Giorno: 14 Giugno 2014

Como differenzia/ I cittadini rispondono bene nonostante le difficoltà

bruno magattiL’assessore all’ecologia del Comune di Como Bruno Magatti è soddisfatto di come sta procedendo la raccolta differenziata in città. I dati da lui forniti evidenziano un positivo esito della raccolta con la diminuzione dell’indifferenziato (ultima settimana vecchio sistema 380,9 ton; prima settimana col nuovo 241,1 ton) e un notevole incremento nei primi giorni della raccolta dell’umido (1° ritiro martedì 3: 4,5 ton; 2° ritiro venerdì 6: 12,5 ton; 3° ritiro ma 10: 17,5 ton) e una buona raccolta anche della carta (martedì: 14 ton). Per Magatti «Pur con gli inevitabili disguidi che comporta un cambiamento così importante i cittadini rispondono bene: grazie alla collaborazione di tutti sono sicuro che riusciremo ad arrivare ad un buon livello di raccolta differenziata molto presto».

Nessuna sfiducia per Gerosa e sì alla Trevitex

8 COMOCOMUNEMaggioranza a Palazzo Cernezzi compatta nel rigettare la sfiducia all’assessora alla Mobilità, ma si spacca sull’ex Trevitex. Paco-Sel esce dall’aula al momento del voto, Amo la mia città critica ma approva e nel Pd Rovi si astiene.

 

Sfiducia

Una mozione di sfiducia all’assessora alla Mobilità Daniela Gerosa sull’incrocio fra via Bastiglia e via Varesina a Rebbio è stata presentata da Ada Mantovani, Adesso Como, giovedì 12 giugno al Consiglio comunale di Como: «Ha capito in grave ritardo i rischi e la pericolosità di quell’incrocio». Una pericolosità capita solo dopo un anno, ha aggiunto Alessandro Rapinese, Adesso Como, «il suo atteggiamento è cambiato solo dopo eventi drammatici», la morte di un motociclista. Di rivedere diverse decisioni sulla viabilità è stato chiesto da Enrico Centiempo, Ncd, «il paletto in via Briantea, l’isolino in Borgovico…». Una proposta che non ha convinto nessuno in maggioranza, e anche in minoranza c’è chi ha parlato della necessità, più che altro, di una sfiducia al sindaco, Francesco Scopelliti, Ncd, e Diego Peverelli, Lega, mentre è andato sopra le righe Giampiero Ajani, Lega, «lei se la tira troppo» ha detto all’assessora, stigmatizzato poi da un altro esponente dell’opposizione Marco Butti, Gruppo misto.

In difesa dell’operato di Gerosa è intervenuta Patrizia Lissi, Pd, che ha ricordato, dati alla mano, il numero di incidenti rilevato dalla polizia locale, da zero a quattro all’anno negli ultimi 5 anni, «per l’80 per cento con il coinvolgimento di veicoli a due ruote, sempre in violazione del codice della strada, che hanno coinvolto per il 70 per cento residenti nella zona».

Al voto, segreto, nessuna sorpresa con la maggioranza compatta che ha bocciato la mozione.

 

Ex Trevitex

La discussione è così tornata all’atto di indirizzo sull’ex Trevitex a Camerlata e sull’ultimo ordine del giorno che proponeva di diminuire l’importo stanziato per la piazza davanti al centro commerciale, «un regalo ad Esselunga» per Rapinese, per destinare fondi ad altro. Una proposta bocciata dalla maggioranza, con l’astensione però di Paco-Sel.

E lo scollamento del centro sinistra che guida Palazzo Cernezzi si è reso palese durante le dichiarazioni di voto quando Vincenzo Sapere ha annunciato la non partecipazione al voto. Una mediazione per l’esponente, indipendente, nella lista di Paco-Sel, «il nostro gruppo pretendeva un voto contrario», per marcare il proprio disagio ma comunque l’appartenenza alla maggioranza, anche se, ha ribadito, «questo non fa parte dell’accordo di maggioranza». E criticamente sulla proposta si è espresso anche Guido Rovi, Pd, che si è astenuto, mentre Marco Servettini, Amo la mia città, riconoscendo il proprio imbarazzo nel dare semaforo verde alla grande distribuzione, e chiedendo controlli sulla qualità del lavoro nel futuro esercizio commerciale e nuove stime per l’impatto sul traffico della zona, si è allineato alla maggioranza.

Con il gruppo di Paco-Sel sono usciti poi anche la Lega, «c’è poca trasparenza su dove andranno i ricavi di questa operazione» ha detto Peverelli, e Enrico Centiempo, Ncd, favorevole all’intervento ha ribadito che «quello che era stato fatto – dalla Giunta precedente di cui era parte – è stato fatto bene», contraria il resto dell’opposizione «questa non è stata una discussione, la delibera era blindata, e la scelta è stata fatta da altre parti» ha detto Luca Ceruti, M5s, «questa è una Ticosa 2 solo perché l’ha voluto l’operatore» ha ricordato Butti, «vi ricordo che era una priorità di Bruni!» ha aggiunto Rapinese.

In difesa dell’operazione si è schierata Andrée Cesareo, Pd, parlando di un atto dovuto, necessario per «trasformare un problema in una opportunità», sottolineando la condivisione della proposta con il passaggio in Commissione e in aula e ricordando le opere pubbliche, il ponte ciclopedonale, che verranno create per i residenti.

Poco prima dello scoccare della mezzanotte la proposta è stata così approvata. [Michele Donegana, ecoinformazioni]

14 giugno/ Figurini

FIGURINIStorie di uomini da incorniciare, di e con Marco Continanza e Davide Marranchelli, regia Davide Marranchelli, scenografia Ester Castelnuovo, organizzazione Alessia Locatelli, produzione Mumble Teatro/Residenza teatrale Torre Rotonda, sabato 14 giugno alle 21 al Tempio Voltiano a Como.

 

«Sabato sera l’Italia gioca la prima partita del mondiale contro l’Inghilterra alle ore 24 – precisa la presentazione –. Per ingannare l’attesa della partita abbiamo organizzato la messa in scena del nuovo spettacolo teatrale di Davide Marranchelli e Marco Continanza Figurini che avrà luogo nell’eccezionale scenografia del mini-campo da calcio allestito proprio in prossimità del Tempio Voltiano per un torneo (3 contro 3) chiamato la Gabbia.
Lo spettacolo è una ruspante commedia sugli eroi (anche sconosciuti) del calcio».

«Figurini è l’album dei nostri eroi preferiti – spiega la nota –. Alcuni di questi eroi, ebbene sì, sono calciatori. Magari non
conosciuti, magari hanno giocato soltanto una sola partita, magari non hanno mai visto l’ombra di un pallone, figurarsi una vittoria! Ma sono i nostri eroi. I nostri Supereroi. E così, Gigi Meroni coi calzettoni alla caviglia si trasforma nella farfalla granata, il tifoso numero 88235 del Club Argentino San Lorenzo con un vestito bianco diventa “El Papa”. Personaggi illustri, ma anche perfetti sconosciuti. Una narrazione appassionata, un cabaret di storie e di emozioni, perché il calcio non è solo una palla che rotola: è melodramma, epica, teatro di varietà.
Il calcio è un pretesto per raccontare la vita e le passioni attraverso storie di grandi e piccoli uomini.
Figurini non è uno spettacolo per intenditori di fuorigioco, zona e modulo all’italiana, ma per appassionati di storie, emozioni e passioni».

Per informazioni e-mail figurinicalcio@gmail.com. [md, ecoinformazioni]

Senso unico alternato sulla “Caslino Pusiano”

pusianoNel Comune di Pusiano la Sp 42 «dalle ore 9.00 del 16 giugno a mezzanotte del 31 dicembre 2014 la circolazione sarà regolata da un semaforo per consentire la realizzazione della soletta della galleria artificiale sotto la via Martinelli nell’ambito dei lavori della Variante di Pusiano» spiega una nota della Provincia di Como» (l’ordinanza).

15 giugno/ Inaugurazione del Museo rifugi antiaerei Como

rifugio di via crispiDomenica 15 giugno alle 18 nella sede della Croce rossa italiana di via Italia Libera 11 a Como, per i 150 anni di fondazione (l’invito).

 

«Il rifugio antiaereo della storica palazzina della Croce rossa di Como è diventato un museo – precisa una nota, che ricorda anche la concessione dell’l’Alto patronato del presidente della Repubblica per valore storico e culturale –. Una città sotterranea dimenticata, riportata alla luce attraverso centinaia di documenti, immagini, reperti e testimonianze. Uno sguardo da un singolare scavi rifugio via crispipunto di vista su un drammatico momento storico da consegnare alla memoria attraverso un percorso suggestivo e articolato. Uno spazio dedicato racconta i 150 anni di attività della Croce Rossa Italiana».

murac«Una piccola porta metallica con un grande “maniglione” anticipa l’atmosfera di un ambiente surreale: il volume semplice e geometrico di un rifugio antiaereo riporta ad un particolare momento della storia della nostra città intenta a difendersi dalla guerra – prosegue il comunicato –. La presenza di una ricca ed articolata documentazione, reperita presso gli archivi comunali, testimonia il ruolo centrale di questo luogo per la protezione dei civili nella seconda guerra mondiale: qui aveva infatti sede, insieme alla Croce rossa italiana, anche il Comitato provinciale della protezione antiaerea. Da qui l’idea del recupero di questo manufatto come testimone e custode di un peculiare momento storico. Questo progetto, fortemente condiviso dal Comitato provinciale della Croce rossa di Como è stato finanziato attraverso un bando della Fondazione provinciale della comunità comasca onlus. La grande mole di documenti d’archivio, insieme alle numerose testimonianze orali, permette di entrare in contatto con la quotidianità della città nei primi decenni del ‘900, cogliendola nella sua stretta relazione con gli eventi bellici. L’organizzazione di questo interessantissimo materiale ha permesso la realizzazione di un suggestivo percorso espositivo».

sede CRI anni 40«Questa parte di storia della nostra città e dei suoi abitanti vuole quindi essere raccontata attraverso l’oggettiva documentazione delle Ordinanze, dei Regolamenti, delle trasformazioni fisiche, delle attività di propaganda, delle esercitazioni sino ai fenomeni di costume che inevitabilmente l’hanno permeata – termina il comunicato –. Si spazia dalla costruzione dei grandi rifugi pubblici all’istallazione delle sirene d’allarme, dall’oscuramento delle attività all’aperto alla protezione delle facciate del Duomo, ecc., ma anche, e soprattutto, attraverso l’esperienza diretta inaugurazione inaugurazionedi questo particolare ambiente. Una particolare area tematica è stata curata da un gruppo di volontari e dal Corpo delle infermiere volontarie della Croce rossa italiana di Como, in occasione del 150° anniversario della sua istituzione».

Orario di apertura estivo da lunedì a venerdì dalle 10 alle 17, sabato e festivi dalle 10 alle 12.30 (altri orari solo su prenotazione), ingresso gratuito con offerta libera (possibilità di visita con audio guida). Per informazioni e prenotazioni tel. 031.243289, e-mail info@murac.it. [md, ecoinformazioni]

Tavolo monitoraggio Arcisate-Stabio

arcisate-stabioEsito positivo, i tempi sono «sostanzialmente» rispettati.

 

«Un sostanziale rispetto del cronoprogramma dei lavori e un buon avanzamento delle procedure amministrative avviate al Cipe – annuncia una nota di Regione Lombardia –. Questi i principali esiti del Tavolo di monitoraggio dei lavori per il completamento del nuovo collegamento ferroviario Arcisate-Stabio che si è svolto [giovedì 12 giugno] a Palazzo Lombardia convocato e presieduto dall’assessore alle Infrastrutture e mobilità Alberto Cavalli, alla presenza dei rappresentanti di Rfi, Italferr, dell’impresa appaltatrice e dei sindaci di Arcisate, Angelo Pierobon, e di Induno Olona Marco Cavallin, in video collegamento da Varese».

«Regione Lombardia ha ribadito l’importanza che riveste l’opera non solo dal punto di vista trasportistico, ma anche per i benefici economici e sociali attesi per i territori transfrontalieri interessati – prosegue il comunicato –. Le parti coinvolte, dal canto loro, hanno espresso soddisfazione per il lavoro fin qui svolto per la mediazione tra le parti, stazione appaltante e appaltatore, per il supporto tecnico e amministrativo nella risoluzione delle principali problematiche operative. Regione Lombardia continuerà pertanto a svolgere il proprio ruolo fino all’attivazione del servizio ferroviario di questa nuova linea transfrontaliera».

«La Regione ha ribadito inoltre l’importanza di una collaborazione stretta al fine di completare al più presto i lavori affinché i territori interessati dai cantiere non solo possano essere sollevati dai disagi sopportati da tempo per la presenza dei cantieri – termina lo scritto –, ma possano anche beneficiare dei vantaggi economici sociali e ambientali di questa nuova linea ferroviaria. È stato poi convocato per dopodomani [sabato 14 giugno] un incontro tecnico per la presentazione e l’esame del progetto di ri-ambientalizzazione dei siti che riceveranno le terre dell’Arcisate». [md, ecoinformazioni]

ComoLive 100e20

comolive100e20Rassegna estiva rassegna di musica, spettacoli e intrattenimento del Comune di Como da giugno a settembre.

 

«Sono moltissime le location cittadine che verranno trasformate in palcoscenici all’aperto, da giugno a settembre, con oltre 120 eventi che spazieranno dalla musica pop, jazz, folk, rock ai concerti d’autore e musica classica, dalle rappresentazioni teatrali all’opera e operetta, ballo e cinema, coinvolgendo un pubblico eterogeneo e i numerosi turisti in città. ComoLive 100 e20 è un ricco palinsesto che raccoglie anche molte rassegne locali, appuntamenti fissi dell’estate comasca, ed è il risultato di una proficua collaborazione con le associazioni culturali e con gli esercizi commerciali della città, che hanno partecipato attivamente all’organizzazione delle serate – spiega un comunicato di Palazzo Cernezzi –. Quest’anno l’immagine dell’estate è affidata a Giovanni Motta, artista veronese già apprezzato nella mostra collettiva Art for Kids che si è tenuta a S. Pietro in Atrio l’anno scorso e che l’Assessorato ha scelto per la grafica coordinata di ComoLive» (calendario giugno-luglio su Internethttp://cultura.comune.como.it/eventi/comolive/. [md, ecoinformazioni]

Mariano in musica 2014

mariano in musica 2014 locandinaFino lunedì 4 agosto a Mariano Comense.

 

Il Comune di Mariano Comense: «Ha organizzato in collaborazione con alcune associazioni culturali una rassegna di concerti ad ingresso libero e gratuito, salvo la rassegna Rockavilla con ingresso ad offerta libera, realizzando un cartellone di proposte che spazia in diversi generi musicali». «Come di consueto – dichiara una nota – spazio alla musica d’autore con Stefano Vergani e il duo Giua Armando Corsi, proposte locali con il gruppo Moranera e la Banda Marianese, dalla sperimentazione con i Dissoi Logoi al ballo folk con lo storico gruppo Il paese delle 1.000 danze e i giovani Floran Phoen. Non poteva mancare spazio per la musica giovane con ben 2 Week End la rassegna Rockavilla e il primo sabato di agosto con programma da definire. Al terzo anno giunge la rassegna Mariano in jazz con ospite speciale il pluripremiato e richiestissimo Mauro Ottolini, la Old Swing Big Band marianese ed un omaggio agli All Stars di Armstrong». Per informazioni Internet www.marianoeventi.it.

20 giugno/ Io che conosco il tuo cuore all’Arci Guernica

CERVI_GUERNICAIl circolo Arci Guernica di via Cesare Battisti 21 a Bulgarograsso, organizza venerdì 20 giugno alle 21, la presentazione del libro Io che conosco il tuo cuore. Storia di un padre partigiano raccontata da un figlio [2014, 434 p., 16.90 euro, ed. Piemme]. La serata vedrà la presenza dell’autore del volume Adelmo Cervi, figlio di Aldo Cervi, partigiano ucciso dai fascisti insieme a i suoi fratelli a Reggio Emilia nel dicembre del 1943 e la partecipazione del cantautore comasco Filippo Andreani. Ingresso libero soci Arci.

Fiera delle economie e delle relazioni solidali/ Aperte le iscrizioni

isolacheceMesse appunto le novità, nell’assemblea del 12 giugno con una partecipazione particolarmente ampia di soggetti interessati a collaborare alla progettazione e alla gestione della Fiera, e avviato il programma dei dibattiti, si sono aperte le iscrizioni per gli espositori alla prossima Fiera L’isola che c’è che si svolgerà il 20 e 21 settembre nel Parco Comunale di Villa Guardia (Co) e vedrà coinvolti e partecipi tanti soggetti della Rete comasca di economia solidale (e non solo) da mattina a sera, in un vortice d’impegno, passione, energia e fatica. Ecoinformazioni, come di consueto, curerà alcuni aspetti dell’informazione con la nuova edizione della Mappa dell’economia solidale e animerà News km zero.Tutte le indicazioni, dal comunicato de L’isola, nel seguito del post

«La Fiera L’isola che c’è si svolgerà il 20 e 21 settembre nel Parco Comunale di Villa Guardia (Co).

Le iscrizioni sono aperte e resteranno aperte fino a venerdì 4 luglio 2014.

Tutti coloro che desiderano esporre alla manifestazione sono invitati, entro tale data, a compilare, con cura e accortezza, il Form d’iscrizione sul sito de L’isola che c’è, dopo aver letto attentamente la nostra Carta dei Principi (affinché siano condivisi i valori che animano la Fiera e sia chiaro e conosciuto il senso del percorso in cui questa s’inserisce) e le Modalità di partecipazione.

Chi può partecipare

La Fiera si rivolge in prevalenza alle realtà del territorio comasco, ed è aperta a realtà esterne solo per settori in cui non ci sia già una significativa presenza locale e, nella selezione, sarà data priorità alle realtà che collaborano attivamente nel percorso della rete comasca di economia solidale. Sono ammesse alla manifestazione:

  • associazioni, cooperative e organizzazioni locali senza finalità di lucro attive nei settori indicati nelle Modalità di partecipazione;
  • imprese locali che si distinguono per modi di produzione o per offerta di prodotti e servizi di alto valore ambientale e sociale, preferibilmente con certificazioni del settore.

La selezione degli espositori ammessi è di competenza del comitato organizzatore: visto lo spazio limitato e le numerose richieste di adesione, non saranno accettate domande che non rispettino tempi e modi indicati.

3 novità per l’esposizione 2014

Come già comunicato nel primo incontro organizzativo, a causa della crescita strutturale della Fiera, da quest’anno dobbiamo organizzarla (con nostro dispiacere e con nuove difficoltà burocratiche!) non più come “attività pubblica di raccolta fondi”, ma come “attività commerciale”.
Pertanto, ci sarà un biglietto d’ingresso e tutte le quote d’iscrizione degli espositori sono comprensive di Iva (anche quelle delle associazioni): l’aumento delle quote per le realtà no-profit è comunque quasi nullo, in quanto L’isola che c’è ha deciso di farsi carico dell’entrata minore. Tutte le animazioni in programma all’interno della manifestazione (laboratori, concerti, dibattiti, etc.), resteranno gratuite e aperte a tutti i visitatori.

Volendo rendere la Fiera ancora più bella e ricca di significato, abbiamo deciso di premiare gli standpiù comunicativi, interessanti ed esteticamente gradevoli: cari espositori datevi da fare per realizzare un allestimento ancora più piacevole e coinvolgente del solito! Con l’eventuale conferma della vostra accettazione, vi forniremo maggiori indicazioni sui criteri di valutazione!

Per aiutarci a misurare l’impatto economico e sociale che la Fiera ha sul territorio e rendere più chiaro e quantificabile a tutti il suo valore e la sua importanza, nel Form d’iscrizione sono stati aggiunti tre nuovi campi relativi alle vostre attività (numero di dipendenti, volontari e fatturato): compilateli per favore con riguardo». [L’isola che c’è]

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: