direzione futura;

Dalle 13 alle 14.15; Pausa (rinfresco);

Dalle 14.15 alle 15.15, Tavolo di Confronto (moderatore Alessio Medda);

Dalle 15.15 alle 15.30 Chiusura dei lavori.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: