Alessandra Dolci

dal 18 febbraio/ Circolo Ambiente Ilaria Alpi e Arci Como/ 4 colpi alla ‘ndrangheta

Si terrà online, tra febbraio e marzo, la rassegna antimafia 4 colpi alla ‘ndrangheta, organizzata dal Circolo Ambiente Ilaria Alpi e da Arci Como, con il patrocinio di 6 Comuni: Alzate Brianza, Cabiate, Carugo, Inverigo, Lurago d’Erba e Mariano Comense.

(altro…)

Circolo Ilaria Alpi e Arci Como/ Ecomafia a Como

Il tribunale di Como ha certificato il 3 febbraio la presenza di depositi di rifiuti abusivi in località La Guzza e in via del Lavoro a Como.
Il fatto è un ennesimo segno della presenza della ‘ndrangheta sul territorio e costituisce un potenziale rischio per l’ambiente data la frequenza degli incendi nei luoghi di raccolta dei rifiuti.

(altro…)

Video/ L’antimafia in tempo di covid

Il civismo attivo ha dimostrato di poter abbattere anche le barriere imposte dalla pandemia con l’incontro online Lotta alle mafie organizzato dal Circolo Ambiente Ilaria Alpi e dall’Arci di Como: non si sono collegati solo esponenti di associazioni e rappresentanti istituzionali di diversi comuni della provincia di Como, ma anche cittadini interessati al tema. Con la PM di Milano Alessandra Dolci, che ha seguito alcuni dei maggiori processi contro la mafia in Lombardia, si è discusso delle infiltrazioni della criminalità organizzata nella nostra regione e della minaccia che essa rappresenta ora che la crisi di covid-19 è al suo culmine. Online l’articolo di Pietro Caresana che potete leggere cliccando qui.

(altro…)

L’antimafia in tempo di covid

Si è svolto nel tardo pomeriggio di martedì 3 novembre l’incontro online e in diretta Facebook Lotta alle mafie – L’antimafia in provincia di Como nell’era covid, con Alessandra Dolci, responsabile della Direzione distrettuale antimafia di Milano, sul tema della criminalità organizzata nel territorio lombardo. L’incontro è stato organizzato, all’interno del progetto Como futuribile, dal Circolo ambiente Ilaria Alpi ed dall’Arci Como, in collaborazione con i comuni di Mariano Comense, Cabiate, Carugo, Inverigo, Tavernerio, Lurago d’Erba ed Alzate Brianza. Presto on line il video sul canale di ecoinformazioni.

(altro…)

3 novembre/ Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” e Arci Como/ Videoconferenza con la PM Dolci

Il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” e l’Arci di Como organizzano per il 3 novembre alle 17,30 una videoconferenza con la responsabile della DDA di Milano Alessandra Dolci dal titolo Lotta alle mafie – L’antimafia in provincia di Como nell’era Covid. Moderano Fabio Fimiani di Radio Popolare e Paola Pioppi del Giorno di Como. L’iniziativa è inserita nel progetto Como futuribile di Arci Como, Auser volontariato Como, Legambiente Como e L’isola che c’è. Di seguito il comunicato stampa.

(altro…)

Erba antimafia contro Le mafie al nord

mafie al nord erbaLa sala Isacchi di Ca’ Prina di Erba ha ospitato nella serata di mercoledì 25 ottobre l’incontro Le mafie al nord: conoscerle. Per combatterle, una conversazione tra Alessandra Dolci, la pm dell’operazione Crimine-infinito, e Ester Castano, giornalista di La Presse.
La serata, durata oltre due ore, ha visto partecipare oltre 130 persone, ben più della capienza del salone stesso, ed è terminata con un lungo botta e risposta tra il pubblico ministero e i partecipanti.

(altro…)

25 ottobre / Erba / “Le mafie al nord”

cee96e97-4333-4b80-96fe-447a43e699bf

Dalle 20,45 di mercoledì 25 ottobre, si terrà nella sala Isacchi della Ca’ Prina di Erba (piazza Prina, 5) un incontro pubblico intitolato Le mafie al nord, Conoscerle per combatterle. Le inchieste della Dda di Milano sulla ‘ndrangheta in Lombardia, inserito nel contesto dell’iniziativa Stop alle mafie alla cui organizzazione concorrono il Comune di Como e quello di Erba e il Circolo ambiente “Ilaria Alpi”, in collaborazione con Arci e con il contributo di Regione Lombardia.

Interverrà come relatrice Alessandra Dolci, pm della Procura di Milano e componente della Direzione distrettuale antimafia, responsabile del processo Crimine -Infinito, uno dei più gravi colpi inferti alla ‘ndrangheta in Lombardia.
Moderatrice dell’incontro sarà invece Ester Castano, giornalista de La Presse.

Consulta qui la locandina dell’evento

Consulta il comunicato stampa

Contatti degli organizzatori:
Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”
www.circoloambiente.org
info@circoloambiente.org

La corruzione e il controllo mafioso del territorio

aged

Si è svolto il 15 aprile nella biblioteca comunale di Como il convegno organizzato dall’Aged La corruzione e il controllo mafioso del territorio con la partecipazione di Alessandra Dolci (Pm presso la Procura di Milano nonché componente della Dda ) e Nando Dalla Chiesa. 
(altro…)

Criminalità organizzata ed economia/ Tante sinergie ancora da scoprire

cminaleconomiaNel 1875/76 la relazione della Commissione d’inchiesta Fianchetti-Sonnino definì la mafia come «sviluppo e perfezionamento della prepotenza diretta a ogni scopo di male».

Dobbiamo studiare ancora molto il tema della criminalità organizzata – non stiamo parlando della “banda dell’Ortica che voleva organizzare il colpo della vita rapinando una banca milanese – e ancora di più il tema dell’intreccio tra criminalità organizzata ed economia – spesso criminale.

Se nella ricerca storica ci fermassimo al dopoguerra 1940-45 e procedessimo fino al conflitto di mafia 1962/63 ci imbatteremmo nella minimizzazione anche da parte dei mezzi di comunicazione e di informazione, oltre che della magistratura. Basta ricordare il discorso per l’inaugurazione dell’anno giudiziario 1968, quando “si raccomanda la misura di prevenzione del soggiorno obbligato perché il mafioso fuori dal proprio ambiente diventa pressoché innocuo”, per intuire i ritardi che già si erano accumulati nella verifica della criminalità organizzata.

Il rapporto tra criminalità mafiosa (anche di ndrangheta, camorra, sacra corona unita) e criminalità economica si è rafforzato sempre più frequentemente, per ripulire e reimpiegare denaro sporco e per fare affari loschi anche con il mondo politico.

Va ricordato che la mafia nelle alleanze non accetta mai posizioni di subalternità. Il magistrato Paolo Borsellino disse che “lo Stato e la mafia sono due poteri che occupano lo stesso territorio: o si fanno la guerra o si alleano”.

La Lombardia e la provincia di Como si sono accorte d’essere territorio occupato dalla criminalità organizzata proveniente dalla Calabria: la ndrangheta ha un potere che la magistratura sta svelando, con non poca fatica anche per l’omertà di imprenditori assoggettati ai criminali.

Due avvocati, Roberto Rallo e Marcello Iantorno, hanno organizzato, mercoledì 17 dicembre,  il  seminario d Criminalità organizzata ed economia, la presenza della criminalità organizzata nelle attività economiche e produttive Serata dedicata agli avvocati e ai giornalisti – per l’assegnazione dei crediti formativi – cui s’è notata l’assenza del mondo imprenditoriale (presente soltanto il direttore di Confcommercio Como Graziano Monetti, che è anche giornalista), in particolare del mondo industriale (eppure non a caso il seminario si è tenuto nella sede di Unindustria a Como).

Ospite importante la p.m. Alessandra Dolci, della Direzione distrettuale antimafia di Milano, che sta proseguendo nelle inchieste e indagini sui crimini della ndrangheta tra Lodi, Milano, Lecco e Como.

Ha moderato il dibattito il cronista di giudiziaria del quotidiano La Provincia Paolo Moretti. [Guido Capizzi, per ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: