Giorno: 21 Aprile 2015

Lotti per il Gloria

astagloria 1Non è ancora la “victoria”, ma la prima asta per l’Arci Xanadù, martedì 21 aprile al Gloria, ha funzionato. Non tanti gli acquirenti ma tanti i buoni affari con oggetti singolari, talora particolarissimi, messi all’asta dal banditore Alessio Brunialti capace di proporre per ciascun pezzo un motivo reale, ipotetico o almeno surreale per acquistarlo. La serata, iniziata bene con il buffet offerto dalla Cooperativa Corto circuito, si è svolta in modo piacevole sulle note dei Dumanbass, alcuni oggetti contesi a suon di rialzi (anche on line), altri aggiudicati senza pugna,  altri ancora rimasti invenduti da piazzare in una già prevista riedizione. Di particolare successo le tavole a fumetti donate da Zerocalcare e Giuseppe Palumbo, oltre all’opera creata appositamente per il Gloria da Fabrizio Musa (di cui sono ancora disponibili fuori asta le litografie e). Prima dell’inizio dell’asta, Enzo D’Antuono ha ribadito l’impegno dell’Arci contro il genocidio dei migranti e tutti i partecipanti si sono alzati in piedi per un minuto di silenzio. Guarda il video del primo lotto aggiudicato.

L’ennesima strage/ I poveri non ci lasceranno dormire

fioriMarco Servettini, fondatore del L’isola che c’è e impegnato con la Caritas per l’accoglienza ai migranti, non vuole essere definito “buonista”, invita a schierarsi superando solidarietà solo di comodo: o i poveri si accolgono o si fa loro la guerra, «Non ci sono altre scelte, nemmeno per moderati e cerchiobottisti».
(altro…)

Associazioni, sindacati, partiti, persone contro il genocidio

21aprilefermarelestragiUn centinaio di persone hanno manifestato davanti alla Prefettura di Como martedì 21 aprile dalle 17 alle 19. Alla mobilitazione comasca, parte dell’iniziativa nazionale dell’Arci Fermare la strage. Subito!, hanno partecipato il Coordinamento comasco per la Pace, Cgil, Cisl e Uil,  Fiom, Sel, Paco-Sel, Prc, L’altra Europa, Amo la mia città, Donne in nero, Acli, I bambini di Ornella, Les enfants de Ornella, Legambiente, tanti e tante altri/e. Dopo un breve intervento di Enzo D’Antuono, presidente dell’Arci, che ha sintetizzato i motivi dell’iniziativa, una delegazione è stata ricevuta  dalla vicaria del prefetto Giuliana Antonella Longhi. [Foto Isabella Bazzi per ecoinformazioni]

Poesia/ Erri de Luca/ Preghiera laica

erri-copRiprendiamo dalla rete, in occasione delle manifestazioni contro le stragi nel Mediterraneo, la Preghiera laica di Erri de Luca.

Mare nostro, che non sei nei cieli
e abbracci i confini dell’ isola e del mondo. 
Sia benedetto il tuo sale, 
sia benedetto il tuo fondale.

Accogli le gremite imbarcazioni senza una strada sopra le tue onde,
i pescatori usciti nella notte,
le loro reti tra le tue creature
che tornano al mattino 
con la pesca dei naufraghi salvati.

Mare nostro che non sei nei cieli, 
all’alba sei colore del frumento, 
al tramonto dell’uva e di vendemmia.
Ti abbiamo seminato di annegati 
più di qualunque età delle tempeste.

Mare nostro che non sei nei cieli
tu sei più giusto della terra ferma.
Pure quando sollevi onde a muraglia
e poi le abbassi a tappeto

Custodisci le vite, le visite cadute come foglie sul viale.
Fai da autunno per loro.
Da carezza, da abbraccio, da bacio in fronte
di madre e padre prima di partire.

[Erri de Luca]

21 aprile/ Mobilitazione nazionale: Fermare la strage. Subito!/ A Como alle 17 davanti alla Prefettura

MEDIT
L’Arci ha indetto per martedì 21 aprile la Giornata di mobilitazione nazionale Fermare la strage. Subito! All’iniziativa stanno aderendo molte altre realtà, associative, sindacali, politiche impegnate per i diritti umani contro il genocidio. A Como l’Arci invita a partecipare al presidio davanti alla Prefettura in via Volta alle 17 in concomitanza con iniziative analoghe in altre provincie. L’iniziativa sarà accolta anche al Gloria dedicandole una parte dell’incontro già previsto a sostegno del circolo Arci Xanadù alle 21.  Nel seguito il documento dell’Arci che indice la mobilitazione. Tutte le informazioni sui media di ecoinformazioni. Scarica e diffondi il volantino.

«In una settimana più di mille morti in due stragi annunciate.

Stragi che hanno responsabilità precise: le scelte politiche e le leggi dei governi dell’UE (compreso quello italiano) che consegnano le persone in cerca di protezione nelle mani dei mercanti di morte.

Aumentando controlli e mezzi per pattugliare le frontiere non si fermeranno le stragi come dimostra quest’ultima tragedia, in cui i morti potrebbero addirittura essere 900, avvenuta a poche ore da quella che ha portato a morire altre 400 persone. Chi scappa per salvare la propria vita e quella dei suoi cari non si ferma davanti al rischio di morire in mare.

Non c’è più tempo da perdere.

Si aprano subito vie d’accesso legali, canali umanitari, unico modo per evitare i viaggi della morte. Il governo italiano, in attesa che sia la Ue a farsene carico, riattivi subito un programma di ricerca e salvataggio  in tutta l’area del Mediterraneo.

Chieda contemporaneamente all’UE di farsi carico di un programma di ricerca e salvataggio europeo. Si sospenda il regolamento Dublino e si consenta alle persone tratte in salvo di scegliere il Paese dove andare sostenendo economicamente con un fondo europeo ad hoc l’accoglienza in quei Paesi sulla base della distribuzione dei profughi.

Questi morti non consentono a nessuno di perdere tempo e continuare a pronunciare parole vuote. Sono persone in carne e ossa. E invece sembrano fantasmi.

Martedì  21 aprile 2015 Mobilitazione nazionale in tutta Italia.

A Roma appuntamento a partire dalle 14,30 davanti a Montecitorio. Nelle altre città appuntamenti saranno articolati secondo quanto deciso dalle organizzazioni locali». [Arci nazionale]

Poesia/ Nicoletta Grillo/ Il naufragio

Nicoletta GrislloIn occasione della manifestazione Fermare il massacro. Subito! Nicoletta Grillo ha inviato alla sua  ecoinformazioni una poesia inedita su un migrante che vendeva cianfrusaglie in spiaggia, immaginandolo sopravvissuto ad un viaggio per mare. In una situazione tanto drammatica  le parole potrebbero sembrare inutili per cambiare un po’ le cose, ma forse le parole della poesia  a qualcosa servono, chissà. 

(altro…)

Video/ Severino Proserpio: Fermare la strage. Subito!

severinoIntervista a Severino Proserpio, in Italia il 20 aprile per l’assemblea de I bambini di Ornella. Il fondatore dell’associazione e  del Clas della Cgil, animatore a Kelle del Centro Giovanni Quadroni (esempio concreto e positivo di cosa vuol dire agire per “aiutarli a casa loro”) partecipa, il 21 aprile al presidio Fermare la strage. Subito! indetto dall’Arci davanti alla prefettura di Como alle 17 e all’iniziativa a sostegno dello Spazio Gloria alle 21.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: