Giorno: 21 Maggio 2018

26 maggio/ “Amore non ne avremo”

32969688_978276395630830_7465216849135796224_o.jpg

9 Maggio 1978-2018 :A 40 anni di distanza in ricordo di Peppino Impastato e Aldo Moro, il Teatrogruppo popolare riporta in scena, sabato 26 maggio alle 21 alla Piccola accademia (via Castellini 7 a Como), il suo spettacolo “Amore non ne avremo”,  pièce  selezionata da Artevox nel 2008 per ricordare la data del 9 maggio ’78, giorno in cui coincisero tristemente la morte di Peppino Impastato e quella di Aldo Moro.


(altro…)

25 maggio/ Assemblea provinciale di Potere al popolo!

potere al popoloIl coordinamento di Potere al Popolo!  – Como e provincia si riunirà venerdì 25 maggio alle 21 al salone dell’ Associazione Alfonso Lissi a Como (via Ennodio 10) per discutere della fase politica ed organizzare le attività territoriali delle prossime settimane, a partire dalle campagne di raccolta firme per le proposte di legge: #Articolo81 , #LeggeElettorale#LipScuola e #MaiPiùFascismi. Vai all’appuntamento Facebook dell’assemblea. [Potere al popolo Como e provincia] [AF, ecoinformazioni]

ecoinformazioni on air/ Snooze

Il  servizio di Gianpaolo Rosso in onda il 21 maggio alle 6,45 a Snooze su Radio Popolare.  L’arte dell’accoglienza. Parliamo di san Francesco non della vita del poverello d’Assisi, ma di poveri e di una ex chiesa dedicata al santo.

Sono senzatetto, sono già lì, dormono al riparo del portico dell’ex chiesa San Francesco a fianco del Tribunale e al centro Cardinal Ferrari in città dove molti di loro venivano ospitati con l’emergenza freddo fino alla fine di aprile. Sono lì e vengono aiutati da Como accoglie che insieme a loro provvede perché il sito venga lasciato pulito e ordinato.

Quel portico ospita da anni senza tetto, in alcuni periodi pochi, ora con l’aggiungersi agli italiani di migranti che non trovano spazio nelle strutture dell’accoglienza che non c’è gli ospiti arrivano a qualche decina mentre altri devono accontentarsi di ripari ancora peggiori.

Il luogo centralissimo è proprio quello dove si svolse il 23 dicembre il bivacco solidale contro l’ordinanza del sindaco di Como Mario Landriscina contro i poveri ed è proprio il luogo dove i vigili urbani della città impedirono ai volontari persino dal distribuire latte caldo a chi avanti a San Francesco aveva trovato riparo in una gelida notte d’inverno.

La proposta di Como senza frontiere è semplice. Basterebbe aprire una porta. Il portico prelude alla chiesa che, vuota e quasi sempre chiusa salvo per qualche giorno di mostre, è uno spazio comunale mai come in questo momento adatto a essere vitale per alcuni cittadini.

La proposta di Como senza frontiere – la rete che raggruppa una quarantina di organizzazioni, dalla Cgil a partiti della sinistra, dal Coordinamento comasco per la Pace all’Arci dai Comboniani alla scuola di italiano della parrocchia di Rebbio – vuole non solo aprire quella porta e offrire un giaciglio più sicuro e confortevole ai senza fissa dimora, ma anche iniziare una collaborazione tra arte e accoglienza che sarebbe laboratorio di quella contaminazione culturale indispensabile quando si affronta il tema immigrazione.

Infatti se la richiesta al Comune è solo di aprire quella dannata porta e permettere al volontariato di operare in un contesto dignitoso evitando a una delle città più ricche del pianeta la vergogna di bivacchi in strada manifesto dell’indifferenza violenta del centrodestra comasco, alla città e agli artisti viene chiesta partecipazione attiva per costruire insieme L’arte dell’accoglienza a San Francesco. [Gianpaolo Rosso, ecoinformazioni]

Per il Lario si può e si deve fare meglio

20180519_095143.jpg

Nella mattina di sabato 19 maggio si è tenuta, nel salone Bosisio della Ca’ d’industria di Como, il convegno “Como città d’acqua”, organizzato da Legambiente Como e Legambiente Lombardia le cui rispettive presidenti, Chiara Bedetti e Barbara Meggetto, hanno introdotto e moderato gli interventi e costituito dagli interventi di Pietro Genoni e Fabio Buzzi, referenti del Centro regiornale dei laghi di Arpa Lombardia, da Roberta Bettinetti, professoressa associata e ricercatrice del dipartimento di Scienze teoriche e applicate  dell’Università degli studi dell’Insubria, e da  Stefania Di Vito, responsabile della Goletta dei laghi, il cui rapporto per il 2018 è atteso per la prima metà di luglio. Numerosi anche gli interventi del pubblico, composto di circa trenta persone, a dimostrazione dell’interesse verso lo stato di salute del Lario, principale caratteristica del paesaggio comasco a cui gli abitanti della zona – commenta Bedetti in apertura –  «guardano con un misto di amore e odio».

(altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: