Libera Como/ episodio inaccettabile, sostegno a Como senza frontiere

libera_como.jpgIl Coordinamento provinciale di Libera a Como e il Presidio “Gianluca Congiusta e Lollò Cartisano” di Cantù condannano fermamente i fatti avvenuti la sera di martedì 28 novembre, con l’interruzione dell’Assemblea di Como Senza Frontiere da parte del Fronte Veneto Skinheads.

È intollerabile che una libera e pacifica riunione venga interrotta con l’intimidazione e la minaccia, modalità che ricordano sia i periodi più bui del nostro passato sia i peggiori momenti del nostro presente. I partecipanti a tale azione hanno agito con una mancanza di rispetto totale nonché apertamente ammessa e sottoscritta: ciò sottolinea ulteriormente quanto tali episodi siano completamente inaccettabili, a prescindere da qualsiasi supposto “contenuto” di queste “provocazioni”.
Quanto accaduto è un fatto gravissimo e allarmante che impone a tutti i livelli e ambiti della società la necessità di una profonda riflessione sulle azioni da intraprendere per evitare che i valori della democrazia e
della convivenza civile diventino, da caposaldi essenziali della nostra società, elementi derogabili a seconda delle circostanze.
Per questo esprimiamo il nostro appoggio a tutte le persone che martedì sono state interrotte. La loro reazione pacata e dignitosa alle provocazioni subite deve essere di esempio per tutti coloro che condividono i valori della democrazia.
Auspichiamo, infine, anche la ferma reazione di tutto il mondo politico affinché, inequivocabilmente e senza esitazioni, prenda le distanza da tali fatti e adotti le dovute misure per evitare che analoghi episodi si ripetano in futuro.

Stefano Tosetti – Referente per la provincia di Como
Matteo Mascheroni – Referente per il presidio di Cantù

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: