Un ordine del giorno per la variante della Tremezzina

variante-tremezzinaBraga e Guerra: «L’accoglimento con parere favorevole del vice ministro Stefano Fassina nel corso dell’esame in Aula della Legge di stabilità, rappresenta un ulteriore passo in avanti per la realizzazione di un’opera fondamentale per il territorio del lago di Como».

Durante la discussione della Legge di stabilità: «I deputati comaschi del Partito democratico Mauro Guerra e Chiara Braga hanno presentato un ordine del giorno sulla variante della Tremezzina,sottoscritto anche dall’esponente leghista Nicola Molteni».

«La strada statale n. 340 “Regina” costituisce una importante arteria di collegamento internazionale con la Svizzera ed il nord Europa, oltre ad essere l’unica via di collegamento dei e tra i paesi del lago e via di accesso alla Valchiavenna e alla Valtellina, che risulta tuttavia, e i frequenti cedimenti e franamenti sono lì a dimostrarlo, del tutto inadeguata sia sotto il profilo delle dimensioni, sia per quanto riguarda l’attraversamento dei centri storici abitati, che per le suecondizioni strutturali e la situazione idrogeologica del sedime spondale su cui si appoggia» recita un comunicato dei parlamentari democratici per spiegare la necessità della variante della Tremezzina.

«Nel 2007 tra il Ministero delle Infrastrutture, Anas, Regione Lombardia, Provincia e Camera di commercio di Como, è stata sottoscritta una Convenzione recante impegni per la progettazione e il finanziamento della cosiddetta variante variante della Tremezzina della SS340 nel tratto Colonno-Griante – dichiaran Guerra e Braga –. Nel 2012 Anas spa ne ha approvato il progetto preliminare d’intervento, mentre nel 2013 è stato sottoscritto un atto aggiuntivo della Convenzione che definisce impegni, modalità e tempistica della progettazione dell’opera, da concludersi entro il marzo del 2014, e impegni per il suo inserimento tra le opere di interesse statale prioritarie nella programmazione Anas, e per il reperimento delle risorse necessarie alla realizzazione».

«L’accoglimento con parere favorevole del vice ministro Stefano Fassina nel corso dell’esame in Aula della Legge di stabilità, rappresenta un ulteriore passo in avanti per la realizzazione di un’opera fondamentale per il territorio del lago di Como – terminato di deputati del Pd –. Con l’odg, infatti il Governo si impegna a dare seguito agli impegni assunti con gli atti convenzionati anche attraverso la promozione di una verifica congiunta con gli stessi enti sottoscrittori (Ministero delle infrastrutture, Anas, Regione Lombardia, Provincia e Camera di commercio di Como) finalizzata a concordare tempistica, modalità procedimentali e di reperimento delle risorse necessarie alla realizzazione dell’opera» (l’ordine del giorno). [md – ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: