Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 347.3674825, ecoinformazionicomo@gmail.com

Nella culla del benessere c’è l’aria più sporca

qualità-aria-inquinamento-151205Il rapporto annuale di Legambiente sull’inquinamento atmosferico (Mal’Aria 2018) mette freddamente di fronte alla realtà un territorio, quello padano, che viene stancamente evocato come culla del benessere italiano e delle sue eccellenze produttive. Analizzando i dati, ci si rende infatti conto che proprio qui si respira l’aria più sporca d’Italia e d’Europa.

Il rapporto prende in esame due parametri –  le polveri sottili e l’ozono – e misura in numero di giorni in cui in diverse città è stato superato il limite di legge (massimo di 35 giorni/anno con concentrazioni superiori a 50 μg/m3). Delle 31 città fuori legge per entrambi gli inquinanti, 29 appartengono all’area padana (Como è 25esima per le polveri sottili e 27esima per l’ozono, 24esima per entrambi). Significa che circa sette milioni di persone respirano aria tossica, per l’uno o per l’altro inquinante, per un quarto dell’anno (quasi quattro mesi a Como). E naturalmente significa malattia (60 000 morti precoci in Italia nel 2017), record europeo. E incremento esponenziale della spesa sanitaria. Circostanze invisibili per chi si ostina a misurare ossessivamente il Pil come descrittore del benessere.

Il rapporto di Legambiente fornisce utili elementi sul quadro normativo italiano e prova a richiamare esempi virtuosi (Parigi, Siviglia, Stoccarda) e soluzioni integrate per un problema oggettivamente complesso. «Partendo dal ridisegnare strade, piazze e spazi pubblici delle città aumentando il verde urbano, dando la priorità alla mobilità pubblica orientandola già verso le “emissioni zero”. Cominciando sistematicamente a tenere fuori i diesel e i veicoli più inquinanti dalle città, anche attraverso una politica di Road pricing e ticket pricing. Senza tralasciare la riqualificazione degli edifici pubblici e privati che dovrebbero riscaldare senza inquinare. Per ultimi, ma non meno importanti, gli aspetti legati al rafforzamento dei controlli sulle emissioni di auto, caldaie ed edifici e intervenire specificatamente sulle aree industriali e portuali».

La ricerca di Legambiente mette anche in evidenza (anche se in modo marginale in verità) due punti secondo noi ancora più importanti: il primo è che non ci si può aspettare un miglioramento reale della situazione attraverso la somma di decreti e ordinanze, spesso inapplicabili, contraddittorie, disattese e incontrollabili e va invece dato più potere ai decisori sul territorio. Il secondo è che il richiamo al senso civico dei cittadini per indurli a comportamenti virtuosi è un puro esercizio di ipocrisia se le amministrazioni non sanno progettare e realizzare le relative strutture e i relativi servizi. Finché non mi date una pista ciclabile, lascerò la bici a casa. [Andrea Rosso, ecoinformazioni]

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30 Gennaio 2018 da in Ambiente, scienza, Senza Categoria, Sostenibilità, trasporti con tag , , , .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

COOKIES/ Informativa per i lettori

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei social plugin. Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione anche semplicemente scrollando si presta il consenso all'uso dei cookie. Clicca sull'immagine per leggere l'informativa sui cookies.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: