Giorno: 10 Luglio 2014

Passa il Regolamento per la Iuc

8 COMOCOMUNELa maggioranza a Palazzo Cernezzi approva le norme per l’Imposta unica comunale, si inizia a parlare di aliquote.

 

E’ proseguita la discussione del Consiglio comunale comasco sul Regolamento che dirime l’Imposta unica comunale. Una lunga discussione ripresa dalla metà circa degli emendamenti presentati, per lo più bocciata dalla maggioranza che guida la città, salvo delle correzioni formali, presentate da Gaimpiero Ajani, Lega, e la proposta di Ada Mantovani, Adesso Como, di «andare incontro in una situazione di difficoltà delle aziende» sul pagamento dell’Imu. Scontate le dichiarazioni di voto. Diego Peverelli, Lega, si è nuovamente lamentato di aver ricevuto all’ultimo minuto la documentazione, «avete bocciato tutti gli emendamenti» ha aggiunto Luca Ceruti, M5s, «i cittadini pagano per dei servizi che non vengono poi garantiti – ha aggiunto Mario Molteni, Per Como –, come per i cimiteri». «Il Bilancio è stato presentato all’ultimo e diviso in pacchetti» ha proseguito Laura Bordoli, Ncd, mentre per Sergio Gaddi, Fi, «siamo di fronte al più grande aumento di tasse che la città abbia mai visto». Al voto l’opposizione ha quindi votato compatta contro il provvedimento sostenuto da tutta la maggioranza.

 

Aliquote

Il sindaco Mario Lucini, nelle vesti di assessore al Bilancio, ha quindi presentato la delibera sulle aliquote e le detrazioni per le tasse comprese nel Regolamento approvato poco prima. Il primo cittadino avrebbe voluto discutere anche la delibera successiva sull’Irpef in un’unica tranche, ma la riunione dei capigruppo precedente la discussione ha chiesto esplicitamente, sia dall’opposizione che dalla maggioranza, di discutere come da ordine del giorno e separatamente i due documenti.

Lucini ha ripercorso la storia degli ultimi anni di tasse e spese e il tentativo di ridurre queste ultime fatto dalla sua amministrazione. Una situazione difficile di fronte al continuo variare della normativa e l’introduzione di novità come il fondo di solidarietà «di cui nessuno è in grado di spiegare il meccanismo e l’entità». Il sindaco ha infatti ricordato come città simili per numero di abitanti paghino cifre notevolmente diverse: Busto 1,8 milioni, Varese 3,8 milioni, Como 8,8 milioni di euro. Un cifra che se sommata ai mancati trasferimenti porta a un enorme aggravio delle casse comunali.

«Questa spending review che avete cercato di fare ha inciso molto poco» ha detto dai banchi dell’opposizione, iniziati gli interventi, Francesco Scopelliti, Ncd, che ha proposto di riprendere in mano l’intero Bilancio e ripensarlo interamente «per ripartire in modo diverso per non arrivare a un muro contro muro con la città. La seduta è stata poi sospesa data l’ora. [Michele Donegana, ecoinformazioni]

Tassa rifiuti a Como

cernezziA casa il bollettino con l’importo dovuto, calcolato in base a persone, metri quadri e per le utenze non domestiche alla quantità prodotta.

 

tari 2014 como domestiche«Pagamento dell’acconto entro il 16 ottobre (solo per quest’anno poi dall’anno prossimo sarà il 16 maggio) e pagamento del saldo entro il 16 dicembre – precisano da Palazzo Cernezzi –. Gli importi dovuti – stiamo parlando della tassa rifiuti (Tari) – saranno indicati sul bollettino già precompilato, che i contribuenti riceveranno direttamente a casa. Per quanto riguarda le tariffe, la giunta, su proposta dell’assessorato al Bilancio, ha deliberato oggi [martedì 9 luglio] le modalità. Per le utenze domestiche (il calcolo viene effettuato sulla base dei metri quadri e del numero delle persone) gli importi dovuti quest’anno saranno in riduzione rispetto al 2013 (non ci sono più, infatti, i 30 centesimi a metro quadro che l’anno scorso erano stati inseriti e destinati allo Stato). In riduzione, per la maggior parte, anche le utenze non domestiche, fatta eccezione per alcune categorie che pagano in ragione della quantità dei rifiuti prodotti (supermercati, mense, ristoranti…). Alla base del calcolo c’è il piano finanziario del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti che per il 2014 ammonta a 13.019.241,00 e che, da normativa, deve essere integralmente coperto dalla tariffa. Per quanto riguarda le tari como 2014 non domesticheriduzioni e le agevolazioni, esse sono contenute nel Regolamento per la Iuc – l’imposta unica comunale, che comprende la componente patrimoniale costituita dall’imposta municipale propria (Imu) e la componente servizi, articolata a sua volta nel tributo per i servizi indivisibili (Tasi) e nella tassa sui rifiuti (Tari) – che è attualmente in discussione in consiglio comunale. In particolare è prevista l’esenzione dalla Tari per le famiglie con Isee non superiore a 5mila euro. Riduzioni del 10% sono previste per le utenze domestiche per le abitazioni utilizzate stagionalmente od altro uso limitato e discontinuo (non superiore a 183 giorni nell’anno solare); riduzioni del 10% sono altresì previste per le case occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora, per più di sei mesi all’anno, all’estero. Per quanto riguarda le utenze non domestiche, la tariffa è ridotta del 30%, nella parte fissa e nella parte variabile, ai locali e alle aree scoperte adibite ad uso stagionale o ad uso non continuativo (purché non superiore a 183 giorni nell’anno solare). Sconti sono stati previsti anche per le scuole pubbliche non statali e per le scuole paritarie, di ogni ordine e grado». [md, ecoinformazioni]

Accordo tra Confcommercio e Consulenti del lavoro comaschi

firma Primavesi FrigerioUna intesa per: «Più servizi per le imprese e corretta applicazione dei Ccnl del terziari».

 

«È stato firmato oggi [giovedì 10 luglio], da Giansilvio Primavesi, presidente di Confcommercio Como e Paolo Frigerio, presidente dell’Ordine dei consulenti del lavoro di Como, un importante accordo tra l’Ordine dei consulenti del lavoro e Confcommercio Como – spiega una comunicato stampa –. La firma, avvenuta nel corso di un incontro al don Guanella di Como, innanzi ad una platea di consulenti del lavoro, costituisce un momento importante nella collaborazione tra le due realtà, già caratterizzate da ottimi rapporti, come hanno sottolineato Primavesi e Frigerio e implica tra i vari punti, da parte dell’Ordine dei consulenti del lavoro, l’impegno ad una corretta e completa applicazione dei Ccnl del terziario e del turismo, di cui Confcommmercio è firmataria. Il protocollo siglato va infatti nella direzione da sempre sostenuta da Confcommercio Como di fornire più servizi e valore aggiunto alle imprese associate».

Per Frigerio «La collaborazione con Confcommercio Como dura da sempre ed è caratterizzata da ottimi rapporti e scambio di informazioni» a cui ha risposto Primavesi «La stipula dell’accordo di oggi rafforza questo rapporto con l’Ordine, che è necessario ed utile se si pensa alle difficoltà che i commercianti incontrano quando vogliono assumere, ad esempio, un apprendista. Accordo che è molto importante per la corretta applicazione dei contratti di cui siamo firmatari».

Con questo accordo Confcommercio Como: «Si impegna a mettere a disposizione dell’Ordine e dei suoi iscritti una serie di strumenti operativi per l’assistenza alle imprese dei settori da essa rappresentati, come l’invio di aggiornamenti dei contratti collettivi nazionali e di secondo livello di cui Confcommercio è firmataria; la realizzazione di eventi formativi/ informativi annuali sulle tematiche inerenti il mondo del lavoro, anche finalizzati al riconoscimento di crediti formativi; attività formative rivolte al personale dipendente delle aziende clienti degli iscritti all’Ordine dei Consulenti del lavoro di Como; accesso a Fidicomtur, cooperativa di garanzia di Confcommercio Como e al patronato Enasco, per ciò che attiene ai rapporti con l’Inps; invio dell’House Organ Il Faro e accesso all’area riservata del nuovo sito web di Confcommercio Como». Da parte sua invece l’Ordine dei consulenti del lavoro di Como: «Si impegna all’applicazione completa ed esatta dei Ccnl del terziario e del turismo».

«L’intesa è molto importante per tutte le imprese rappresentate – ha concluso il direttore di Confcommercio Como Graziano Monetti –. Essere uniti è fondamentale affinché si concretizzi l’esatta applicazione del Ccnl di riferimento». [md, ecoinformazioni]

Cimiteri a Como: assunzioni a tempo determinato

cimitero di comoIl Comune ha deciso l’assunzione per 18 mesi di tre nuovi addetti e la proroga fino a fine anno dell’appalto di manutenzione ordinaria per la pulizia.

 

«Abbiamo autorizzato un’integrazione degli interventi per circa un mese in modo da consentire ai 3/4 operatori effettivi in servizio il godimento delle ferie – afferma l’assessore ai Servizi cimiteriali del Comune di Como Marcello Iantorno –. Sarà quindi dato un incarico esterno per la tumulazione delle salme per la durata di un mese al massimo e comunque per il tempo necessario a consentire al nostro personale di andare in ferie. Nel frattempo è stato prorogato l’appalto fino al 31 dicembre per i lavori di manutenzione ordinaria di pulizia, anche per completare le esumazioni iniziate».

Una iniziativa, ammette Palazzo Cernezzi, «per far fronte ai problemi del settore cimiteri, legati soprattutto alla carenza di personale».

Per questo l’esecutivo comasco: «Ha deliberato anche l’assunzione di tre addetti, a tempo determinato per 18 mesi».

«Si deve procedere all’esumazione di oltre ottocento salme per liberare posti soprattutto al Monumentale – termina Iantorno – Nel frattempo dovremo definire una riorganizzazione più generale dei servizi e così avviare a soluzione annosi problemi. Si tratta di un settore molto delicato, lo sappiamo bene e faremo di tutto». [md, ecoinformazioni]

Abbonamento annuale per il trasporto scolastico

bussptA Como i residenti di Camnago, Civiglio, Garzola e Bassone-Sant’Antonio possono partecipare al bando comunale. Domande entro il 21 agosto.

 

«Dovranno essere presentate entro il 21 agosto le domande per l’abbonamento annuale al trasporto pubblico locale – precisa il Notiziario del Comune di Como –. Il beneficio riguarda gli studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado residenti nei quartieri di Camnago Volta, Civiglio, Garzola e zona Bassone-Sant’Antonio, quartieri dove non sono presenti scuole. Le domande dovranno essere presentate al Centro Civico del quartiere di residenza o agli uffici di via Italia Libera, 18/A oppure potranno essere spedite con raccomandata con ricevuta di ritorno (farà fede il timbro postale).Per qualsiasi informazione è possibile rivolgersi al settore Servizi Scolastici del Comune di Como, al numero 031.252681 oppure scrivere all’indirizzo mail careddu.grazia@comune.como.it La modulistica – dove sono specificati criteri e requisiti – può essere scaricata anche da internet dal sito del Comune www.comune.como.it (Albo pretorio On line- Avvisi- Trasporto scolastico per gli alunni residenti in zone svantaggiate)». [md, ecoinformazioni]

Iniziati i primi interventi di pulizia in via per Civiglio

civiglioGiovedì 10 luglio sono incominciati i lavori in corrispondenza del bivio con via Grotta: «Solo a conclusione degli interventi di pulizia – afferma l’ingegner Pietro Gilardoni, dirigente Settore reti e strade del Comune di Como – potremo prevedere la tipologia e l’entità dei lavori da eseguire per la messa in sicurezza del versante. Allo stato attuale non è ancora possibile prevedere, con ragionevole certezza, alcuna data di riapertura della strada». Per motivi di sicurezza il divieto di transito, a causa della frana, per auto e pedoni resta in vigore.

Incarico per i possibili modelli di gestione di Csu

csuPalazzo Cernezzi apre un bando, domande entro il 22 agosto.

 

«Dovranno essere presentate entro il 22 agosto, alle ore 13, le domande per la partecipazione all’avviso pubblico, bandito dal Comune di Como, per il conferimento di un incarico professionale per la valutazione economica assoluta e comparata dei modelli alternativi di gestione dei servizi pubblici locali affidati alla Como servizi urbani – afferma una nota –. Palazzo Cernezzi detiene il 77,15% del capitale sociale di Csu. I criteri di selezione sono indicati nell’avviso pubblicato sul sito internet del Comune all’indirizzo www.comune.como.it(Albo Pretorio on line/Bandi di concorso avvisi di mobilità e selezione). La seduta pubblica per l’apertura delle offerte si terrà il 25 agosto alle ore 12».

«Per ogni alternativa e in modo comparato tra i vari modelli, dovranno essere indicate le conseguenze economiche, finanziarie e patrimoniali per il Comune» spiega ancora il Comune.

«L’incarico consiste nella redazione di un documento che contenga una valutazione economica, patrimoniale e finanziaria dei possibili modelli di gestione dei servizi gestiti da Csu – chiarisce Valeria Guarisco, capo di Gabinetto e dirigente del settore Rapporti con le partecipate del Comune di Como –. Le alternative attualmente ammesse dalla normativa nazionale e comunitaria prevedono la vendita della società e la dismissione degli asset con successiva gestione dei servizi pubblici attraverso affidamenti con gara (appalti e concessioni), la vendita della società e la dismissione degli asset con contestuale affidamento allo stesso acquirente, per un tempo determinato, di alcuni servizi pubblici a rilevanza economica, un partenariato pubblico-privato di tipo istituzionalizzato tramite la creazione di una società mista con socio privato/ gestore dei servizi oppure una gestione diretta dei servizi pubblici a rilevanza economica mediante la trasformazione di Csu in una società cosiddetta in house, ossia una società totalmente pubblica e controllata dal Comune attraverso un controllo analogo a quello esercitato sui propri uffici». [md, ecoinformazioni]

Edilizia scolastica Braga: «Caro Bizzozero… #zerochiacchiere»

zerochiacchiereLa parlamentare del Pd comasca definisce polemiche sterili le affermazioni del sindaco si Cantù su La Provincia.

 

«Il sindaco Bizzozero sta tentando di usare strumentalmente il piano di edilizia scolastica – afferma Chiara Braga, deputata comasca del Partito democratico, componente della segreteria nazionale Pd – fortemente voluto e realizzato dal presidente del Consiglio Renzi per le sue smisurate ambizioni personali in termini di posti da occupare, per farsi pubblicità al solo interesse di lanciare la sua candidatura alla guida della Provincia».

Un comunicato definisce come «solite uscite provocatorie e sterili, ormai simili ad un disco rotto» quanto il «sindaco di Cantù ha rilasciato al quotidiano locale La Provincia di Como».

«A noi del Partito democratico interessa la concretezza della azioni messe in campo dal governo Renzi e la scelta di finanziare gli interventi sulle scuole pubbliche di migliaia di Comuni indipendentemente dal colore politico e dal grado di civismo più o meno autentico di chi li guida, la consideriamo un’opportunità importante e positiva, una misura reale e tangibile nella direzione del cambiamento nel governare il nostro Paese – aggiunge Braga –. Sappiamo da fonti qualificate interne al Miur che l’unità di missione destinata agli interventi in materia di edilizia scolastica risponderà progressivamente a tutte le migliaia di richieste inviate dai Comuni e che la volontà di investire nelle scuole continuerà anche nel prossimo anno».

«Semmai il sindaco Bizzozero avesse voglia di smettere i panni del provocatore e di rinunciare alle polemiche sterili – termina la parlamentare comasca –, sono a completa disposizione per cercare di capire, nei termini della proposta che non conosco formalmente del Comune di Cantù, le ragioni dell’esclusione dal riconoscimento dei finanziamenti e, nel caso, sostenere, come finora ho sempre fatto insieme a tutti i maggiori rappresentanti democratici del territorio, la causa del Comune canturino come quelle degli altri Comuni interessati». [md, ecoinformazioni]

Como: Bilancio di previsione 2014

COMO COMUNE 3La Giunta comasca approva il documento che dovrà ora passare in Consiglio e promette: «Più fondi per le politiche sociali e le manutenzioni».

 

«Più fondi per le politiche sociali e più fondi per le manutenzioni – si legge in un comunicato del Comune di Como –. Queste le voci principali del bilancio di previsione 2014 deliberato oggi [mercoledì 9 luglio] dalla giunta. Sul fronte dei numeri il bilancio 2014, registra 151milioni e 855.938,22mila euro in entrata e naturalmente anche in uscita e un segno negativo con -7milioni e 813.462,18 mila euro alla voce trasferimenti dallo Stato. Per quanto riguarda il programma triennale delle opere, dove sono inseriti tutti i lavori di importo superiore ai 100mila euro, in elenco figurano interventi per la sistemazione straordinaria dei marciapiedi (150mila euro l’importo per il 2014; 470mila euro il totale 2014-2016), per gli asfalti 700mila euro (un milione e 600mila euro il totale 2014-2016), per la manutenzione straordinaria degli impianti di illuminazione (150mila euro l’importo per il 2014; 410mila euro il totale 2014-2016), per la manutenzione straordinaria della pavimentazione del centro città (150mila euro l’importo per il 2014; 610mila euro il totale 2014-2016), per la riqualificazione di piazza Grimoldi e via Pretorio (450mila euro l’importo totale per il 2014), per interventi di mobilità sostenibile (200mila euro l’importo per il 2014; 600mila euro il totale 2014-2016), per la manutenzione straordinaria del verde pubblico (200mila euro l’importo totale per il 2014), per la velostazione per il ricovero delle biciclette a Como Borghi (160mila euro di cui 130mila euro finanziati dalla Fondazione Cariplo), per lavori di manutenzione straordinaria delle case comunali (440mila euro l’importo per il 2014; 840mila euro il totale 2014-2016), per le scuole (un milione e 230mila euro per il 2014, due milioni e 300mila euro il totale 2014-2016), per i muri a lago del lido di Villa Geno (200mila euro per il 2014, 400 mila euro il totale 2014-2016)».

«In elenco – prosegue la nota – figura anche la riqualificazione e la valorizzazione del portico del Broletto per l’allestimento di un punto di informazione turistica (250mila euro l’importo per il 2014; 450mila euro il totale 2014-2016), lavori, definiti insieme agli albergatori e che saranno finanziati attraverso l’imposta di soggiorno. In elenco anche l’intervento su Villa Olmo che ha beneficiato di un contributo dalla Fondazione Cariplo di 5 milioni e 150mila euro».

«I bisogni dei cittadini sono in aumento – afferma il sindaco Mario Lucini –. Ci sono problemi legati alla mancanza di lavoro e della casa e il Comune non può certo tirarsi indietro. Gli sprechi da ridurre sono davvero pochissimi e iI dato vero è rappresentato dal calo dei trasferimenti statali e dall’aumento delle risorse che dagli enti locali vanno allo Stato». [md, ecoinformazioni]

13 luglio/ Il ruolo dei giovani in politica al tempo della rottamazione

festa democratica maslianicoDibattito con Ivan Ongari, sindaco di Suzzara, Federico Broggi, sindaco di Solbiate Comasco, il più giovane della provincia di Como, Daniele Lironi, assessore Urbanistica Cernobbio, Daniela Gerosa, assessora Mobilità e trasporti Como, introduce Chiara Braga, deputata e membro della Segreteria nazionale Pd, domenica 13 luglio alle 19 alla festa Democratica di Como all’Area feste del comune di Maslianico in via Burgo. Alle 21 maxischermo con la finale dei mondiali, per tutta la serata in funzione servizio di cucina e bar.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: