Giorno: 11 Giugno 2018

L’Arci a Como e in tutta Italia contro razzismo e xenofobia di governo

Dal governo comportamento incivile che non tiene conto delle vite umane. Mobilitarsi e reagire è il dovere di chi crede in una cultura solidale. Contro ogni frontiera, restiamo umani. #Apriteiporti.Dichiarazione di Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci. (altro…)

12 giugno/ “Cammina cammina”

35051655_997740027017800_8076475619744940032_o

Dopo l’anteprima al parco di Villa del Grumello, il Teatrogruppo popolare porta in scena, martedì 12 giugno alle 21 alla Piccola Accademia di via Castellini 7 a Como,la versione integrale di “Cammina Cammina”: lo spettacolo di fine anno del secondo e del terzo anno dei corsi di teatro  2017/18, scritto e diretto da Giuseppe Adduci con l’assistenza di Olga Bini.

(altro…)

Impossibile tacere

Abbiamo visto recentemente  Matteo Salvini a Como, circondato da un corteo in calore, un trionfo che non dovete definire “ imperiale”, perché, nonostante la recente conquista di Roma e la frettolosa cancellazione della parola nord dal simbolo elettorale, l’anima leghista continua  a essere francamente razzista anche tra italiani. (altro…)

18 giugno-13 agosto/ “Sdrive-in”

ccf.jpgAll’Open Lido di Villa Geno a lungolago viale Geno 13 a Como, per ogni lunedì dal 18 giugno al 13 agosto alle 21.30 il circolo Arci Xanadù da il via a Sdrive-In cult movies sulla sdraio. Ingresso intero 7 euro, ridotto soci Arci 6 euro. A dare il via sarà Moonrise Kingdom di Wes Anderson.

 

12 giugno/ “Dawla”

fh.jpgL’incontro con Gabriele Del Grande giornalista e scrittore per la presentazione del suo libro “Dawla. La storia dello Stato islamico raccontato dai suoi disertori” sarà alle 21 alla parrocchia di Sant’Orsola in viale Lecco 125. A cura di Caritas Como, Symploké, Ipsia Como, Coordinamento comasco per la Pace, Paoline Como e Il Settimanale della diocesi di Como. Dawla in arabo significa Stato ed è uno dei modi in cui gli affiliati dello Stato islamico chiamano la propria organizzazione. Questo libro è il racconto delle loro storie intrecciate a quella più grande dello Stato islamico. (altro…)

13, 14 giugno/ “Come un gatto in tangenziale”

come-un-gatto.jpgPer la rassegna 35 mm Sotto il Cielo il circolo Arci Xanadù porta sullo schermo, mercoledì 13 e giovedì 14 alle 21.30 con apertura cassa alle 21 in piazza Martinelli Como, Come un gatto in tangenziale di Riccardo Milani con Paola Cortellesi e Antonio Albanese.

Riccardo Milani, con gli sceneggiatori (oltre a se stesso) Paola Cortellesi, Giulia Calenda e Furio Andreotti, affronta uno dei temi principali di oggi, ovvero l’incomunicabilità fra il centro e la periferia, fra un’alta borghesia intellettuale teoricamente illuminata spesso al vertice delle istituzioni e una piccolissima borghesia che di quelle stesse istituzioni non si fida per niente. Costo biglietto: 7 euro intero, 6 euro soci Arci, 5 euro under 18 e over 65. [dl, ecoinformazioni].

Elezioni Comunali a Lurago d’Erba

35043507_1095273157293042_1727829630527733760_o

Elezioni comunali in controtendenza, quelle di domenica 10 a Lurago d’Erba. In controtendenza rispetto agli ultimi sondaggi nazionali, e anche agli esiti sbandierati di questa tornata amministrativa, che narrano di una Lega pigliatutto forte della poco gioiosa ruspa da guerra di Salvini.

A Lurago la lista Progetto Lurago dell’uscente sindaco Federico Bassani, era infatti sfidata da una lista “civica” con i 3 simboli del centrodestra, la quale è stata letteralmente doppiata (66% a 33%) da Progetto Lurago.

Da notare che rispetto a 5 anni fa la lista vincente ha visto incrementati i propri voti di circa 100 unità, a fronte di un calo nell’affluenza di 350 votanti, segno di un evidente apprezzamento nell’azione amministrativa. Azione che se anche non volessimo definire progressista, quantomeno è stata incentrata sulla cura del bene comune; lo si è visto per quanto riguarda le infrastrutture (oltre alla riqualificazione del centro, gli interventi di ristrutturazione ed efficientamento energetico di edifici pubblici, in particolare le scuole che attraggono utenza anche da fuori comune); ma lo si è visto anche nella cura della crescita culturale della comunità, con un’offerta ampia e di qualità di serate e incontri, in coordinamento con la Biblioteca Comunale; a questo proposito una ulteriore buona notizia è che sia stato rieletto in Consiglio Comunale l’attivo presidente della commissione biblioteca Giovanni Molteni (“convinto antifascista e ambientalista, lettore onnivoro”, leggiamo sulla sua scheda di presentazione).

Consiglio comunale che, va detto, grazie anche all’apporto dell’opposizione vede una perfetta parità di genere.

Abbiamo posto al sindaco Bassani un paio di domande di rito:

Quali ritiene siano stati i punti di forza che hanno consentito di mantenere e anzi accrescere il consenso all’amministrazione uscente?

Risponde Bassani “Direi molto semplicemente che l’aumento dei voti in termini assoluti è un segno del fatto che la gente ha apprezzato il lavoro svolto in questi anni non solo nel campo delle opere pubbliche ma anche negli altri settori dell’azione amministrativa e ha premiato anche la serietà delle persone e dei progetti per i prossimi cinque anni.”

Quali sono i punti qualificanti del programma a cui non intendete rinunciare?

“Per quanto riguardo il futuro da domani si inizia a lavorare per dare attuazione al nostro programma con particolare riguardo alla realizzazione della Scuola dell’Infanzia”.

Auguri di altri 5 anni di buona amministrazione, dai quali ci attendiamo nuove offerte sorprendenti dal punto di vista culturale: se la rassegna dedicata agli “anniversari importanti” lo scorso anno ha visto serate dedicate a Gramsci, Don Milani, la Rivoluzione d’Ottobre, quest’anno potrebbe essere lecito attendersi Marx, Martin Luther King, il Sessantotto, senza dimenticare i 90 anni dalla nascita del Che… [federico brugnani, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: