Giorno: 5 Luglio 2015

Lario quasi completamente balneabile

goletta dei laghiPasserà anche la Goletta dei laghi dal 10 al 13 luglio: «Per monitorare la qualità delle acque, denunciare le situazione critiche e valorizzare le buone pratiche».

 

I costanti monitoraggi delle Asl di Como e Lecco garantiscono che il Lario è quasi interamente balneabile, solo nella spiaggia di S. Abbondio a S. Siro non ci si può rinfrescare, per quanto riguarda il capoluogo una ordinanza sindacale ricorda di: «Considerare tutto il territorio comunale non balneabile tranne per l’area antistante il Lido Villa Olmo».

I dati sono pubblicati sulla pagina web sulla balneabilità della Asl di Como che precisa che anche il lago di Alserio non è balneabile. Tutto a posto sulle sponde lecchesi anche se la Asl ricorda: «Data l’estrema variabilità del fenomeno della fioritura algale in relazione alle condizioni climatiche ed atmosferiche, si ribadisce che in presenza di acque torbide, schiume o mucillaggini, o con colorazioni anomale è sconsigliato immergersi». E inoltre si ricorda che: «È comunque buona norma, a tutela della salute, adottare i seguenti comportamenti: evitare di ingerire acqua durante il contatto con acque di balneazione; fare la doccia appena usciti dall’acqua provvedendo ad asciugare completamente tutto il corpo, con particolare riguardo alla testa; sostituire il costume dopo il bagno».

In questi giorni, fino al 16 luglio, «Il Cigno azzurro accenderà un faro sui laghi di Iseo, Varese, Ceresio, Maggiore, Lario e Garda».

«Inizia una tappa impegnativa perché vede come protagonisti bacini lacustri tanto splendidi quanto in pericolo – afferma Barbara Meggetto, direttrice di Legambiente Lombardia –: cementificazione, impatto turistico, scarichi abusivi e depuratori mal funzionanti sono criticità che da anni denunciamo e sulle quali l’attenzione non è mai abbastanza. Un impegno, il nostro, che vuole salvaguardare la bellezza dei nostri laghi e mettere anche in luce le buone pratiche e le eccellenza del territorio lombardi».

La Goletta dei Laghi passerà, fra gli altri, dal 6 al 9 luglio sui laghi Maggiore, Varese e Ceresio e dal dal 10 al 13 sul quello di Como. [md, ecoinformazioni]

Carichi pendenti frontalieri

frontalieriGaffuti: «Regione Lombardia intervenga con un atto ufficiale contro».

 

«Il presidente della Regione in persona lo ha dichiarato ufficialmente e a gran voce e lo ha ribadito il sottosegretario alla presidenza con delega alle Relazioni internazionali: il Canton Ticino ritiri il provvedimento sul casellario giudiziario e i carichi pendenti per i frontalieri – dichiara Luca Gaffuri, consigliere regionale del Partito democratico, al termine dell’incontro con l’incaricato del Ministero dell’economia alle trattative con Berna, Vieri Ceriani, in Commissione speciale rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica di giovedì 2 luglio –. Bene: ma serve un atto ufficiale di Regione Lombardia verso il Governo confinante».

«Lo stesso delegato del Governo italiano ha fatto presente che Roma si è già mossa sia con Berna che con l’Unione europea, segnalando questa decisione unilaterale e non giustificata del Cantone – aggiunge il consigliere democratico –. E, d’altra parte, Berna si era pronunciata subito contro il provvedimento preso arbitrariamente da Gobbi, bocciandolo sonoramente. Ma i ‘cugini’ leghisti d’oltre confine, come li definisce Maroni, hanno annunciato ai quattro venti che andranno avanti finché un tribunale non si pronuncerà».

Per questo Gaffuri chiede di: «Far sentire anche la voce della Lombardia: si faccia un atto ufficiale che chieda il ritiro del provvedimento. Servirebbe a ridare dignità ai tanti nostri lavoratori che ogni giorno varcano il confine per costruire l’economia ticinese». [md, ecoinformazioni]

Thesaurus

COMUNICATO STAMPA TESAURUS - CopiaPercorso, a cura di Fabio Carnaghi, alla scoperta delle Terme Romane di Como, in viale Lecco 9, per Musica, arte e archeologia sotto le stelle, organizzato da Soprintendenza ai beni archeologici della Lombardia e Ark cultural property and contemporary nell’ambito della rassegna Biodiversity per Expo in città, con il sostegno di Touring club italiano,
 aperta martedì e giovedì dalle 10 alle 14, sabato dalle 10 alle 18 (aperture straordinarie 20 agosto e 12 settembre alle 21), fino al 30 settembre.

 

«Lorenza Boisi, Tamara Ferioli, Robert Gschwantner, Francesca Ferreri, Eva Hide, Dacia Manto, Massimiliano Pelletti, Eva Reguzzoni, Andrea Salvatori, TTOZOI, Devis Venturelli esplorano il senso della scoperta presentando gli esiti di differenti ricognizioni contemporanee – spiega la presentazione –.

Lo scavo archeologico restituito a una fruizione collettiva offre lo spunto per raccontare il momento della scoperta nella sua fase primigenia, nell’istante del rinvenimento. Lo svelamento è l’atto primario che rappresenta una sospensione del tempo tra la storia e il futuro».

«Il tesoro è affidato alla terra, ne diventa parte, ne è custodito fortuitamente come un seme o deliberatamente collocato per essere ritrovato quando forse verrà il tempo – prosegue lo scritto –. La mostra documenta la sospensione nello stato del rinvenimento quando il reperto non fa più strato con la terra ma non ha ancora cominciato la sua seconda vita, lontano dalle teorizzazioni didascaliche.

La spazialità dell’area suggerisce un viaggio immersivo, quasi viscerale nell’osservare in una suggestiva passeggiata archeologica le risposte di undici artisti a questo tema.
Dalle riflessioni sull’interiorità della scoperta insite nell’atto dello scavo alle risultanze di una cultura materiale contemporanea, la mostra coglie il valore della restituzione di un luogo, ripensando all’emozione effimera della scoperta, che finisce nell’attimo in cui l’oggetto trovato viene appena sfiorato, atto che sancisce l’inizio della sua nuova vita».

Per informazioni Internet www.arkmilano.com. [md, ecoinformazioni]

Attivato l’ascensore al cimitero di Monte Olimpino

cimitero monte olimpinoAperta finalmente la tanto attesa struttura che permetterà l’utilizzo di una nuova parte del cimitero per i quartieri settentrionali del capoluogo lariano. Si dovrà ancora lavorare sulle fontanelle.

 

«Conclusi i lavori e il collaudo, nel cimitero di Monte Olimpino è in funzione, dai giorni scorsi, il nuovo ascensore – annuncia Palazzo Cernezzi –. L’impianto è a servizio della nuova ala della struttura realizzata dall’amministrazione e dove sono collocati i colombari. Per quanto riguarda le fontanelle, i problemi emersi sono legati alla rete idrica di collegamento che è tutta da rifare e per i lavori bisognerà attendere l’approvazione del bilancio». [md, ecoinformazioni]

5 nuovi negozi storici

negozi storici regione lombardiaRegione Lombardia ha riconosciuto nuove attività pluridecennali nel Comasco.

Sul Burl del 25 giugno 2015 n. 5315 è stato pubblicato «il decreto relativo ai nuovi 48 esercizi commerciali presenti in Lombardia che hanno ottenuto il riconoscimento di negozio storico o storica attività – spiega una nota di Confcommercio –. Tra le imprese indicate dal decreto sopraindicato, ve ne sono 5 associate a Confcommercio Como, che hanno presentato la domanda attraverso gli uffici dell’associazione».

Le attività sono:

«E’ CASA – CASA DEL MOBILE DI LURASCHI MONICA di Appiano Gentile dal 1967 è un gruppo di professionisti con la passione per il mondo dell’architettura e del design e di tutto ciò che lo circonda sul mercato. Oggi è uno showroom situato nel centro storico dove vengono selezionati ed esposti prodotti delle firme più rappresentative dell’interior design italiano, per seguire le più attuali tendenze nel campo dell’arredamento;

La storia di CROCI S.A.S. DI TAGLIABUE MONICA & C. parte dal lontano 1926 come piccola bottega di articoli di merceria, profumeria e tessuti trasformandosi negli anni in una vera e propria boutique nel centro di Como con un marchio ben conosciuto (nel 1930 i locali vennero ristrutturati dall’architetto Terragni rendendo la facciata marmorea e le quattro grandi vetrine, un monumento nazionale);

FRAGRANS S.N.C. DI PIADENI MICHELE E PAOLO nasce a Como nel lontano 1903, quando il Dott. Michele Piadeni, farmacista, decide di continuare l’attività commerciale del padre Paolo aprendo una farmacia specializzandosi successivamente nella vendita di prodotti di profumeria, rendendola oggi una delle profumerie più suggestive e ricche di storia di tutta la provincia;

L’ALBERGO RISTORANTE TRE RE DI CORBELLA ANTONIO & C. S.A.S. è il più antico di Como, nato nel 1770 e dal 1920 gestito dalla Famiglia Corbella. La struttura, recentemente restaurata originariamente era un antico edificio che nel medioevo ospitava un convento, la cui architettura è ancora leggibile negli interni del palazzo;

CURIONI ANGELA infine è la titolare dell’Emporio di Magreglio che a partire dal 01 giugno 1962 ha portato avanti l’attività nella stessa via con la stessa insegna. Nell’anno 1977 è stato costruito il negozio nuovo retrocedendo dalla strada ampliando l’ingresso e creando il parcheggio per i clienti, mantenendo però lo stesso accesso e la medesima insegna dell’apertura del negozio;

Per queste imprese e per tutte le altre che hanno già ottenuto il riconoscimento da parte di Regione Lombardia, sarà possibile tra poche settimane accedere ad un finanziamento a fondo perso del 70% per l’innovazione delle attività. Per maggiori informazioni contattare Confcommercio Como (rif. Irene Colombo)». [md, ecoinformazioni]

Cgil In-forma news giugno-luglio 2015

CGILinForma-news-2015-06-p9È in distribuzione il nuovo numero  della newsletter mensile della Cgil di Como. L’editoriale  è dedicato alla Conferenza di organizzazione. Seguono gli articoli: 2 giugno, Profughi + Uepe, Ticino + Ente bilaterale + Amministrazione provinciale, Stipendi comunali + Cooperative sociali, Spi al lago del Segrino.  Il Tazebao è Lavoro Europa .  Per ricevere Cgil in-forma via mail: cgilinformacomo@gmail.com. Sfoglia on line Cgil informa[Si consiglia di scegliere la modalità schermo intero per evitare la pubblicità di Calameo].

Con la Polizia sicurezza senza razzismo e strumentalizzazioni

silpIl Sindacato italiano lavoratori polizia della Cgil censura la campagna di disinformazione in corso sul tema della doverosa ospitalità offerta a Como a poche decine di profughi. La questione ha animato polemiche strumentali e dato la stura a dichiarazioni xenofobe e razziste alimentate dall’ignoranza e dal tentativo di trarre vantaggio elettorale dalla mortificazione dei diritti di persone in gravi difficoltà. Contro la campagna in corso il sindacato di polizia della Cgil prende posizione nettamente: « Noi diciamo No alla speculazione sulle paure della gente: si deve invece far sapere che tutti gli appartenenti alla Polizia di Stato del Comasco stanno svolgendo un grande lavoro su tutti i fronti sicuramente con enormi difficoltà. Noi diciamo No a polemiche per recuperare qualche tessera o fare la sponda a parti politiche che usano la questione dei profughi per fare propaganda». Leggi il comunicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: