Csf

Ancora folgorati dall’Europa

«Le frontiere continuano a ferire e uccidere. È della serata di sabato 4 settembre la notizia che un uomo è rimasto folgorato alla stazione internazionale di Chiasso mentre si trovava sul tetto di un treno. Quasi meccanicamente, le fonti giornalistiche aggiungono che quella persona, di cui tuttora si ignora l’identità, dovrebbe essere un “migrante” che cercava di passare “illegalmente” la frontiera.

(altro…)

A Como per la pace e i diritti in Palestina

Anche Como è scesa in piazza per chiedere la cessazione delle violenze israeliane sul popolo palestinese e la tutela dei diritti umani nei territori occupati. Almeno 300 persone, molte delle quali seconde e terze generazioni di origine araba e mediorientale hanno manifestato domenica 16 maggio pomeriggio in piazza Cavour.

(altro…)

Video/ Diritti, giustizia, Pace

Centinaia di persone, distanziate per le norme covid, hanno riempito domenica 16 maggio piazza Cavour a Como, rispondendo all’invito di Como senza frontiere per la Palestina. In piazza la solidarietà e il pacifismo insieme a tanti ragazzi e regazze palestinesi e di tante nazioni. Presto on line l’articolo di Pietro Caresana e sul canale di ecoinformazioni i video degli interventi.

(altro…)

Video/ Csf per i diritti con l’Arci gay

Anche Como senza frontiere ha partecipato all’iniziativa Dalla parte dei diritti dell’Arci Gay di Como in piazza a Como sabato 17 ottobre. Il video dell’intervento di Fabrizio Baggi di Csf.

Presto on line sul canale di ecoinformazioni altri video dell’iniziativa.

Non solo freddo, non solo di notte

«Per i diritti delle persone senza dimora. La dichiarata disponibilità di uno spazio pubblico per la realizzazione di una struttura da dedicare alla cosiddetta “emergenza freddo” per il prossimo inverno ormai incombente è ovviamente una buona notizia, perché offre un riparo per la notte a persone che nelle vicissitudini della loro vita si trovano a essere senza dimora.

(altro…)

La prossima Como/ Locatelli rimanga umana

Il portavoce de La prossima Como Luigi Nessi si rivolge alla vicesindaca e plenipotenziaria della Lega al Comune di Como con un accorato appello perché resti umana. «Capisco che in questi giorni caldi – sto parlando di situazione meteorologica – tutti possano avere colpi di sole e non riuscire ad essere razionali.

(altro…)

Jacopo Mascheroni assolto

Foto Luigi Nessi per ecoinformazioni.

Assoluzione totale, il fatto non sussiste: questa la sentenza pronunciata il 24 giugno mattina, al Palazzo di giustizia di Como, che non solo scagiona Jacopo Mascheroni, imputato per violazione di foglio di via, ma è anche un importante segnale per chi crede che la solidarietà sia un valore da perseguire al di là delle imposizioni politiche ed istituzionali.

(altro…)

Video/ Giustizia è fatta/ La Pace non si condanna/ Jacopo assolto

Ha vinto Jacopo, ha vinto la Costituzione, hanno vinto la legalità, l’umanità e il diritto. Hanno vinto i Diritti umani. Si è concluso alle 9,30 di lunedì 24 giugno al Tribunale di Como nel migliore dei modi il processo a Jacopo Mascheroni “reo” di aver partecipato alla Marcia della Pace del gennaio 2017 e ancor più “reo” per essere stato solidale con i migranti della Stazione San Giovanni nel 2016 ottenendone un foglio di via, oggi evidentemente dichiarato illegittimo. Attendiamo le motivazioni della sentenza ma l’assoluzione “perché il fatto non sussiste” decisa dalla giudice Maurizia Vezzoli, in contrasto con i due mesi di carcere chiesti dalla Pm M. Alessandra Bellù, sono il segno che la legge esiste e non segue gli umori nefasti governativi che considerano criminale solidarietà, umanità e impegno per i diritti umani.

Foto Luigi Nessi per ecoinformazioni

Grande soddisfazione per i tanti e le tante presenti al processo amici/che di Jacopo, esponenti del Prc e di Si, de la Prossima Como, di Csf, Arci, Como Accoglie, Scuola di cittadinanza di Rebbio, Scout, e tanti altri tra i quali don Giusto della Valle. Grande apprezzamento anche per il lavoro svolto dall’avvocato difensore Eugenio Losco che ha saputo illustrare alla giudice i motivi non solo dell’inesistenza del reato di partecipazione a manifestazione della Pace ma anche l’assoluta illegittimità del foglio di via che aveva ingiustamente colpito Jacopo limitandone la libertà di movimento. [Gianpaolo Rosso, ecoinformazioni]. On line su ecoinformazioni anche l’articolo di Pietro Caresana. Guarda anche l’articolo e i video sulla serata del 23 giugno.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: