Radar in Tremezzina

tremezzinaLe strettoie della Regina saranno monitorate con 4 sistemi radar, un progetto da 160mila euro, per bloccare il passaggio in presenza di mezzi pesanti.

 

«Il sottosegretario di Stato per le infrastrutture e i trasporti Del Basso de Caro ha recentemente dato risposta ad un’interpellanza urgente a prima firma dei parlamentari comaschi Mauro Guerra e Chiara Braga in merito alla situazione del traffico della strada statale 340 “Regina” – spieg un comunicato –. Nel rispondere all’interpellanza, confermando la consapevolezza del Governo della situazione di inadeguatezza dell’attuale assetto stradale nella tratta Colonno-Griante rispetto alla quale è in via di ultimazione la progettazione definitiva della variante della Tremezzina da finanziarsi nei prossimi contratti di programma Anas, il sottosegretario si è soffermato sulle misure urgenti in corso di attuazione».

«In particolare – prosegue la nota – ha confermato l’intenzione di “integrare i semafori intelligenti, posizionati a monte e a valle delle strettoie che attraversano il territorio della Tremezzina, con un sistema radar in grado di bloccare l’attivazione del via libera semaforico, qualora, nel senso opposto sia fermo un mezzo pesante all’interno del restringimento, fino a che la strettoia non ritorni libera. L’attuazione della prima verifica di tale progetto, che prevede il posizionamento di 4 sistemi radar, da realizzarsi a step successivi (ovvero una strettoia per volta) per un costo di circa 160mila euro da suddividere tra la Regione Lombardia, l’Anas e la Camera di commercio di Como, avverrà entro settembre 2014 con la valutazione e la condivisione del progetto tra Anas, Regione Lombardia e Provincia di Como entro questo mese di giugno”».

«Nella replica Guerra ha preso atto del riconoscimento della gravità della situazione, dell’assunzione dell’impegno di intervento urgente da parte del Governo, ed ha ribadito la necessità di una verifica con Regione Lombardia e gli altri enti firmatari dell’accordo sulle modalità di finanziamento della variante – conclude il comunicato –. Guerra ha inoltre insistito per il reperimento, a breve, di risorse per alcuni fattibili interventi di allargamento di alcuni punti viabilistici particolarmente critici e per la predisposizione di un piano di emergenza che in caso di blocco della Strada statale 36 escluda la deviazione del traffico pesante sulla Regina». [md, ecoinformazioni]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: