Gabriele Penner

30 maggio/ Conclusione del primo anno del progetto “teatriAMO”

Mercoledì 30 maggio, alle ore 21, si conclude al salone dell’Associazione Alfonso Lissi di Rebbio la prima annualità del progetto teatrale “teatriAMO”, due laboratori teatrali curati dal Teatro d’Acqua Dolce e gestiti dagli operatori teatrali Gabriele Penner e Gianpiera Giorgi. L’attività è promossa dall’Istituto di Storia Contemporanea Pier Amato Perretta, dal Comitato Soci Coop di Como e dall’Associazione Alfonso Lissi.

(altro…)

13 aprile/ Bruno Basile presenta “Napoli. Tremila anni di storia”

unnamed (1).jpg

Venerdì 13 aprile alle 18, al meeting point dell’Hotel Metropole Suisse (via Cairoli 14/16 a Como), il Circolo Cultura e Arte e l’Istituto di Storia contemporanea “Pier Amato Perretta” di Como organizzano la presentazione del libro di Bruno Basile Napoli. Tremila anni di storia (ed.Ecig, collana Dimensione Europa), a cui interverrà l’autore.  (altro…)

7 febbraio/ “Nella pancia della balena”

26231747_1889920904365277_8742248864782391931_n

La sera di mercoledì 7 febbraio a partire dalle 21, l’aula magna della Scuola secondaria di I grado “Antonio Fogazzaro” di Como (via Cuzzi 6)  ospiterà Nella pancia della balena. Canto per le vittime delle foibe, a cura di Gabriele Penner della Compagnia Teatro d’acqua dolce. Seguirà l’incontro con  Roberto Spazzali, storico e ricercatore dell’Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nel Friuli Venezia Giulia.

Un’iniziativa a ingresso libero, organizzata da Anpi provinciale di Como, Associazione Alfonso Lissi, Associazione Italia – Cuba, Spi Cgil Como, Comitato Soci Coop Como, Istituto comprensivo di Rebbio, Istituto di storia contemporanea “Pier Amato Perretta”.
[AF, ecoinformazioni]

25 e 26 gennaio/ Iniziative per la giornata della memoria allo Spazio Gloria e al Salone Lissi

giornata della memoria studenti

Giovedì 25 gennaio, il Circolo Arci Xanadù/ Spazio Gloria ospiterà un ciclo di iniziative organizzate da Flc Cgil, Cisl scuola dei laghi, Uil scuola Rua e Istituto di storia contemporanea  “Pier Amato Perretta” rivolte agli studenti di scuola superiore, in preparazione alla Giornata della memoria per le vittime della Shoah (sabato 27 gennaio).

Alle 9,30, Elisabetta Lombi, storica, terrà la conferenza La responsabilità del fascismo nella persecuzione e nello sterminio degli ebrei. Seguirà il recital Brava gente (la Shoah e i delatori, in Italia), a cura dell’Isc Perretta e della compagnia Teatro d’acqua dolce, in cui alla ricerca drammaturgica di Gabriele Penner (sceneggiatore, regista e co-interprete insieme a Arianna Di Nuzzo) si accompagnerà il contributo scientifico di Lombi e di Roberta Cairoli.

giornata della memoria salone lissi
Italia, 1946. La Seconda Guerra mondiale è finita, i suoi orrori sono ormai noti a tutti. Iniziano i processi al fascismo, ai suoi capi, ai suoi collaboratori.

Come ne L’istruttoria di Peter Weiss, appare drammaticamente chiaro che l’Olocausto non è stato una fatalità, una terribile deriva, ma un progetto “culturale” dichiarato e alimentato in Germania per almeno vent’anni, sotto gli occhi di tutti per così tanto tempo da sembrare alla fine normale, così in Brava gente, con le dovute proporzioni, si vuole approfondire la questione ebraica in Italia, a cui le leggi razziali diedero il la nel 1938, indagando il fenomeno della delazione e delle responsabilità.

Dietro i giornali e sotto i cappelli, prende vita una storia di Italia amara, volutamente dimenticata, l’altro lato della medaglia degli “italiani brava gente”.

Basato su documenti degli anni Quaranta che riguardano anche la città di Como.Brava gente che debutta in prima nazionale in occasione della Giornata della Memoria 2018.

Brava gente sarà replicato per un pubblico generico dalle 21 di venerdì 26 gennaio al salone Lissi di via Ennodio 10 a Rebbio, con il sostegno di Anpi, Associazione Alfonso Lissi, Associazione Italia Cuba, Coop Lombardia e Isc “Pier Amato Perretta”.

Info e prenotazioni: isc-como@isc-como.org
[AF, ecoinformazioni]

A Dongo contro tutti i fascismi

Per la giornata di mobilitazione nazionale “contro tutti i fascismi” indetta il 27 maggio dall’ANPI – Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, la provincia di Como ha scelto Dongo, teatro di uno dei momenti fondamentali per la fine del fascismo nel 1945, ma anche di ripetute provocazioni neofasciste, l’ultima delle quali consumata molto recentemente, il 30 aprile scorso, nell’indifferenza delle autorità amministrative e politiche.

La manifestazione di sabato ha ribadito l’importanza della mobilitazione antifascista, e si è svolta senza alcun problema, ma la non entusiasmante partecipazione (non più di 150 persone nei momenti più “affollati”, e assai pochi i cittadini di Dongo) sottolinea ancora una volta quanto sia lungo e faticoso il lavoro necessario per riportare all’attenzione della gente la necessità di una continua vigilanza contro ogni elemento di neofascismo. Lo hanno sottolineato tutti gli interventi dal palco: quello di Danilo Lillia, segretario della sezione ANPI di Dongo, quello di Guglielmo Invernizzi, presidente provinciale dell’ANPI, quello di Wilma Conti, già staffetta partigiana e ora esponente di punta dell’antifascismo lariano, e quello di Tullio Montagna, presidente regionale lombardo dell’ANPI, il quale ha messo in evidenza soprattutto il ruolo fondamentale nella scuola nella trasmissioni dei valori fondanti della repubblica, dell’antifascismo e della Costituzione.

Molto intensi anche i due momenti di spettacolo, con la Piccola Orchestra Karasciò di Bergamo, e con il Teatro d’Acqua Dolce (Gabriele Penner e Arianna Di Nuzzo) che hanno presentato per la prima volta a Dongo il loro lavoro Tu non sai le colline.

[Fabio Cani, ecoinformazioni]

Alcune immagini della manifestazione:

Danilo Lillia.

La Piccola Orchestra Karasciò.

Guglielmo Invernizzi.

Wilma Conti.

Tullio Montagna.

Teatro d’acqua dolce: Gabriele Penner e Arianna Di Nuzzo.

Tu non sai le colline 

Lo spettacolo di Arianna Di Nuzzo e Gabriele Penner, con l’accompagnamento musicale di Mauro e Fabrizio Settegrani, dedicato alla Resistenza è stato offerto il 21 aprile al mattino alle scuole al Gloria la sera del nel Salone Alfonso Lissi alla città. La serata è stata introdotta da Patrizia di Giuseppe.

Lo spettacolo, promosso da Anpi Provinciale, Associazione Nazionale di amicizia Italia – Cuba, Associazione Lissi, Circolo Sandro Pertini, Cisl Scuola, ComitatoSoci Coop, Istituto di Storia Contemporanea P.A. Perretta in collaborazione con Biblioteca Comunale di Como, racconta la storia della «La Resistenza italiana raccontata attraverso gli autori italiani più amati, un percorso umano, privo di retorica tra la prosa di Cesare Pavese e la sua “casa in collina” e le poesie dello stesso Pavese, di Italo Calvino, di Gianni Rodari, Salvatore Quasimodo, Pier Paolo Pasolini e Pietro Calamandrei. Sullo sfondo la radio, unico mezzo di informazione, a proporre i discorsi del duce Mussolini, gli annunci del generale Badoglio i comunicati del Clnai».

La proposta, che rientra nel progetto “le memorie difficili” del Teatro D’Acqua Dolce,   si  inserisce nelle proposte didattiche dell’Istituto di Storia Contemporanea Pier Amato Perretta di Como.

Guarda sul canale di ecoinformazioni i video dell’iniziativa.

22 aprile/ La Resistenza raccontata

Tu non sai le colline è lo spettacolo di Arianna Di Nuzzo e Gabriele Penner, con l’accompagnamento musicale di Mauro e Fabrizio Settegrani, dedicato alla Resistenza che viene presentato il 22 aprile 2017 alle ore 21 nel Salone “Alfonso Lissi” di Como, in via Ennodio 10 a Rebbio.

Lo spettacolo, promosso da Anpi Provinciale, Associazione Nazionale di amicizia Italia – Cuba, Associazione Lissi, Circolo Sandro Pertini, Cisl Scuola, ComitatoSoci Coop, Istituto di Storia Contemporanea “P.A. Perretta” in collaborazione con Biblioteca Comunale di Como, racconta la storia della «La Resistenza italiana raccontata attraverso gli autori italiani più amati, un percorso umano, privo di retorica tra la prosa di Cesare Pavese e la sua “casa in collina” e le poesie dello stesso Pavese, di Italo Calvino, di Gianni Rodari, Salvatore Quasimodo, Pier Paolo Pasolini e Pietro Calamandrei. Sullo sfondo la radio, unico mezzo di informazione, a proporre i discorsi del duce Mussolini, gli annunci del generale Badoglio i comunicati del CLNAI».

La proposta, che rientra nel progetto “le memorie difficili” del Teatro D’Acqua Dolce,   si  inserisce nelle proposte didattiche dell’Istituto di Storia Contemporanea Pier Amato Perretta di Como.

Per info e prenotazioni tel. 3472681803 (Patrizia Di Giuseppe) o isc-como@isc-como.org o patdig.digiuseppe@gmail.com

 

Valori nel carrello: uno spettacolo sull’idea di cooperazione

La Coop celebra i quarant’anni del suo primo supermercato in Lombardia, inaugurato nell’ottobre del 1975 in quel di Como, zona periferia sud, via Giussani.

Può sembrare – in tempi di iper, centri commerciali e varie altre amenità – un anniversario un po’ curioso, ma si tratta in realtà dell’inizio di una vera e propria rivoluzione dei consumi, anche se – a cose fatte – stentiamo a rendercene conto. Rivendicando una certa diversità nel mondo della grande distribuzione, la Coop di Como celebra i “primi quarant’anni” del suo supermercato con una riflessione storica sul mondo della cooperazione di consumo, che proprio a Como ebbe una delle sue date fondamentali: la costituzione nel 1865 (150 anni fa, dunque) della prima cooperativa basata sui principi dei “Probi Pionieri di Rochdale” grazie all’opera di Francesco Viganò.

La ricostruzione di queste complesse vicende, approfondita ma anche divertita, è stata affidata a uno spettacolo teatrale messo in scena dal Teatro d’acqua dolce diretto da Gabriele Penner: Valori nel carrello – Viaggio alle radici della Coop.

La prima, purtroppo non gratificata da una vasta affluenza di pubblico, allo Spazio Gloria giovedì 15 ottobre 2015, ha mostrato uno spettacolo ricco di spunti e di ironia, di sollecitazioni didattiche, persino di eleganti autocritiche affiancate da accenni promozionali. Tra i problemi del lumpen-proletariat ottocentesco – per dirla con proprietà di linguaggio storico-economico – e quelli del precariato postmoderno di oggi si dipana la vicenda della cooperazione che mantiene nonostante i molti problemi una sostanziale fedeltà agli originari principi democratici di Rochdale e di Viganò.

In sostanza, uno spettacolo che merita di essere visto e diffuso, soprattutto nelle scuole, degno della celebrazione di ricorrenze tutt’altro che marginali. [Fabio Cani, ecoinformazioni]

 

Patrizia Di Giuseppe, della Sezione Soci Coop di Como durante la presentazione dello spettacolo.

Coop-01

Alcuni momenti dello spettacolo

con Valentina Amoretti, Beatrice Marzorati, Gabriele Penner, Davide Scaccianoce.

Coop-02

Coop-03

Coop-04

Coop-05

Coop-06

Coop-07

15 ottobre/ Valori nel carrello. Viaggio alle radici della Coop

Valori nel carrelloIl comitato Soci Coop di Como, in occasione dei festeggiamenti per il quarantesimo anno di attività del punto vendita di via Giussani, invitano a partecipare allo spettaccolo Valori nel Carrello che si terrà giovedì 15 ottobre alle 21 allo Spazio Gloria di Arci Xanadù in via Varesina 72 a Como. Lo spettacolo scritto da Beatrice Marzorati e diretto da Gabriele Penner, il Teatro d’Acqua Dolce proporrà un viaggio che attraverso le vicissitudini di cinque personaggi riporterà il pubblico alla nascita della Cooperativa degli operai di Como, alle origini della Coop. L’ingresso è libero. Info comitatosocicoopcomo.blogspot.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: