Sinistra italiana Como

Nessuno spazio per chi inneggia al ventennio fascista

Sì è tenuta questa mattina, 24 luglio, la conferenza stampa per la presentazione pubblica dell’appello alle istituzioni democratiche perché impediscano l’ulteriore sfregio alla legalità repubblicana annunciato per domenica prossima, 26 luglio (a ridosso della data di nascita di Mussolini), quando i nostalgici della dittatura fascista intendono ricordare il loro duce e i loro gerarchi.

Quest’anno, a causa delle restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria covid-19, infatti, non si era potuta tenere la “commemorazione” fascista a ridosso del 25 aprile (Mussolini e i gerarchi vennero fucilati in nome del popolo italiano il 28 aprile 1945). Ma, pur dilazionata di qualche mese, la messa in scena nostalgica non perde di gravità, così come non diminuisce la responsabilità delle autorità che, anche quest’anno, hanno – almeno fino ad ora – deciso di dare via libera alla manifestazione.

Per questo un nutrito gruppo di realtà del territorio hanno rivolto un appello alle istituzioni – in primo luogo al prefetto, rappresentante sul territorio del governo nazionale – perché venga ripristinata la legalità repubblicana e ribadita la fedeltà alla Costituzione nata dalla Resistenza.

La manifestazione fascista di Dongo del 29 aprile 2018.

«Anche quest’anno, sia pure in data inconsueta, – si legge nella lettera ufficiale – associazioni cosiddette culturali si ripromettono di “commemorare” i fatti che sul Lago di Como hanno definitivamente chiuso il tragico ventennio dittatoriale fascista.

In nome dei valori espressi nella Costituzione Repubblicana, condivisi dalla stragrande maggioranza del popolo italiano, e conformemente a numerose leggi delle Stato, le sottoscritte realtà chiedono che in modo netto e irrevocabile tutte le manifestazioni di stampo apologetico (che nulla hanno a che fare con qualsiasi forma di suffragio e commemorazione funebre) NON siano consentite in questa occasione e negli anni futuri. Consideriamo questo un dovere per le autorità e per le istituzioni della Repubblica.»

La lettera è firmata da ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), Istituto di Storia Contemporanea “P.A. Perretta”, ARCI provinciale, ACLI, Como senza frontiere, Associazione Lissi, Soci Coop Lombardia, Osservatorio democratico sulle nuove destre, Articolo uno, Monimento 5Stelle, PD, PRC, Sinistra Italiana, CGIL, CISL e UIL.

L’appello è stato inviato oltre che al prefetto e al questore anche al procuratore della Repubblica perché anche a Como vengano intraprese le adeguate azioni giudiziarie, che a Milano hanno portato a recenti pronunciamenti del Tribunale di Milano (come si legge nella lettera dell’ANPI di Como pure consegnata ufficialmente alle autorità locali).

Al riguardo è stata anche presentata, dall’on. Chiara Braga del Partito Democratico, un’interrogazione al Ministro dell’Interno.

Non risulta che – fino ad ora – vi siano state risposte da parte delle istitutizioni.

[FC, ecoinformazioni]

Il coraggio del futuro

C’è molto da fare per ricostruire, reinventare e dare peso alle idee di sinistra e per farlo è inutile partire dalle alleanze, dall’unione del nulla e dai conflitti spesso personalistici tra i “dirigenti” delle microformazioni politiche nelle quali, masochisticamente, si divide. L’apertura di Celeste Grossi, l’ampio, accorato, severo, ma tutto sommato ottimistico, apprezzatissimo intervento di Mario Agostinelli e tutti i contributi al dibattito dell’incontro di Sinistra Italiana Un mondo giusto ha un cuore rosso e verde del 13 febbraio alla Cascina Maseé di Albate hanno tentato un avvio di discussione “alta” dando con ragionamenti diversi, su diversi piani, idee su come giustizia climatica e sociale possono animare la costruzione, resa urgentissima dalla catastrofe climatica, determinata dal liberismo capitalista, di un nuovo mondo possibile.

(altro…)

Sinistra italiana: «Una sconfitta chiara» determinata anche da un forte centralismo antidemocratico

Sinistra italiana di Como, che ha condiviso con Articolo 1 – Mdp e Possibile il percorso di Liberi e uguali, propone una prima lettura dell’esito elettorale che definisce «una sconfitta chiara», censura gli elementi di «forte centralismo antidemocratico» che hanno caratterizzato le prime fasi del progetto di Leu e, dopo la prima assemblea del 7 marzo, preannuncia per il 27 e 28 marzo incontri provinciali e regionali per approfondire la discussione su come «riprendere il percorso di Leu insieme alle quasi settemila persone a livello provinciale e al milione e mezzo a livello nazionale». Leggi nel seguito il testo integrale del documento. (altro…)

Sinistra Italiana alla manifestazione “E questo è il fiore”

«Contro ogni fascismo razzismo e intolleranza, ridiamo speranza al futuro. Sinistra Italiana di Como parteciperà alla manifestazione di sabato 9 dicembre E questo è il fiore, perché l’antifascismo e l’antirazzismo sono principi fondamentali della Costituzione e di ogni forza democratica, sono i valori fondanti della nostra Repubblica che cementano la dimensione pubblica di ogni azione politica.  (altro…)

17 ottobre/ Sinistra italiana contro il referendum di Maroni

Sinistra italiana contrasta il referendum truffaldino e illegale di Maroni (i cittadini non hanno il diritto di annullare la scheda), invita a votare no o a non votare perché  ritiene la consultazione inutile,  costosa, ambigua, sbagliata e propone martedì 17 ottobre alle 20,45 alla Cascina Massè in via Sant’Antonino a Albate un dibattito sul Referendum lombardo del 22 ottobre.

Mentre la ragione dorme, i mostri crescono

Con una nota, Marco Lorenzini, coordinatore provinciale di Sinistra italiana,denuncia l’inattività sui temi importanti per i cittadini e le cittadine della giunta Landriscina e l’azione del centrodestra che rafforza le posizioni fasciste e razziste i cui rigurgiti sono sempre più frequenti. (altro…)

Si/ Landriscina con la Lega, Minniti e Orlando contro i poveri

Sinistra italiana giudica molto negativamente i primi passi della Giunta Landriscina  mettendone in evidenza la subordinazione alla Lega sia nell’assegnazione delle deleghe che nei primi provvedimenti contro i poveri. Leggi nel seguito il testo della nota inviata alla stampa. (altro…)

Sinistra italiana/ Grazie mille/ Nessuna indicazioni di voto per il ballottaggio

Con una nota, Sinistra italiana di Como ringrazia i circa 1000 elettori e elettrici che hanno scelto La prossima Como e sottolinea che ora la sinistra dovrà assumersi «il compito di dimostrare di essere utile e in grado di ridare speranza di cambiamento, in una città bifronte, sempre più ricca, ma con una povertà in aumento». Leggi nel seguito il testo integrale del comunicato. (altro…)

Attacco alla salute/ Lottare per sopravvivere a Maroni

Le mostruosità e i danni certi per la vita delle persone connessi alle delibere della giunta Maroni che modificano profondamente gli assetti sanitari aprendo ulteriormente l’amministrazione della salute a gestori privati è stata denunciata in tutta la regione il 15 giugno da Sinistra italiana. Anche a Como si sono svolti volantinaggi avanti ai cancelli del nuovo e vecchio Sant’Anna. 

Sinistra italiana per i diritti dei migranti

Il Congresso territoriale di Sinistra Italiana di Como di sabato 1 aprile ha approvato un ordine del giorno sul tema dei diritti dei migranti particolarmente negati nel nostro territorio. Leggi nel seguito il documento approvato all’unanimità. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: