Bulgarograsso

28 giugno/ Bulgarograsso/ Nessuno è straniero

Un incontro-dibattito sulle discriminazioni e sui razzismi, giovedì 28 GIUGNO alle 21 nel Salone Oratorio di Bulgarograsso. interverranno Celeste Grossi
(Como senza frontiere, Arci provinciale di Como), Aurora Longo (Avvocata – consigliera comunale a Cermenate). Modera Ferruccio Cotta (Lista Civica Bulgaro Anch’io). Intervento dell’Anpi sezione di Como e del circolo Arci  di Bulgarograsso.

Manifestazione di solidarietà e di sensibilità per garantire a tutte/i forme civili di accoglienza e contro il disprezzo e l’emarginazione.  I cittadini, le associazioni e i consiglieri comunali neo-eletti sono invitati all’iniziativa per testimoniare che le diversità culturali ed etniche, sono una ricchezza per il territorio e non un motivo di conflitto.  L’alternativa alla discriminazione e al razzismo, è costruire un paese solidale, dove vi sia per tutti l’occasione di inserirsi nella comunità. Questa è la ricetta per scacciare crisi e paura in chi, stando seduto sulla poltrona, continua a sua insaputa, ad alimentare una guerra tra poveri!

28 giugno/ Bulgarograsso/ “Nessuno è straniero”

Giovedì 28 giugno alle 21, il salone dell’oratorio di Bulgarograsso (CO), in piazza Risorgimento 1, si terrà Nessuno è straniero: un incontro-dibattito sulle discriminazioni e sui razzismi, una manifestazione di solidarietà e di sensibilità per garantire a tutte e a tutti forme civili di accoglienza e contro il disprezzo e l’emarginazione. (altro…)

Gruppo ambiente Ilaria Alpi/ Si controllino tutti gli impianti di trattamento rifiuti!

Sulla questione dell’incendio all’Ecosfera di Bulgarograsso del 7 febbraio interviene Roberto Fumagalli del Circolo ambiente Ilaria Alpi da sempre particolarmente impegnato nel monitoraggio nella denuncia e nella promozione della cittadinanza attiva contro i danni determinati dalla pessima gestione dei rifiuti nel nostro territorio e sulla denuncia dell’azione criminale delle ecomafie che in questo settore hanno operato e operano. (altro…)

24 novembre/ Bulgarograsso/ Articolo 32

23559500_10213537949237298_621193412556013511_nSi terrà giovedì 24 novembre nella sala consiliare del Comune di Bulgarograsso – via Guffanti, 2 – Articolo 32, incontro organizzato dal gruppo Emergency di Como per offrire un’occasione di approfondimento sul Programma Italia, iniziativa in cui Emergency è attiva dal 2006.
(altro…)

15 ottobre / Bulgarograsso / “Awadhifo. Storia di un grazie sotto il cielo del Congo” al circolo Arci Guernica. Una sintesi dell’intervista a Emanuele Pini

AWADHIFO Arci Guernica 2.jpg

Emanuele Pini, docente dell’Istituto superiore “Matilde di Canossa”, è tornato di recente da un’esperienza volontaria di un anno nella Repubblica democratica del Congo (ex Zaire, ex Congo belga, ndr), motivato da una precedente esperienza in Uganda. In attesa dell’incontro con aperitivo previsto al circolo Arci Guernica di Bulgarograsso per le 18 di domenica 15 ottobre, Alida Franchi ha condotto con lui un’intervista per ecoinformazioni, di cui potete leggere qui un estratto. La versione integrale sarà pubblicata sul settimanale di ecoinformazioni numero 593, previsto per la settimana 16-22 ottobre.

Un anno in Africa: perché?
«Nel 2015 sono partito per un mese di volontariato in Uganda. Questa prima esperienza africana mi ha spinto ad affrontarne una seconda più “immersiva” e di trascorrere un anno a Ariwara, nella Repubblica Democratica del Congo [Rdc da ora in poi, ndr], facendo affidamento alla stessa associazione con ero stato in Uganda [Voica Onlusndr]. In un anno ho svolto le mansioni più diverse per conto dell’ospedale locale, amministrato dall’ordine di suore che era partner in loco del mio progetto di volontariato; comunque mi è capitato di ricoprire brevemente il mio ruolo “di default”, quello di insegnante di latino».

Partendo, eri pronto a ciò che ti aspettava?
«Non proprio! Ho affrontato un breve percorso propedeutico con altri volontari, che però sarebbero rientrati dopo poche settimane. Solo sul posto ho imparato a integrarmi nella comunità locale, e come unico bianco certo non passavo inosservato… soprattutto all’inizio è stata una sfida cambiare abitudini, ma l’atteggiamento che ho incontrato è stato positivo, soprattutto una volta che ho imparato a esprimermi in lingala, la lingua africana parlata anche da quelle parti, e in lùgbara, il dialetto locale. Ho trovato degli amici tra i locali che mi hanno preso in simpatia: ero diventato un “Lugbara bianco”, per così dire…»

Ti è capitato di viaggiare? Che impressioni hai avuto di Ariwara e del Congo?
«Perlopiù rimanevo a Ariwara, che si trova vicino al confine ugandese e non lontano dal Sudan del Sud, ma mi è capitato di recarmi occasionalmente in altre località tra Rdc e Uganda, e nel mese di marzo mi sono preso quattro settimane per visitare il mio paese ospitante.
Ariwara è una piccola comunità relativamente tranquilla e coesa, in cui la Chiesa svolge un’importante funzione di aggregazione sociale, per quanto riguarda i servizi e il tempo libero. C’è però una forte connotazione sincretica nella cultura locale, in cui riti e simbologie di varie correnti cristiane, dell’Islam e dei culti animisti tribali si commistionano in modo interessante e complesso. Poligamia e stregoneria, per fare due esempi, sono elementi radicati della vita pubblica. Mi sono sentito accolto e mi sono affezionato alla comunità mia ospite, ma ho anche osservato elementi critici sia dal punto di vista strettamente sociale, almeno da un punto di vista occidentale – come il forte assetto patriarcale, la stigmatizzazione dei bambini “anomali” e delle loro madri, un alcoolismo incontrollato – , sia legati all’aspetto politico-amministrativo. Mi hanno colpito negativamente l’aggressività e la corruzione delle forze dell’ordine, e c’è pochissima attenzione del governo di Kinshasa verso gli investimenti pubblici, cosa drammaticamente evidente nella sanità e nelle infrastrutture.
Formalmente, la Rdc è una “repubblica democratica” semipresidenziale, nei fatti, l’establishment del presidente Joseph Kabila si avvicina di più a un modello para-dittatoriale. Questo tipo di governo, che poggia su una rete di rapporti clientelari, ha interesse a evitare l’interazione di oppositori reali o potenziali, perciò cerca di dissuadere gli espatri e i contatti con le comunità congolesi in Europa o all’estero, mentre è incoraggiata l’immigrazione, che proviene soprattutto dal Sud Sudan. Esistono enclaves finanziarie ed economiche di occidentali e di cinesi che si concentrano nelle metropoli e nei pressi di alcune miniere, ma l’altissima instabilità politica ha un effetto deterrente sugli investimenti esteri».


Da due mesi sei di nuovo in Europa. Come ti senti?
«Mi colpisce negativamente quella che ormai avverto come… inautenticità: la stessa razionalità che qui governa la realtà, mi sembra, rende le interazioni umane fredde e “meccaniche”, distanti anni luce dalla vitalità a cui mi ero abituato – anche con qualche difficoltà iniziale – in Congo e a Ariwara, la cui comunità mi ha accettato serenamente e dove – magari non subito – farei volentieri ritorno dai miei amici.».
[Alida Franchi, ecoinformazioni]

18 aprile/ Musica e lavoro a Bulgarograsso con l’Arci

esperienzeSabato 18 aprile alle 18 all’area feste di Bulgarograsso in via Cavallina (zona campo sportivo), per il ciclo Esperienze, legato al progetto Bottega Lavoro, l’ Arci Guernica, con il patrocinio del comune di Bulgarograsso, propone la serata Musica al lavoro; un viaggio a suon di note tra chi di musica ci vive, chi la insegna e chi l’amplifica partendo da quella che inizialmente per tutti e’ solo pura passione.

Suoneranno e si racconteranno in questo percorso Il Giudice e Marì, gli Sparkle Sound, i fratelli 7Grani ( reduci dal successo dell’ultimo singolo Ragazza di Nachiino), Luca Lanzi ( voce e chitarra della Casa del Vento) e Francesco Moneti ( violino e chitarre dei Modena City Ramblers). Mixerà e amplificherà la loro musica Sergio il Fonico Seregni. Per la serata sarà attivo un servizio di birreria (birra del Bi-Du) e paninoteca. L’ingresso è libero.

Musica al lavoro e’ parte del progetto Bottega Lavoro di Acli e Arci Como, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che vedrà altri appuntamenti a Olgiate Comasco e a Como.

11 ottobre/ Tal qual sa sôna, sa bâla

paese mille danzeSerata a sostegno di Emergency gruppo di Como con concerta a ballo con il Paese delle mille danze, le musiche e le valli dei paesi del mondo, sabato 11 ottobre alle 21 all’Area feste in via Cavallina, zona campo sportivo, a Bulgarograsso, organizzano Emergency Como, in collaborazione con il comune di Bulgarograsso, e l’associazione Concordanze, il ricavato della serata andrà a sostegno del Centro pediatrico di Bagui in Repubblica Centrafricana. Ingresso ad offerta libera a partire da 5 euro.

Arcifest 2014

arcifst 2014Arriva settembre e come ogni anno torna Arcifest. La festa dell’Arci provinciale di Como, in collaborazione con il circolo Guernica, si terrà a Bulgarograsso, presso l’area feste di via Cavallina (zona campo sportivo) dal 4 al 7 settembre. Ecco il programma: giovedì 4 proiezione del film La mafia uccide solo d’estate di Pif; venerdì 5 serata reggae con Shame & Skandal live, dj set Rising Hope ed esibizione speciale de le Lune al Tempio; sabato 6 tributo a Rino Gaetano con i Vino Raro live, ospiti speciali 7grani; domenica 7 da Gaber a Jannacci con i Dumanbass. Giovedì sarà attivo solo lo spazio bar, mentre da venerdì a domenica dalle 19 sarà in funzione un servizio di griglieria-ristorante e birreria (con birra artigianale del birrificio BiDu). Tutti gli spettacoli avranno inizio alle 21. Venerdì e sabato all’ingresso verrà richiesta una piccola sottoscrizione. Info como@arci.it

30 marzo – 6 aprile/ Giornata del verde pulito nel Parco del Lura

2014gvpDue appuntamenti promossi dal Consorzio Parco del Lura domenica 30 marzo, a Cassina Rizzardi e Rovello Porro, e domenica 6 aprile, a Bulgarograsso, Bregnano, Cadorago, Caronno Pertusella, Cermenate, Guanzate, Lainate, Rovellasca e Saronno.

 

«La Giornata del verde pulito nasce nel 1991 su iniziativa di Regione Lombardia allo scopo di sensibilizzare i cittadini sulle tematiche dell’abbandono dei rifiuti, della loro gestione e del loro corretto smaltimento o riciclo. Una scelta lungimirante, se si pensa quanto questi temi hanno via via acquisito un’importanza sempre maggiore – ricorda un comunicato del Parco del Lura –. Lo spirito dell’iniziativa è quello di portare i cittadini a riappropriarsi del proprio territorio, imparando a considerarlo un bene da amare e mantenere al meglio, partendo dal presupposto che una maggiore cura dei luoghi in cui viviamo comincia dalla buona educazione e dal corretto comportamento di ciascuno di noi, con un vantaggio concreto e tangibile esteso all’intera comunità».

Per questo il Consorzio Parco del Lura si fa promotore, per «famiglie, volontari e associazioni che intendono prendersi cura del patrimonio ambientale»,  «dell’organizzazione di una mattinata di pulizia dei prati e dei boschi che veda i cittadini protagonisti».

«Il 30 marzo la Giornata si svolgerà nei Comuni di Cassina Rizzardi e di Rovello Porro, con ritrovo alle ore 8.30 (rispettivamente nel piazzale della Scuola primaria a Cassina, e presso la Piazzola ecologica a Rovello) – precisa la nota –. Per tutti gli altri Comuni del Parco del Lura, l’appuntamento è per domenica 6 aprile alle ore 8.30 nei seguenti punti di ritrovo: Bregnano, Centro polifunzionale via N. Sauro; Bulgarograsso, Centro civico via del Ravarino; Cadorago, Sede Parco Lura, Caslino al Piano; Caronno Pertusella, Scuola S. Alessandro, via S. Alessandro; Cermenate, piazza Donatori del sangue (p.le Mercato); Guanzate, Area ecologica via Papa Innocenzo XI; Lainate, via Clerici-via Einaudi; Rovellasca, Fontana San Francesco-Parco Burghè, Saronno, ingresso del Parco Lura, via Volpi».

«Tutti i cittadini che vorranno partecipare alle operazioni di pulizia, saranno guidati da volontari e da personale qualificato e verranno dotati di idoneo materiale – conclude il comunicato –.Al termine della mattinata verrà offerta ai partecipanti una piccola merenda, alla cui realizzazione ha contribuito l’In’s mercato di Cadorago».

Per informazioni tel. 031.901491. [md, ecoinformazioni]

8 marzo/ Como-Bangui

080314 emergencyLe parole degli altri, spettacolo teatrale a cura di Arianna Nuzzo e Annalisa Falché, «incentrato sul confronto continuo di due donne alla ricerca della libertà», di seguito testimonianza di Francesca Maggi, operatrice di Emergency, e musica con Mauro Settegrani, sabato 8 marzo alle 21 nella Sala consiliare di Bulgarograsso in piazza Falcone, organizzano Comune e Gruppo Emergency di Como. Per informazioni emergencycomo@hotmail.it.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: