L’altra Europa

Omaggio agli eroi della lotta alle mafie

laltra-europa-con-tsiprasCon una nota di Fabrizio Baggi e Massimo Lozzi  L’altra Europa di Como ricorda l’uccisione di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Leggi  il comunicato.

«Ricorre oggi il ventitreesimo anniversario della strage di Capaci dove il 23 maggio 1992 sull’autostrada A29, per mano di un vile attentato Mafioso persero la vita Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro.

Il Comitato comasco Altra Europa vuole rendere omaggio agli eroi della lotta alle mafie, servitori dello Stato che hanno dato tutto, fino a pagare con la loro stessa vita, per la ricerca continua della giustizia e della legalità purtroppo, in troppe occasioni, lasciati soli.

Giovanni Falcone in una delle sue ultime dichiarazioni pubbliche ha detto “La mafia verrà realmente sconfitta solo quando ci sarà una vera rivoluzione culturale” che porti le cittadine ed i cittadini a condannare ogni tipo di compromesso anche se apparentemente vantaggioso.

Ancora oggi, ed in particolar modo in Lombardia, la criminalità organizzata dilaga senza freni e più che di infiltrazione mafiosa si può parlare senza alcun indugio di prevaricazione mafiosa.

La ndrangheta, che nella ridente Brianza la fa da padrona, non si limita più alle attività illegali a cui negli anni ci ha abituati come spaccio, pizzo, sfruttamento della prostituzione e traffico d’armi ma si è radicata in maniera esponenziale in attività “lavandino” quali i compro oro e le sale slot, nel mondo del lavoro somministrato, negli appalti per le cosiddette grandi opere ed in alcuna mala politica, senza ricevere da chi avrebbe dovuto farlo particolari contrasti. Si pensi solo a quanta ostilità esiste nei confronti del prezioso lavoro che sta svolgendo da anni Nino di Matteo mediante le indagini sulla “trattativa”.

Il compito di tutte e tutti noi deve essere quello di rifiutare, condannare con forza e denunciare ogni tipo atteggiamento mafioso, di qualsivoglia natura esso sia.

Per fermare Giovanni Falcone cosa nostra ha avuto bisogno di utilizzare 15 quintali di tritolo.

Facciamo in modo che il sacrificio di eroi di questo calibro non sia stato vano.

Auspichiamo infine di vivere in un Paese dove lo Stato contrasti con leggi, norme e metodo di azione la criminalità organizzata, mettendo le forze dell’ordine e le istituzioni – in cui crediamo fermamente – in condizioni tali di poter svolgere il proprio importantissimo lavoro». [Fabrizio Baggi e Massimo Lozzi  L’altrA Europa di Como]

11 febbraio/ L’altra Europa per la Grecia

VolantinoDifendiamociBAnche a Como L’altra Europa con Tsipras si mobilita a sostegno della Grecia e del suo governo in occasione della riunione dell’Eurogruppo di mercoledì 11 febbraio. A Como si volgerà mercoledì 11 dalle 10 alle 12.30 un volantinaggio in piazza Perretta, davanti alla sede della Banca d’Italia. 

16 dicembre/ Che fine ha fatto L’altra Europa?

laltra-europa-con-tsiprasC’è la speranza che le trasformazioni in corso in Grecia e altrove aprano spazi per una sinergia nuova tra forze politiche, movimenti, persone. E’ il progetto anche dell’Altra Europa che vuole uscire da una fase travagliata di difficoltà determinate dal vertice nazionale che ha dato spunto alle consuete polemiche tipiche  della tendenza autolesionistica e talora settaria della sinistra radicale italiana e ha appannato l’immagine e l’azione politica della lista che era riuscita con Tsipras nel miracolo di mettere insieme Sel, Prc e aggregarvi per raggiungere il 4 % alle europee persone di sinistra che non si sentono rappresentate da nessun partito.  Appuntamento martedì 16 dicembre alle 20.45 alla ex Circoscrizione 6  di Via Grandi 21 per l’incontro aperto  Che fine ha fatto L’altra Europa? Le ragioni per un Soggetto politico nuovo: democrazia, giustizia sociale, ambiente, legalità, pace e disarmo. Il comitato comasco «In vista dell’assemblea nazionale ritiene importante confrontarsi con chi guarda con interesse al nostro percorso verso la costruzione di un soggetto politico nuovo». Info: http://altraeuropacomo.wordpress.com

Video/ L’altra Europa per la Pace in Palestina


Maltese BoliniPnagopulos

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con il dibattito Il ruolo dell’Europa negli scenari di guerra si è approfondito il ruolo de L’Altra Europa per fermare il massacro dei palestinesi a Gaza. La proposta di Giuliana Sgrena di una delegazione di parlamentari europei e nazionali per dare risalto alle voci contro la violenza e la guerra si è articolata con l’idea largamente condivisa che oltre che i parlamentari siano importanti le voci della società civile ed in particolare quelle degli ebrei e degli israeliani contro la guerra. L’incontro di Firenze nel circolo Arci dell’isolottoa Firenze ha visto la partecipazione di un centinaio di persone  e gli interventi di Riccardo Chiari, Curzio Maltese [parlaentre europeo de L’altra Europa con Tsipras], Raffaella Bolini, Tommaso Fattori, Argiris Panagopoulus.  Guarda i video di alcuni passi degli interventi.

 

 

La speranza e l’urgenza de L’altra Europa/ Lo sguardo degli assenti

éNella rubrica Note in condotta della rivista comasca école il vicedirettore Andrea Bagni, all’indomani dell’assemblea de L’altra Europa del 19 luglio,  osserva come «sia  importante semplicemente offrire una alternativa a questo modello renziano “simpaticamente” iperliberista e post-democratico. E invece non è affatto semplice. Oppure è la semplicità difficile a farsi. Lo dimostrano le vicende dell’Altra Europa con Tsipras, per quanto rappresentino un barlume di speranza in questa notte». […] «E però c’è anche una urgenza. Che non è tanto la scadenze delle regionali o roba del genere. Anzi sarebbe magnifico se fosse possibile una moratoria da quelle scadenze (ma non lo è, temo). È che lo sguardo degli assenti, cioè di tutti noi, dentro, vive una emergenza. Di cultura, lavoro, democrazia. Non abbiamo un tempo infinito, non possiamo creare luoghi fluidi solo per continuare altrove i percorsi di sempre. Tipo, se va male si torna lì, teniamoci buona l’organizzazione e la bandiera, non rischiamo troppo. Secondo me nessuno dovrebbe immaginare di poter raccogliere i cocci di un ennesimo fallimento». Leggi su école l’articolo.

L’altra Europa/ Moni Ovadia contro lo sterminio a Gaza/ La relazione di Marco Revelli

gazaaltraeuropageneraleL’assemblea de L’altra Europa del 19 luglio a Roma ha visto una grande partecipazione e attenzione al dramma del popolo palestinese. [Foto L’altra Europa con Tsipras Roma].

Leggi la relazione di Marco Revelli all’assemblea  del 19 luglio che partendo dall’analisi dei dati elettorali alle europee guarda al futuro ritenendo irreversibile la crisi delle forme partitiche novecentesche e contemporaneamente ribadendo che senza l’apporto dei partiti della sinistra italiana mai si sarebbe potuto raggiungere l’obiettivo del quorum.  Nel finale della relazione l’invito all’unità nelle diversità degli attivisti  de L’altra Europa: «Ce n’è abbastanza per lasciare da parte i dettagli, su cui spesso ci dividiamo, e concentrarci sulle cose importanti, su cui è indispensabile che ci uniamo».

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: