Giorno: 11 Marzo 2015

14 marzo/ Cena della Legalità

140315 cena legalitàSabato alle 19.30 al Lido di Menaggio in via Roma 11, «menu “dalle Alpi alla Sicilia” a base di prodotti provenienti dalle colture di Libera Terra e di (R)esistenza Anticamorra rielaborati da docenti e studenti dell’Istituto “E. Vanoni”», organizzano Libera e Coordinamento comasco per la Pace.

14 marzo/ Donne: un futuro a tasso zero?

donnefuturo14marzoIn occasione della Giornata della donna, il Coordinamento donne Pd di Como propone sabato 14 marzo alle ore 9.30 al Centro Congressi Medioevo in via Lucini 4 a Olgiate Comasco Donne: un futuro a  tasso zero? Welfare per la crescita. Insieme alla deputata Chiara Braga, alla vice presidente del Consiglio di Regione Lombardia, Sara Valmaggi; al direttore del consorzio socio-sanitario dell’Olgiatese, Andrea Catelli si parlerà di politiche sociali, con particolare riferimento al cosiddetto  “tasso zero”, la situazione di non crescita che  si riscontra in numerosi ambiti socio-economici del Paese: natalità, lavoro, crescita, politiche di genere, futuro.

Cittadella della salute: intervenga Lucini

cittadellasaluteIl Comitato per la riqualificazione dell’area del vecchio Sant’Anna si dichiara soddisfatto per il percorso già compiuto e valuta positivi gli ultimi passi compiuti. Tutti sembrano concordi nel realizzare l’agognata Cittadella della salute, ma è necessario uscire dallo stallo di un unanimismo che potrebbe essere anche statico. Per dare slancio all’iniziativa il Comitato chiede l’intervento di Mario Lucini: «Ha la responsabilità della salute dei cittadini, si attivi per avviare i tavoli di discussione». Leggi il testo del comunicato.

«Il Comitato Cittadella della salute, che si è costituito per la riqualificazione dell’area ex ospedale Sant’Anna, ha incontrato la Presidente dell’Amministrazione Provinciale Rita Livio il giorno 4 marzo e ha riscontrato interesse e disponibilità a collaborare alla realizzazione dell’accordo di programma, del quale questa istituzione è firmataria. Giovedì 5 marzo si è svolta la prima tavola rotonda sulle “Prospettive socio sanitarie”, delle tre che abbiamo in programma; la sala della biblioteca medica piena di operatori del settore socio-sanitario e i numerosi interventi ci fanno ben sperare anche sull’attenzione del mondo politico. Al dibattito televisivo organizzato da TV Espansione il giorno 6 marzo, l’assessore Lorenzo Spallino e il direttore generale dell’azienda ospedaliera Sant’Anna Marco Onofri hanno pubblicamente dichiarato la loro disponibilità a non attendere la riforma sanitaria regionale, per continuare ad applicare l’accordo di programma. Alla nostra proposta di mettersi intorno ad un tavolo e discutere la possibilità di firmare convenzioni specifiche previste dall’accordo di programma (sugli aspetti ambientali, sul lavoro sociale, sugli aspetti formativi, sulle modalità di lavoro multidisciplinari) tutti hanno dichiarato la loro volontà politica a proseguire su questa strada. A questo punto la situazione di stallo crediamo possa essere superata, ma bisogna che un soggetto prenda l’iniziativa politica perché non basta una generica attenzione. Noi proponiamo che il sindaco di Como, che ha la responsabilità della salute dei cittadini, si attivi per avviare i tavoli di discussione». [Comitato Cittadella della salute]

Le giornate Fai di primavera sul Lago

fai_primaDa ventitré anni il FAI dà la possibilità di visitare luoghi e mirabilia altrimenti inaccessibili è diventata rito e tradizione e ogni primavera i beni aperti al pubblico aumentano. Appuntamento sabato 21 e domenica 22 marzo. Leggi i luoghi in provincia

 

 

Quest’anno i nostri territori, nel loro insieme, offrono molte occasioni di visita: dal Parco di Villa Carcano ad Anzano del Parco al complesso architettonico di Villa Raimondi di garibaldina memoria, fino alla Tremezzina che per l’occasione sgrana tutte le sue perle. In tutto dodici luoghi aperti nell’area comasca, canturina ed erbese.
Tutte le info al sito http://www.giornatefai.it.

Ancora sull’occupazione di suolo pubblico

8 COMOCOMUNEProsegue l’interminabile discussione a Palazzo Cernezzi.

 

Pubblicità

Nelle preliminari al Consiglio comunale di Como di lunedì 9 marzo Marco Butti, Gruppo misto, ha chiesto lumi sulla assegnazione di nuovi spazi a Agap «come mai ha avuto la possibilità di impiantare 50 spazi? In via Cecilio potrebbero esserci problemi sull’ottemprenza del codice della strada», al di là di bandi o concorsi, con la possibilità di porre nuove strutture lungo le strade pubbliche per la pubblicità, in cambio dell’esposizione del nuovo logo della città.

 

Suolo pubblico

Insediata l’assemblea è ripreso il dibattito sugli emendamenti al nuovo Regolamento per l’occupazione di suolo pubblico. Una discussione intricata, resa ancora più difficile da seguire dal regolamento comunale che divide la presentazione degli emendamenti a seconda di come intervengono sul provvedimento (emendando, aggiungendo…) e le ricadute di uno sull’altro (avendo già deciso su un punto del documento non potrà essere più discusso un ulteriore cambiamento).

Per semplificare il presidente Stefano Legnani ha chiesto di procedere secondo un piano di lavoro leggermente diverso, ma dall’opposizione, dopo anche una riunione, si è chiesto di seguire semplicemente il regolamento.

La discussione è proseguita così in maniera surreale con una discussione sfilacciata che a tratti è andata anche al di là di quanto era effettivamente in discussione, nel corso della serata solo 6 emendamenti, sui 36 e 5 ordini del giorno, sono stati affrontati.

Bocciate quasi tutte le proposte dell’opposizione, salvo tre: quelle di Alessandro Rapinese, Adesso Como, per aumentare la scontistica per chi tolga le slot-machine, lasciare liberi nella scelta del cestino dei rifiuti, e quella di Roberta Marzorati, Per Como, per tenere maggiormente in contro la professionalità rispetto all’offerta economica per chi voglia acquisire un chiosco pubblico.

Arrivati alla mezzanotte la seduta è stata sciolta. [Michele Donegana, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: